laRegione
07.06.21 - 18:12
Aggiornamento: 21:41

Autogestione a Lugano: 'Dialogo necessario ma ora difficile'

Parla Iared Camponovo, portavoce di ACT by Campax che ha consegnato oggi a Palazzo Civico oltre 6'000 firme a favore di un centro sociale

autogestione-a-lugano-dialogo-necessario-ma-ora-difficile
Il foglio, tenuto in mano da Iared Camponovo, prova che la petizione è stata ricevuta (Ti-Press)

Sono state consegnate nel primo pomeriggio di oggi alla cancelleria di Lugano le 6'042 firme raccolte online nel giro di una settimana allegate alla petizione a sostegno dell'autogestione in città. Dopo lo sgombero e la demolizione dello stabile che ospitava alcuni autonomi del Molino, le attività promosse in piazza e la manifestazione di sabato scorso, restano oscuri i retroscena che hanno spinto la maggioranza del Municipio a dare il via libera alle ruspe. Sono diverse le domande alle quali l'esecutivo non è disposto a rispondere pubblicamente. Tra queste, spicca la presunta presenza di amianto nello stabile raso al suolo, anche se a pochi giorni dai fatti è giunta la parziale smentita sulla base della perizia ordinata dall'autorità cittadina. Ma c'è pure il fatto che una discussione all'interno del Municipio è stata fatta sull'ipotesi di sgomberare e demolire, per ragioni di sicurezza (e per evitare un 'rientro' degli autonomi) una parte di quell'edificio (il tetto e una parte di un muro) ben prima di sabato 29 maggio. Sarà l'inchiesta penale avviata dal Ministero pubblico a fare chiarezza. Nel frattempo, la controversa decisione ha alimentato il supporto all'esperienza del centro sociale che ora continua nelle strade e nelle piazze di Lugano. Oltre all'annunciata assemblea prevista stasera alle 19 in piazza della Riforma, come detto oggi è stata consegnata una petizione.

Petizione sottoscritta da luganesi

Le firme sono state portate a Palazzo Civico da Iared Camponovo, responsabile della piattaforma per petizioni ACT by Campax di Zurigo che conduce campagne proprie su temi scelti. A lui abbiamo rivolto alcune domande. Chi sono i promotori di questa iniziativa? «I promotori sono cittadini che vivono a Lugano e di una certa età. Persone che hanno vissuto l’autogestione negli ultimi vent’anni. Queste persone, a causa della sensibilità del tema e del fatto che il Ticino è molto piccolo, hanno preferito non esporsi in prima linea», ha risposto Camponovo. Qual è l'obiettivo della petizione? «La petizione è solamente una parte di tutto un processo in atto. Servirà più che altro ad aumentare la pressione sulla politica e fare in modo che non si nasconda la questione sotto il tappeto troppo in fretta visto l'interesse al tema». Le chiedo un commento sulla manifestazione di sabato e sulle attività che ora vengono svolte su suolo pubblico. «La manifestazione di sabato scorso è stata tutto sommato tranquilla, molto partecipata, colorita e, a parte qualche episodio da condannare, la maggior parte delle persone è scesa in strada per manifestare il proprio dissenso in maniera pacifica in merito a quanto successo sabato 29 maggio. Sono personalmente contento di come stanno evolvendo le cose e che ci siano quotidianamente azioni che restano pacifiche. Siamo sulla buona strada per arrivare a delle trattative con l'autorità per un nuovo spazio autogestito».

'Centro sociale in città, non ai margini'

Il dialogo fra le parti è un punto però dolente. Oggi, pare tuttavia che non ci siano, almeno a breve termine, margini per riattivarlo, da parte degli autonomi (o di una parte di essi). È questa la differenza rispetto a 19 anni fa, dopo lo sgombero del Maglio ordinato dal Consiglio di Stato nel 2002, quando lo scenario fu simile. Lei cosa ne pensa? «Il dialogo è senz'altro importante. È difficile però dialogare con chi ti ha distrutto la tua casa, o il tuo luogo di ritrovo. Credo che per riattivarlo occorra una mediazione da parte di una persona esterna. È importante che anche i 'molinari' si rendano conto della necessità di discutere con l'autorità. Capisco che ora è complicato, ma bisogna uscire da questo conflitto». Cosa ne pensa della proposta di sede alternativa (l'ex depuratore del Consorzio Depurazione Acque del Medio Cassarate in territorio di Cadro, lungo il piano della Stampa) fatta dal Municipio di Lugano al Molino? «Non prendo posizione a nome del Csoa. Personalmente, posso dire che è una proposta, ma ci tengo a far sapere che l'autogestione non deve'essere marginalizzata ai confini della città. Anche in altre realtà urbane svizzere, l'autogestione avviene nelle città, non ai margini. Non ho idea di cosa deciderà Il Molino, comunque l'autogestione deve far parte di aree urbane».

Leggi anche:

Le ruspe hanno demolito il Molino

‘Fuori dall'ex Macello, il Molino torna in piazza’

Clima festoso, oltre 2000 in centro per l'autogestione

Ex Macello, la perizia parziale: non c'è amianto nei detriti

Il Ministero pubblico sequestra l'ex Macello di Lugano

L’alternativa all’ex Macello? L’ex depuratore di Cadro

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
22 min
Massagno, Ibsa si prepara a lasciare la storica sede
Sorta nel 1945, l’azienda si trasferirà definitivamente l’estate prossima. Suscita interesse e curiosità il futuro del vasto terreno che occupa.
Mendrisiotto
3 ore
A2 a sud, pronti a partire con uno studio di fattibilità
Il Cantone si fa carico di analizzare le due varianti proposte sullo spostamento del tracciato autostradale. La Crtm incontrerà i responsabili del Dt
Grigioni
3 ore
San Bernardino, applausometro 7 su 10 per Artioli e progetti
Un successo la presentazione a Mesocco: 400 posti di lavoro in inverno e 250 in estate, gettito fiscale quintuplicato e 40 milioni per gli impianti
Luganese
3 ore
Lugano, la casa da gioco compie vent’anni e fa tornare i conti
Limitato l’impatto della concorrenza campionese, il casinò affronta la questione energetica e invia la richiesta di rinnovo della concessione federale
Bellinzonese
13 ore
Grave all’ospedale una 19enne, forse dopo rave party
Quattro giovani, nel frattempo identificati, l’hanno lasciata all’ospedale San Giovanni. Venivano da una festa abusiva organizzata a Roveredo
Luganese
14 ore
Capriasca, la Giudicatura di pace trova casa a Vaglio
Inaugurata la nuova sede del Circolo che comprende anche Origlio e Ponte Capriasca e che risolve poco meno di 200 incarti all’anno
Grigioni
17 ore
Sindaco di Lostallo, Moreno Monticelli pronto a rinunciare
Municipio riconfermato in blocco: ‘Lavoriamo bene, se Giudicetti vuole continuare io faccio un passo indietro’. A Castaneda la novità è Salvanti
Ticino
19 ore
I Verdi approvano la lista col Ps: ‘Saremo la vera novità’
L’Assemblea ha ratificato le candidature di Samantha Bourgoin e Nara Valsangiacomo per il Consiglio di Stato. ‘Bisogna puntare al raddoppio in governo’
Video
Ticino
1 gior
La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale
Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
2 gior
A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate
L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
© Regiopress, All rights reserved