laRegione
lugano-frode-al-fisco-e-riciclaggio-passati-dalla-citta
Stando all'accusa, per far scomparire i soldi destinati alle tasse, avrebbero tratto un compenso del 18 per cento (Ti-Press)
27.05.21 - 19:26
di Marco Marelli

Lugano, frode al fisco e riciclaggio passati dalla città

Sono due fratelli comaschi, le persone molto note nel nord Italia finite nella rete dell'inchiesta denominata ‘Swift-My-Cash’

Sono due fratelli comaschi, il maggiore dei quali residente a Lugano, finiti in carcere con l'accusa di riciclaggio internazionale, frode fiscale e corruzione tra privati, nell'ambito di un'inchiesta coordinata dal pubblico ministero Paolo Storari, sostituto della Direzione distrettuale antimafia di Milano. Entrambi sono nomi molto conosciuti, e non solo nella Como che conta, ma anche in diverse città italiane, incominciando dal capoluogo lombardo, dove il maggiore dei due fratelli è titolare della Luga srl, legata a filo doppio della fiduciaria luganese Luga Audit & Consulting Sa, con sede in viale Stefano Franscini. L'uomo, 63 anni, ha una nomea di mago del fisco. La sua fiduciaria luganese sarebbe stata frequentata da decine di imprenditori del Nord Italia, interessati, secondo gli inquirenti milanese a trasferire capitali in paradisi fiscali, è nel board dell'esclusivo golf Villa d'Este. Il fratello minore, 54 anni, è altrettanto conosciuto, anche negli ambienti politici-amministrativi lombardi. Sino lo scorso anno in qualità di vice presidente era componente del comitato di vigilanza di Infrastruttura Lombarde, il braccio operativo di Regione Lombardia. Incarico che aveva lasciato dopo che era uscito con un patteggiamento da un'accusa di frode fiscale. Il maggiore dei due fratelli la scorsa settimana è comparso davanti al giudice delle udienze preliminari di Como, assieme a tre amministratori di una società di Turate. Nei loro confronti, l'accusa è di aver inserito nella dichiarazione dei redditi degli anni 2012-2013 quali elementi passivi, utili a ottenere un sconto sulle tasse, fatture considerare ''in tutto o in parte inesistenti'' per una cifra complessiva di quasi 800 mila euro. Fatture emesse da società, legate e gestite – secondo la guardia di finanza – dai fratelli comaschi. Un sistema che troviamo anche nell'inchiesta condotta dal pm Paolo Storari che ha accertato il riciclaggio di oltre 20 milioni di euro finiti in paradisi fiscali, in particolare Mauritius e Bahamas dove il 63enne fiduciario residente a Lugano avrebbe gestito un fondo di 14 milioni di euro. Stando all'inchiesta milanese il compenso dei due fratelli comaschi per far scomparire i soldi destinati alle tasse sarebbe stato del 18 per cento.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
due fratelli frode fiscale inchiesta lugano riciclaggio
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Grigioni
1 ora
Condanna bis al comandante della polizia William Kloter
Pena ridotta ma confermata in Appello la grave infrazione alle norme della circolazione: l’ufficiale era stato pizzicato da un radar sull’A13 a Soazza
Bellinzonese
2 ore
Scarsità di acqua, il Centro di Lumino critica l’ex Municipio
In tre interrogazioni i consiglieri comunali chiedono se vi sono perdite nelle condutture, sorgenti alternative e se l’approvvigionamento sarà garantito
Ticino
2 ore
Atti sessuali con fanciulli, 77enne rinviato a giudizio
L’uomo avrebbe abusato di sette bambini sull’arco di 20 anni, recandosi apposta anche in Thailandia. È parzialmente reo confesso.
Bellinzonese
3 ore
Scelto il progetto per la riqualifica del comparto Aet di Bodio
L’Azienda elettrica ticinese vuole rendere la zona fruibile agli abitanti e offrire servizi moderni ai centri interaziendali. Investimento di 10 milioni
Luganese
3 ore
Potenziamento dell’A2 tra Lugano e Mendrisio: ‘No’ comunista
Al grido di ‘No al degrado del territorio’, un’altra voce si leva contro il controverso progetto PoLuMe: quella del Partito comunista
Gallery e video
Luganese
3 ore
‘Trasloco’ di 40 metri per un edificio di 600 tonnellate
Spostamento necessario per la realizzazione del futuro sottopasso pedonale di Besso. Le operazioni sono durate tutta la mattinata
Locarnese
3 ore
Allerta meteo sul Locarnese: forti temporali
Pericolo di grandine, piogge torrenziali e raffiche burrascose. Il fronte del maltempo procede a una velocità di 25 km/h
Mendrisiotto
3 ore
A Breggia in 333 sono per il referendum sulle scuole
Il Comitato promotore consegna le firme in Cancelleria: ‘Obiettivo raggiunto’. Il nodo del problema, non i servizi didattici ma l’investimento
Locarnese
5 ore
Alta Vallemaggia, due vitelline ferite dal lupo
Accertamenti in corso all’Alpe Sfille, ma l’attacco del predatore presente da mesi in zona, è dato per certo
Ticino
5 ore
TicinoSentieri si rinnova grazie all’aiuto degli appassionati
La segnaletica lungo i sentieri è da rinnovare e con un’app gli escursionisti potranno censire i 5’470 cartelli lungo quasi 5mila chilometri di percorsi
© Regiopress, All rights reserved