laRegione
casino-di-lugano-l-ocst-chiede-di-incontrare-i-vertici
Una veduta della casa da gioco luganese (Ti-Press)
19.05.21 - 19:57
Aggiornamento: 22:41

Casinò di Lugano, l'Ocst chiede di incontrare i vertici

Il sindacato conferma le segnalazioni mentre non sono in apprensione sindaco e vicesindaco dopo l'incontro con il presidente del Cda

Preoccupazione, una richiesta formale di incontrare i vertici della società e la conferma sostanziale di quanto pubblicato su queste colonne ieri in merito ai problemi all'interno del Casinò di Lugano. Si può riassumere così la presa di posizione odierna del sindacato Ocst che peraltro abbiamo interpellato anche ieri. In effetti, scrive l'associazione di categoria, alcune "indicazioni verrebbero convalidate da segnalazioni pervenute alla nostra stessa organizzazione". Pertanto, l'Ocst ritiene di dover accertare questa situazione e rende nota la richiesta formale di un incontro con il Consiglio di amministrazione e la direzione della casa da gioco che, dal canto loro, hanno esercitato il diritto di replica smentendo quanto abbiamo riportato sulla scorta di diverse segnalazioni giunte alla redazione di personale interno e licenziato di recente dalla casa da gioco. Dipendenti che abbiamo incontrato e che ci hanno mostrato le buste paga di cui abbiamo scritto. Il sindacato Ocst confermando nella sostanza quanto abbiamo riferito "crede negli interessi di tutte le parti, e in particolare dell’azionista di maggioranza, ossia la Città di Lugano, e vuole avere la garanzia che presso la Casinò Lugano Sa vi siano condizioni lavorative adeguate e un contesto professionale sereno. Per queste ragioni, ritiene utile chiarire in tempi brevi se quanto emerso debba effettivamente avviare un lavoro per trovare adeguati correttivi". Una chiarezza necessaria e da fornire con una certa urgenza anche per tranquillizzare eventualmente il Municipio cittadino che come detto detiene la maggioranza del pacchetto di azioni della Sa.

Sindaco e vice: 'Rassicurazioni convincenti'

L'autorità cittadina non sembra invece particolarmente in apprensione. Il sindaco di Lugano Marco Borradori, assieme al vicesindaco Michele Foletti ne hanno discusso in mattinata assieme a Emanuele Stauffer, presidente del CdA della Casinò Lugano Sa. Secondo Foletti, «le rassicurazioni fornite dai vertici della società sono state tutto sommato convincenti, per cui la situazione non ci preoccupa più di tanto». In altre parole, le informazioni emerse dalle diverse segnalazioni e dalla presa di posizione del sindacato vengono interpretate come questioni di carattere personale che rientrano nell'ambito dei rapporti conflittuali fra datore di lavoro e dipendenti, in caso di malumori o di licenziamento. Borradori nella sostanza ci fornisce un resoconto simile a quello del vicesindaco, aggiungendo che, domani, entrambi riferiranno comunque dell'incontro con il presidente del CdA ai colleghi di Municipio nella seduta prevista in mattinata.

Giorgio Colombo rappresenta la Città nella Sa

Nel frattempo, ricordiamo che la nomina del rappresentante della Città, per il pacchetto azionario di maggioranza che partecipa all'assemblea degli azionisti, è già avvenuta lunedì nella seduta di insediamento del Consiglio comunale. E la scelta è stata dettata dalla continuità: è stato confermato il direttore della Divisione affari giuridici Giorgio Colombo che andrà al beneficio del pensionamento nei prossimi mesi e verrà sostituito nell'organico della Città dalla ex deputata in Gran Consiglio Amanda Rückert dal prossimo 1° di luglio.

 

 

Leggi anche:

Lugano, l'azzardo del casinò sul personale

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
casinò lugano municipio ocst presidente cda
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
44 min
Un altro furbetto dei crediti Covid in aula: condannato
Sottratti 80mila franchi ai danni dello Stato. ‘Aiuti ottenuti illecitamente’ gonfiando i bilanci di una società che gestiva un ristorante di Lugano
Bellinzonese
3 ore
Giubiasco, tutto pronto per tornare all’asilo dopo il nubifragio
Poco più di un anno fa la Scuola dell’infanzia Palasio era stata invasa da acqua e fango. Lavori di ripristino conclusi in tempo e preventivo rispettato
Locarnese
4 ore
Uno spazio pubblico multifunzionale per Solduno
Area per manifestazioni e un autosilo. In pubblicazione il Piano particolareggiato; seguirà il concorso architettonico
Bellinzonese
4 ore
Il Municipio di Giornico dice sì all’aggregazione con Bodio
A maggioranza l’esecutivo ha deciso di portare avanti una fusione ridotta rispetto al progetto Sassi Grossi abbandonato. Si attende la conferma di Bodio
Luganese
4 ore
Mai più sola, nuova associazione contro la violenza sulle donne
La presidente Deborah Magagna ci racconta il progetto di sostegno per le vittime. In programma un numero d’emergenza e sportelli nei Comuni
Locarnese
7 ore
Smottamento in Gambarogno: chiusa la strada per Indemini
Nottata tutto sommato tranquilla malgrado le forti precipitazioni. Ma una frana crea qualche disagio fra i Monti di Fosano e l’Alpe di Neggia
Locarnese
10 ore
Cevio: Esecutivo richiamato dalla Sel; forse si va al Tram
L’autorità di vigilanza chiede spiegazioni al Municipio sul volantino pre-referendum. Mattei annuncia il ricorso al Tribunale amministrativo
Ticino
10 ore
‘Inutile e dannoso’, no dei benzinai al contratto collettivo
Diverse opposizioni alla modifica che introdurrebbe salari minimi per i dipendenti. Centonze: ‘in Ticino c’è già la Legge sul salario minimo’
Ticino
10 ore
Ex Funzionario Dss, la Gestione ha scelto chi svolgerà l’audit
Il mandato è stato assegnato allo studio legale ginevrino Troillet Meier Raetzo, che si è occupato anche delle presunte molestie alla Ssr/Rts
Locarnese
18 ore
Tenero, nuovo annegamento nelle acque lacustri
Un 54enne confederato è scomparso dalla visuale attorno alle 17, mentre nuotava poco distante dalla riva. Il cadavere recuperato verso le 20
© Regiopress, All rights reserved