laRegione
BENCIC B. (SUI)
PEGULA J. (USA)
07:55
 
scudo-la-pandemia-porta-piu-incertezza-ma-piu-utenti
Fra cure e Covid (Ti-Press)
Luganese
19.06.21 - 15:140

Scudo: la pandemia porta più incertezza ma più utenti

Il servizio di cure a domicilio del Luganese chiude il 2020 con un volume d'affari di circa 20 milioni e un utile di oltre 300mila franchi

Un anno “particolarmente segnato dalla pandemia”, così come in tutto il mondo, anche nel settore delle cure a domicilio. Un 2020 che ha dunque portato importanti ripercussioni sul piano delle cure e naturalmente dei costi. Scudo, il servizio di cure a domicilio del Luganese, ne è però uscito a testa alta: “Sebbene il periodo sfavorevole ci ha accompagnati per tutto l'anno, grazie a un'accurata pianificazione del personale e delle cure come al sistematico controllo finanziario – annotano il presidente Sergio Macchi e il direttore Paolo Pezzoli nel commentare il consuntivo – abbiamo saputo rispondere proattivamente riuscendo a sostenere l'ente Lugano istituti sociali (Lis) nel momento più acuto della pandemia”.

Scenario, definito, “inconsueto” che secondo i responsabili “ha sconvolto le abitudini dell'utenza e delle loro famiglie”. In primo luogo il servizio si è confrontato con un cambiamento organizzativo “repentino” per far fronte alle nuove esigenze di presa in carico: “Il tutto ha comportato una modifica nella pianificazione dell'offerta di cure e delle varie attività di gestione”. Ritardi, posticipazioni e bruschi arresti, sono solo alcuni dei maggiori riflessi. E se la prima ondata, quella fra marzo e giugno, è stata clemente per i collaboratori, la seconda è invece stata particolarmente marcata e incontrollabile, qui il virus ha colpito 43 collaboratori, 29 i positivi e 14 in quarantena, “tutti assenti a scaglioni, per isolamento o quarantena, nello spazio temporale di due mesi e mezzo” che ha, giocoforza, ingigantito criticità e problematiche. “A oggi – non mancano inoltre di sottolineare Macchi e Pezzoli – l'insicurezza e la paura per la nostra salute, seppur mitigate, dominano ancora la scena”. Da qui la necessità della campagna di vaccinazione che ha raccolto la disponibilità di 110 collaboratori. Non solo: “Per cercare di contenere il contagio a garanzia di una maggiore sicurezza – è stato ancora spiegato – abbiamo imposto l'uso della mascherina anche a tutti gli utenti, limitatamente agli interventi sanitari, indipendentemente dalla presenza di una sintomatologia influenzale. In questo panorama, la richiesta di materiale di protezione ha subìto un'impennata considerevole, di riflesso le lievitazione dei prezzi, in alcuni casi maggiorati eccessivamente. Il materiale scarseggiava, non era reperibile o fornibile in tempi brevi. Le forti richieste hanno generato elevati costi d'acquisto, in seguito rientrati a favore di un maggiore equilibrio tra domanda e offerta”.

Mascherina dove sei?

La pandemia, per Macchi e Pezzoli, ha soprattutto “contribuito a evidenziare una falla organizzativa”, infatti “nella maggioranza dei servizi e strutture non erano disponibili degli adeguati quantitativi di ausili di protezione, una generale carenza delle scorte che ha causato non pochi disagi. Il nostro servizio – non hanno mancato di ricordare presidente e direttore – fortunatamente non era fra questi. Al nostro interno abbiamo avuto tutto il necessario per garantire la protezione ai nostri collaboratori e all'utenza, attingendo anche alle scorte del Lis”. C'è di più: “Preventivamente, a riparo da eventuali future pandemie, per disposizione dell'Ufficio di vigilanza sanitaria, ogni servizio è ora tenuto a dotarsi di mezzi di protezione monouso, sufficienti a garantire un'autonomia di tre mesi”.

Dal profilo finanziario, con un volume d'affari di circa 20 milioni, Scudo ha rilevato un utile d'esercizio pari a oltre 300mila franchi. Importanti le spese per il personale che rasentano i 17 milioni e mezzo e rappresentano quasi il 93% della globalità dei costi. Statistiche tornate in positivo anche per il numero degli utenti che vedono, dopo qualche anno a questa parte in calo, un aumento dello 0,04%, dopo il meno 5 del 2016, il meno 2,31 del 2017, il meno 5,02 del 2018 e il meno 3,18 del 2019. Preponderanza della clientela femminile: 1'440 dei 2'255 utenti sono donne contro 815 uomini. Interessante il genere e la tipologia della prestazione. La stragrande maggioranza degli utenti richiedono solo le cure (1'207), 457 solo un servizio di economia domestica, 507 entrambe. Interessante il numero delle ore erogate per fasce d'età e genere: il maggior numero di collaboratori è stato, infatti, attivato per coloro che hanno fra 85 e 89 anni (il 18,75%) per un totale di 423 utenti. Presente su tutto il territorio luganese, Scudo ha toccato quasi totalmente ogni comune, frazione o quartiere, da Bissone alla Capriasca, da Gandria a Vezia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
2 ore
Ice fishing, valutazioni in corso per Carì e il Tremorgio
Dopo la proposta della ‘Locarnese’, un gruppo di lavoro ha individuato i due laghi alpini leventinesi come potenziali luoghi ideali per la pesca sul ghiaccio
Ticino
2 ore
Vaccini, test, cartelle cliniche online, la svolta sanitaria
Dopo vari ritardi, accelera ora la sanità digitale. La storia clinica di ogni paziente ticinese accessibile con un clic, ma c'è chi fa resistenza
Ticino
11 ore
Un ‘certificato parziale’ per chi vuole andare in Italia
Il documento, con codice QR, viene rilasciato da oggi in Ticino dopo la prima dose a chi ne fa richiesta. Si spera in un riconoscimento entro il 6 agosto.
Luganese
12 ore
Arogno, cade nella benna per un malore
Sul posto sono intervenuti i soccorritori del SAM ed un elicottero della REGA. Le condizioni sarebbero serie
Bellinzonese
13 ore
'Temperature in sella', quarta tappa verso Losanna con sorpresa
I 50 ciclisti hanno percorso una ventina di chilometri su un battello sul lago Lemano, evitando così le strade trafficate della Riviera del Lavaux
Ticino
14 ore
Ecco i radar di fine luglio
Il distretto più coinvolto dai controlli elettronici della velocità la prossima settimana sarà quello di Locarno con 8 località
Ticino
14 ore
Visite e accessi, nuovi allentamenti nelle strutture sociosanitarie
Il Dss: 'La situazione epidemiologica e il buon grado di copertura vaccinale permettono di rivedere le direttive'. Le novità da lunedì.
Gallery
Mezzovico
15 ore
San Mamete torna a risplendere a Mezzovico
Completato dopo nove anni dall'inizio dell'iter il restauro della chiesa monumento storico e d'importanza cantonale e federale
Ticino
21 ore
Sono 32 i nuovi casi di coronavirus in Ticino nelle ultime 24 ore
Si contano inoltre 11 persone ricoverate, due nei reparti di terapia intensiva
Luganese
21 ore
Salvataggio Lugano prima al mondo a ottenere la certificazione Hira3
‘Un'eccellenza per quanto riguarda i diving center’. La Sezione celebra inoltre il 70esimo anniversario della sua fondazione
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile