laRegione
PAIRE B./RINDERKNECH A.
HUESLER M./STRICKER D.
15:00
 
dal-corteo-degli-oltre-2000-il-molino-difeso-con-la-forza
TI-PRESS
Almeno duemila
+6
Luganese
05.06.21 - 17:080
Aggiornamento : 06.06.21 - 15:59

Dal corteo degli oltre 2000: 'Il Molino difeso con la forza'

I manifestanti partiti dal centro si dirigono verso Molino Nuovo. E nei pressi delle macerie dell'ex Molino, l'urlo: 'Vergogna, vergogna'

Dalla Piazza della Riforma, ribattezzata dagli autogestiti "della Rivolta", al lungolago, quindi al liceo, fino ad avvicinarsi, ma senza giungervi, ai pressi delle macerie dell'ex Macello, demolito su ordine della maggioranza del Municipio di Lugano esattamente una settimana fa. Qui le urla: "Vergogna, vergogna" e qualche tensione. Poi via Pretorio e quindi in direzione di Piazza Molino Nuovo, dove la manifestazione si è fermata. Appesi alcuni striscioni e acceso qualche fumogeno. 

Avanzata pacifica e rumorosa 

Il corteo per l'autogestione - almeno 2000 i partecipanti - apertosi davanti a Palazzo civico, nel cuore della city, dal primissimo pomeriggio avanza pacificamente e rumorosamente. Tra i diversi discorsi, la rivendicazione di una presenza, quella dell'autogestione, "perché questa è la continuazione di un cammino, che oltrepassa questo momento, che affonda le sue radici nella storia delle lotte sociali, per una umanità libera di esistere senza chiederne il permesso" - ha detto un molinaro, fra i relatori intervenuti al momento dei discorsi, che ha aggiunto: "Ci scusiamo per il disagio, ma la nostra visione è chiara: i sogni si spingono verso un orizzonte (...). Eppure è imprescindibile percorrere questa via senza indugiare per la nostra dignità, per continuare a immaginare il futuro". "E a disagio ci sentiamo anche noi senza un focolare dove esprimere la nostra esperienza ed elaborarne di nuove. Siamo contenti ad essere qui insieme in cerca di una libertà, per noi, per voi e per l'umanità intera". 

Un'edizione del Mattino rielaborata 

Tra i diversi volantini esibiti durante la manifestazione, quello intitolato 'Fuori la Lega da Lugano', con il brand del Mattino della domenica. E poi canti e slogan: 'Il Molino non si tocca, lo difenderemo con la forza".  E cori contro Norman Gobbi, capo del Dipartimento delle istituzioni. 

Anche slogan sui muri e sugli autobus, 'opera di infiltrati'

Non sono mancate scritte sui muri, ad opera di uno sparuto gruppo di una decina di giovani, definiti "degli infiltrati" da molti manifestanti da noi interpellati. Fra queste all'autosilo di Piazza Castello: "Sgomberate i nostri sogni, occupiamo i vostri incubi". E ancora: "Fascio infame". Scritte anche su alcuni autobus e alcune vetrine del centro, in particolare in Viale Cattaneo. E sarebbe stata infranta una vetrina della banca, Pkb di via Balestra. 

Durante la manifestazione la presenza di una frangia vestita in nero. Il corteo si dissocia 

Intanto, durante tutto il corteo una frangia di una ventina di persone vestita di nero si è distinta per incutere timore. Qualcuno ha pensato anche a possibili disordini. In Piazza  Molino Nuovo, luogo di arrivo del corteo, questa frangia facinorosa si è tolta i vestiti e li ha bruciati in segno di protesta. Il corteo, via megafono, durante la manifestazione ha preso le distanze da questo gruppo, battendosi per "un corteo pacifico", quale è stato. 

 

 

Guarda tutte le 10 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mondo digitale
53 min
'L'arte digitale è qui per rimanere'
La nuova mania del collezionismo che offre ad artisti e compratori proprietà e investimenti digitali
Mendrisiotto
1 ora
Chiasso ha fatto la sua scelta: meglio in Pedibus che in bus
Niente più sovvenzioni al trasporto pubblico per i più piccoli. Il Comune scommette sul tragitto casa-scuola a piedi
Locarnese
2 ore
Lite tra ragazze a Locarno, una vetrina spaccata
L'episodio, avvenuto questa notte nella Città Vecchia, vedrebbe coinvolte quattro giovani
Bellinzonese
8 ore
Ice fishing, valutazioni in corso per Carì e il Tremorgio
Dopo la proposta della ‘Locarnese’, un gruppo di lavoro ha individuato i due laghi alpini leventinesi come potenziali luoghi ideali per la pesca sul ghiaccio
Ticino
8 ore
Vaccini, test, cartelle cliniche online, la svolta sanitaria
Dopo vari ritardi, accelera ora la sanità digitale. La storia clinica di ogni paziente ticinese accessibile con un clic, ma c'è chi fa resistenza
Ticino
17 ore
Un ‘certificato parziale’ per chi vuole andare in Italia
Il documento, con codice QR, viene rilasciato da oggi in Ticino dopo la prima dose a chi ne fa richiesta. Si spera in un riconoscimento entro il 6 agosto.
Luganese
18 ore
Arogno, cade nella benna per un malore
Sul posto sono intervenuti i soccorritori del SAM ed un elicottero della REGA. Le condizioni sarebbero serie
Bellinzonese
19 ore
'Temperature in sella', quarta tappa verso Losanna con sorpresa
I 50 ciclisti hanno percorso una ventina di chilometri su un battello sul lago Lemano, evitando così le strade trafficate della Riviera del Lavaux
Ticino
20 ore
Ecco i radar di fine luglio
Il distretto più coinvolto dai controlli elettronici della velocità la prossima settimana sarà quello di Locarno con 8 località
Ticino
20 ore
Visite e accessi, nuovi allentamenti nelle strutture sociosanitarie
Il Dss: 'La situazione epidemiologica e il buon grado di copertura vaccinale permettono di rivedere le direttive'. Le novità da lunedì.
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile