laRegione
28.05.21 - 21:49

Sigirino: centro polisportivo Ochsner, caduta l'opposizione

Dichiarata irricevibile quella di Rocco Cattaneo, il Piano di quartiere è ora cresciuto in giudicato ed è imminente la domanda di costruzione

sigirino-centro-polisportivo-ochsner-caduta-l-opposizione
Rendering del centro per gli sport di ghiaccio che dovrebbe sorgere a Sigirino

Si sblocca il progetto del maxi centro sportivo che Gianni Ochsner intende costruire a Sigirino, ai piedi del dosso di Taverne nei pressi del cantiere AlpTransit. Fermo da alcuni mesi a causa di un'opposizione, questa ora è venuta a cadere e l'iter potrà riprendere il suo corso. In particolare, era stato il consigliere nazionale Rocco Cattaneo a opporsi al Piano di quartiere necessaria per proseguire. Ma ora, quest'opposizione è stata dichiarata irricevibile dal Comune e la decisione non è stata impugnata dal ricorrente. «Sì, esatto – conferma l'imprenditore attivo nell'ambito dei rifiuti –: ora la licenza è cresciuta in giudicato e quindi siamo in procinto di inoltrare la domanda di costruzione, mi auguro già nel giro di una o massimo due settimane».

‘Vorremmo essere pronti per le Olimpiadi di Milano-Cortina’

L'opposizione dell'ex presidente nazionale del Partito liberale-radicale, ricordiamo, verteva essenzialmente su tre aspetti procedurali: una questione pianificatoria legata all'azzonamento, un'altra idrologica inerente alla falda freatica e infine c'era la richiesta di produrre uno studio relativo all'impatto sul traffico. Un primo ostacolo che ora è superato, ma Ochsner è prudente: «Di strada da fare ce n'è ancora parecchia. Certo, siamo contenti e ora andiamo avanti, ma potrebbero esserci altri ricorsi in futuro. Ad esempio c'è una problematica relativa a una strada comunale di accesso per la quale bisognerà trovare un accordo con il Comune. A breve faremo una presentazione del progetto al nuovo Municipio (uscito radicalmente cambiato dalle elezioni comunali del 18 aprile, ndr). Stiamo lavorando tutti a cento all'ora per inoltrare la domanda di costruzione. La aspettano davvero in tanti: in molti sono interessati a venire a fare dei campus per le Olimpiadi di Milano-Cortina del febbraio 2026, ci sono già delle squadre di curling che si sono fatte avanti. Per questo ci piacerebbe che il centro fosse concluso entro la fine del 2024 o l'inizio del 2025».

Andrebbe a risolvere un'endemica mancanza di spazi

Il centro polifunzionale è orientato infatti agli sport di ghiaccio. Tre le piste previste – una principale, una per l'allenamento e una per il curling –, che andrebbero a soddisfare un'esigenza endemica nella regione. Nel progetto, un investimento stimato in 48 milioni di franchi, sono previsti poi numerosi altri spazi, fra questi anche degli alloggi e delle sale di allenamento per altri sporti invernali, con neve artificiale. Un'iniziativa che, oltre ad aver suscitato il forte interesse degli addetti ai lavori, piace anche al Comune, che si augura di poter allestire una convenzione che permetta ai propri giovani delle facilitazioni nell'utilizzo delle infrastrutture.

Leggi anche:

C'è fame di ghiaccio: Ochsner progetta, Cattaneo si oppone

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
23 min
Tra l’Alabama e il Ticino
L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
29 min
Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico
Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
1 ora
Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi
Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Ticino
2 ore
Un ottobre da... radar
Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
Bellinzonese
2 ore
Camorino, servono 2,5 milioni in più per il Centro polivalente
Il Consiglio di Stato chiede un credito suppletorio ai già stanziati 11 milioni: ‘Necessario aumentare le superfici degli alloggi’ per richiedenti l’asilo
Luganese
2 ore
Lugano, disavanzo di 5,3 milioni nel Preventivo 2023
Dato positivo, ma da relativizzare, spiega Foletti, considerando il nuovo sistema di calcolo. Moltiplicatore d’imposta: si propone di lasciarlo al 77%
Ticino
3 ore
‘Serve una lista forte’, Mirante critica la direzione Ps
Per l’esponente socialista la proposta di lista che la direzione presenterà al Congresso del 13 novembre si basa su un ragionamento ‘fallace a azzardato’
Locarnese
4 ore
Locarno, licenziato l’agente dei presunti atti d’esibizionismo
L’esecutivo cittadino ha comunicato in giornata la decisione presa. Il poliziotto, dal canto tuo, ricorrerà al Consiglio di Stato
Bellinzonese
4 ore
Camorino: ‘La Città si ricordi la nostra volontà politica’
Le esortazioni dell’ex sindaco Donadini, mense scolastiche, parchi giochi e una sede per le società: sono alcuni temi dell’incontro col Municipio turrito
Mendrisiotto
4 ore
Ritorno al salario minimo: ‘Doveva andare così’
Il fronte sindacale (Ocst e Unia) commenta il dietrofront di Ticino Manufacturing. Rischio delocalizzazione, ‘si paga pegno ma non alla legge’
© Regiopress, All rights reserved