laRegione
27.05.21 - 18:09
Aggiornamento: 18:24

Niente Lugano Marittima: ‘Decisione incoerente e inopportuna’

Non solo malumori social, scatta anche l'interrogazione a Lugano sulla scelta del Municipio di non organizzare nulla alla Foce del Cassarate

niente-lugano-marittima-decisione-incoerente-e-inopportuna
Il popolare ritrovo estivo nel 2019. Altri tempi... (Ti-Press/Archivio)

“Inopportuna e incoerente”. La decisione del Municipio di non organizzare Lugano Marittima, Mojito o altri ritrovi estivi sta scatenando le prime reazioni polemiche. E forse, visto l'appeal dei suddetti eventi e il generale clima di allentamento delle restrizioni, non poteva essere altrimenti. Non solo sui social: ci pensa anche un atto parlamentare a chiedere lumi all'esecutivo. È il consigliere comunale Gianmaria Bianchetti (Lega) ad aver preparato un'interrogazione sull'argomento dal titolo eloquente: “Lugano Marittima, perché perdere un'altra occasione?”.

‘Si  rischiano di nuovo problemi alla Foce’

Sottolineando il miglioramento della situazione epidemiologica e le conseguenti riaperture, “si ritiene poco opportuna ed incoerente la decisione del Municipio di non autorizzare l'apertura di uno degli eventi più attrattivi delle estati luganesi: Lugano Marittima”. Gli aspetti evidenziato nell'atto sono due: uno legato alla movida e l'altro alla sicurezza. “La scorsa estate e negli ultimi mesi si è già potuto constatare quanto possa rivelarsi problematica la zona della Foce, soprattutto durante le serate nei finesettimana. A tale riguardo ricordiamo gli scontri avvenuti con la polizia, la sporcizia lasciata in quella zona e le frequenti risse tra i giovani presenti”. Proprio per questo, “permettere a Lugano Marittima di riaprire al pubblico potrebbe contribuire a riportare ordine in quella zona, consentendo a cittadini e turisti di tutte le età di godere di uno spazio così unico oltreche privilegiato, rispettando ovviamente le prescrizioni dettate dal Consiglio federale, che sono già ora molto più permissive”. Inoltre, “non si può inoltre dimenticare che Lugano Marittima rappresenterebbe, in questi tempi magri, un'apprezzata opportunità economica per diversi esercenti e attività”.

‘Il Municipio torni sui suoi passi’

Cinque le domande poste all'esecutivo. In primis, si chiede di organizzare qualcosa alla Foce per non lasciarla “in balia degli eventi, spesso negativi”; se non si ritiene “contraddittorio il fatto che ristoranti e bar riaprano al pubblico anche i loro spazi interni mentre un luogo aperto come la foce venga invece considerato a rischio”; si chiede poi se davvero la situazione sia da considerarsi a rischio e se invece gli eventi non vadano incentivati; c'è poi la preoccupazione che “lasciare la foce senza alcuna particolare destinazione, non farà altro che creare inevitabilmente assembramenti selvaggi”; per arrivare infine alla richiesta di “ritornare sui propri passi”.

Leggi anche:

Ristoranti, eventi e incontri privati: si riapre più del previsto

Lugano, Foce 'vittima' della sua bellezza

Lugano: sabato sera di tensioni alla Foce, due fermi

Assembramenti al Foce, Borradori: 'Giovedì decidiamo'.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
2 ore
Ticino Manufacturing lascia TiSin e si adegua al salario minimo
L’associazione annuncia di aver sciolto il contratto con il ‘sindacato’ e di aver ritirato il ricorso contro la decisione dell’Ispettorato del lavoro
Locarnese
3 ore
Troppi supermercati e troppo traffico in quel di Losone?
Attraverso un’interpellanza Mario Tramèr (il Centro) chiede al Municipio se e come potrebbe il Comune limitare l’insediamento di nuove attività simili
Ticino
5 ore
Caccia alta, sei persone denunciate per gravi infrazioni
Il Dipartimento del Territorio rende noti i dati sulla stagione appena conclusa. Abbattuti più cervi rispetto al 2021, meno cinghiali e camosci
Luganese
6 ore
Direttore arrestato: ‘Si crei uno sportello per genitori’
Per la Conferenza cantonale dei genitori è importante che si riduca il rischio di situazioni simili. Contrastanti, intanto, le reazioni dei genitori.
Ticino
9 ore
Crisi energetica e telelavoro, Ocst: ‘Vigili sì, preoccupati no’
Dal sindacato cristiano sociale un webinar informativo. Isabella: ‘Non c’è giurisprudenza, partenariato importante’. Alari: ’Le spese preoccupano’
Ticino
9 ore
Sicurezza e prevenzione: gli occhi e le orecchie del Gpn
Gestione della minaccia: ruolo e missione del gruppo di specialisti della Polizia cantonale. Al quale il governo vuole ora dare una chiara base legale
Luganese
16 ore
Lugano: in arrivo Expo Ticinotour, grande fiera vintage
L’evento è in programma sabato 1° ottobre al Padiglione Conza: oltre 120 espositori, food-truck, bar, sala giochi, veicoli d’epoca e molto altro
Ticino
18 ore
‘Non si aggiungano ulteriori materie di studio al Liceo’
Tra ‘grandi scetticismi’ e ‘totale concordanza’, il Cantone risponde alla consultazione federale in merito alla Revisione dell’Ordinanza sulla maturità
Luganese
19 ore
Lugano, da Radio Rsi a Città della Musica con 21 milioni
Licenziato il messaggio municipale per l’acquisto dello storico stabile di Besso. Un’operazione che, spiega Badaracco, genererà 55 milioni di investimenti
Gallery
Grigioni
19 ore
A lezione d’integrazione sui banchi di Roveredo
Da lunedì tredici adolescenti fuggiti dall’Ucraina hanno iniziato a districarsi fra matematica e italiano nel padiglione 1 della Casa di cura Immacolata
© Regiopress, All rights reserved