laRegione
02.06.21 - 22:12
Aggiornamento: 13.06.21 - 17:05

Ex Macello, una mail conferma il preavviso della polizia

Sarebbe la ditta che si è occupata della messa in sicurezza del sedime ad aver segnalato la telefonata delle 17.50 del vice comandante della Polcom di Lugano

ex-macello-una-mail-conferma-il-preavviso-della-polizia
L'inchiesta penale è in corso (Ti-Press)

Nuovi sviluppi nella vicenda del presunto ordine d’intervento dato dal Comando della Polcom luganese a una delle ditte coinvolte nella demolizione dell’ex Macello, comunicazione che sarebbe stata inviata dalla polizia prima dell’occupazione da parte dei Molinari dello stabile Vanoni.

‘laRegione’ ha avuto accesso a documenti riservati che confermerebbero l’esistenza di un preavviso telefonico dato alle 17.50 di sabato 29 maggio a una delle ditte intervenute nel “cantiere” in riva al Cassarate. La chiamata, secondo quanto scritto dalla medesima impresa, sarebbe stata effettuata dal vice comandante della Comunale.

Stando a nostre informazioni, ai lavori effettuati tra sabato e domenica all’ex Macello hanno partecipato in tutto tre imprese di costruzione: due incaricate della demolizione e una terza per la messa in sicurezza del sedime. Sarebbe in effetti quest’ultima, intervenuta sul posto soltanto domenica, ad aver segnalato il preavviso telefonico delle 17.50 della Polcom.

La questione del presunto ordine d’intervento è stata resa nota dal sindacato Unia tramite un comunicato stampa in cui indica che almeno una delle tre ditte coinvolte nella demolizione dell’ex Macello ha ricevuto l’ordine d’intervento da parte del comando della polizia di Lugano poco prima delle 18.00 di sabato (ovvero ben prima che fosse messa in atto l'occupazione dell'ex Vanoni, avvenuta intorno alle 18.30). La segnalazione è stata seguita da una nota della Polcom luganese in cui viene smentito “categoricamente che un membro del Comando abbia preavvisato una o più ditte alle ore 17:50 di sabato 29 maggio 2021, cioè prima che avvenisse l'occupazione dello stabile in via Simen”.

Sull’intera vicenda dello sgombero e successiva demolizione dell’ex Macello è in corso un inchiesta penale coordinata dal Procuratore generale Andrea Pagani e dal Procuratore pubblico capo Arturo Garzoni.

 

Leggi anche:

Le ruspe hanno demolito il Molino

Ruspe chiamate prima dell'occupazione dell'ex Vanoni

Molino, PolCom Lugano: 'Nessuna ditta preavvisata alle 17.50'

Il Ministero pubblico sequestra l'ex Macello di Lugano

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
Vaccinazioni di richiamo autunnali in Ticino dall’11 ottobre
Le informazioni sono già disponibili sul sito ufficiale dedicato alle vaccinazioni www.ti.ch/vaccinazione
Locarnese
2 ore
A13 Quartino: invece del triangolo, rotonda e semaforo
La novità viaria decisa da Ustra e Cantone per ragioni ambientali e legali. Promessi monitoraggio e perfezionamenti
Locarnese
2 ore
Minusio, sfruttare l’acqua di falda (o lacustre) per riscaldare
Lo suggerisce una mozione presentata dall’Usi che invita il Municipio a seguire analoghi esempi studiati altrove
Ticino
4 ore
‘Si allarghino le fasce di reddito per i sussidi cassa malati’
L’iniziativa del Ps e i due rapporti allestiti saranno al centro della prossima seduta della Commissione parlamentare sanità e sicurezza sociale
Ticino
4 ore
I 25 anni della Supsi secondo Gervasoni, tra successi e futuro
L’importanza della formazione professionale, i ricordi di quell’acronimo che faceva sorridere e ora è un’istituzione, gli obiettivi da raggiungere (tanti)
Luganese
7 ore
Mezzovico: lite fra giovani degenera, interviene il... papà
Condannato per vie di fatto un 57enne che, durante un alterco fra il figlio e alcuni coetanei (fra cui la ex), ha tirato quattro sberle a tre dei ragazzi
Bellinzonese
7 ore
Necessari 45 milioni per il nuovo Ior a Bellinzona
Studio di fattibilità concluso: oltre ai 12 laboratori sono previsti una mensa e un auditorium, e forse anche un asilo nido per i figli dei ricercatori
Locarno
14 ore
Originalità e ambizione: la Cultura è in due parole
Direzione dei Servizi, con il bando uscito ieri la Città di Locarno cerca una figura in grado di ridisegnare l’intera struttura
Ticino
17 ore
Mafie in Ticino: ‘Tanti i progetti, ma sono davvero operativi?’
A chiederlo è il deputato Quadranti (Plr) sentito in audizione dalla Commissione giustizia e diritti in quanto non soddisfatto delle risposte del governo
Mendrisiotto
17 ore
Aim di Mendrisio, crediti quadro più ‘trasparenti e oculati’
La Commissione della gestione richiama le Aziende sull’uso di questo strumento finanziario. E smagrisce l’investimento richiesto di quasi 2 milioni
© Regiopress, All rights reserved