laRegione
21.05.21 - 21:08

Il Malcantone batte il chiodo del tram (e del traffico)

Intervista a Eolo Alberti, nuovo presidente della Conferenza dei sindaci. Succede a Giovanni Cossi

il-malcantone-batte-il-chiodo-del-tram-e-del-traffico
Eolo Alberti

Eolo Alberti è il nuovo presidente della Conferenza dei sindaci del Malcantone. Sindaco di Bioggio, prende il posto del suo ex collega di Vernate Giovanni Cossi, che è stato nominato presidente onorario. La decisione è stata presa all’unanimità giovedì dai 17 sindaci malcantonesi. Del nuovo comitato fanno parte anche Piero Marchesi (Tresa), Thierry Morotti (Agno), Giovanni Berardi (Alto Malcantone) e Antonella Notari (Neggio). La Conferenza, ricordiamo, era nata sulle ceneri della disciolta Associazione dei Comuni.

Continuità nel dopo-Cossi

A Eolo Alberti chiediamo dunque quali sono le priorità per questa importante regione, oltre 20mila abitanti e molte industrie, a cavallo tra l’agglomerato di Lugano e la frontiera di Ponte Tresa. Un piccolo cosmo in ebollizione, tra grandi progetti, Comuni ricchi e Comuni poverissimi – il caso di Astano è emblematico – aggregazioni riuscite e altre mancate. Nonostante le diversità di questa particolare regione, praticamente una sola città nella zona pianeggiante e un grappolo di villaggi isolati sulle colline, attraverso la Conferenza dei sindaci ha avuto una voce sola e ben udibile. Sarà ancora così? «Stiamo cercando di ripartire dopo Giovanni Cossi.

Noi continueremo a batterci per la mobilità e la sostenibilità del nostro territorio. Dunque pieno sostegno alla rete tram-treno, alla circonvallazione stradale, e a tutte le misure di accompagnamento del piano viario, vale a dire interventi a Magliaso, Caslano e a Ponte Tresa. Naturalmente un’attenzione particolare la daremo alla riva lago che ci concerne, al Monte Lema con la sua funivia e alla cura dei nostri sentieri e dei nostri boschi. Queste saranno le priorità che continueremo a darci».

Insomma il tasto che verrà battuto resta quello del recente passato: il traffico, la mobilità, che in effetti vedono il Malcantone parecchio sacrificato dal flusso dei pendolari che ‘tagliano’ i principali abitati lungo la strada cantonale. Con un accento particolare sul progetto ferroviario che ha visto la Conferenza dei sindaci in vivace polemica contro chi ha interposto ricorso sul tracciato prescelto, in particolare l’Associazione traffico e ambiente che minaccia di portare la sua opposizione, se fosse il caso, fino al Tribunale federale.

Abusi di democrazia

«Sul tram-treno da 120 ricorsi circa, ne sono rimasti in essere una quindicina, gli altri sono stati risolti. Per cui poco alla volta stiamo arrivando a trovare i giusti equilibri. Penso che alla fine ne resteranno pochi di ricorsi, e saranno poi i tribunali a risolverli». Traffico nel Malcantone fa rima (anche) con frontalieri? «È inutile che ripeta che sono un leghista atipico, ma la situazione attuale non è sicuramente colpa dei frontalieri. Noi dovremmo incoraggiare i datori di lavoro a rivolgersi maggiormente ai ticinesi e agli stranieri domiciliati qui da noi».

Diamo ad Alberti la bacchetta magica. La sua prima mossa? «Nella nostra zona con la bacchetta magica vorrei davvero togliere il traffico. È inutile fare voli pindarici, è chiaro che avremmo bisogno di un migliore utilizzo del territorio, anche sulla parte pianeggiante del Malcantone, ma sono questioni che portano a fare filosofia e non a qualcosa di serio. Per esempio: pedonalizziamo i nuclei? Sarei il primo a dire: che bello! Ma le vie di collegamento da qualche parte le si deve far transitare, e normalmente si costruisce la casa dove c’è un collegamento viario, è sempre stato così e sarà sempre così... Nessuno vuole lasciare la macchina a 100 metri da casa propria. Mi piacerebbe avere delle circonvallazioni che evitino tutti gli abitati però bisogna essere oggettivi, questo è difficile, se non impossibile che accada. Sempre pensando alla bacchetta magica mi piacerebbe togliere l’abuso della democrazia che viene praticato da tanti persone, e anche da associazioni per bloccare i progetti. Mettiamo il caso della circonvallazione Agno-Bioggio: serve perché da Bioggio passano 30mila macchine al giorno. Poi arriva quello che dice: sì ma da un’altra parte sarebbe meglio.

Certo, tutto potrebbe essere più bello, anche della casa dove abito potrei dire che se l’avessi costruita io l’avrei fatta diversa... E la rete del tram-treno: se vogliamo perdere i sussidi andiamo avanti così, gli svizzeri tedeschi sarebbero contenti!». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
1 ora
Abbattuto un giovane lupo in Valle di Blenio
La sua cattura, avvenuta lunedì sera ad Aquila vicino all’abitato e a una stalla, era stata autorizzata il 23 novembre
Bellinzonese
3 ore
Rabadan in rosso, fra le novità 2023 un lieve aumento dei prezzi
Perdita di 117mila franchi, di cui 41mila per Lumino. Via il braccialetto, arriva il QR code. Si lavora a un programma completo. Ecco il gioco da tavolo
Mendrisiotto
6 ore
Piscina coperta regionale, ‘il Cantone dia delle certezze’
Tre deputati momò del Centro tornano alla carica. Sul progetto il Distretto attende ‘risposte chiare e inequivocabili’
Locarnese
6 ore
Via Stazione: dall’autosilo in giù tutto il fronte sarà demolito
Da ieri all’albo comunale di Muralto il progetto da 50 milioni per due nuove costruzioni a contenuti misti e un diverso “rapporto” con il Grand Hotel
Ticino
6 ore
Imposta di circolazione, dalla confusione al circo
Il pessimo spettacolo della politica: incapace di trovare un’intesa, ma capace di alimentare confusione. E poi chissà perché le urne vengono disertate...
Luganese
12 ore
Fra i 17 e i 27 milioni per la nuova piscina di Trevano
La notizia è trapelata a margine dell’assemblea dell’Ente regionale di sviluppo del Luganese. Passi in avanti per il Parco regionale del Camoghè.
Mendrisiotto
14 ore
Un territorio raccontato attraverso tredici storie di vita
Le conversazioni del poeta Massimo Daviddi e i ritratti del fotografo Aldo Balmelli in un libro che restituisce lo sguardo dei protagonisti
Ticino
15 ore
Tetto ai premi di cassa malati, Carobbio: ‘Grave non parlarne’
Per la consigliera agli Stati il ‘no’ all’entrata in materia è ‘un brutto segnale’. Chiesa: ‘rifiutiamo il principio, e per il Ticino cambierebbe poco’
Luganese
16 ore
Lugano, il futuro del fiume Cassarate passa dal Liceo 1
Per la riqualifica un’inedita collaborazione fra Dipartimento del territorio e ragazzi dell’istituto scolastico, fra nuovi accessi e un percorso didattico
Ticino
16 ore
Vigilanza sulla Procura federale, proposta Fiorenza Bergomi
La Commissione giudiziaria sottopone le proprie indicazioni all’Assemblea federale in vista delle nomine in programma per il 14 dicembre
© Regiopress, All rights reserved