laRegione
PHI Flyers
NY Islanders
01:00
 
BOS Bruins
CAR Hurricanes
01:00
 
WAS Capitals
WIN Jets
01:00
 
OTT Senators
BUF Sabres
01:00
 
delitto-cantoreggi-cade-l-assassinio-pena-di-4-anni-e-3-mesi
TI-PRESS
Il luogo del delitto la sera del 17 dicembre 2019
19.05.21 - 18:160
Aggiornamento : 22:24

Delitto Cantoreggi, cade l'assassinio. Pena di 4 anni e 3 mesi

Il giudice Amos Pagnamenta: è stato omicidio colposo per omissione. La fidanzata della vittima: 'È una vergogna'. Si preannuncia il ricorso in Appello

Cade l'assassinio, cade l'omicidio intenzionale, l'intezionalità e il dolo eventuale. La Corte delle assise criminali di Lugano ha prosciolto dai reati principali il 35enne austriaco, accusato del delitto di Matteo Cantoreggi avvenuto il 17 dicembre alla pensione La Santa di Viganello, ammettendo l'omicidio colposo per omissione, così come aveva richiesto l'avvocatessa di difesa, Letizia Vezzoni. La pena di 17 anni richiesta ieri dalla pp Valentina Tuoni e dal rappresentante della famiglia, avvocato Stefano Pizzola, è stata drasticamente ridotta a 4 anni e 3 mesi. Magistrato e accusatore privato si riservano di ricorrere in Appello contro la sentenza. La prima reazione alla sentenza è venuta fuori dal tribunale dalla fidanzata di Matteo Cantoreggi, che a laRegione ha dichiarato: «È una vergogna».

Manca l'elemento soggettivo del reato 

«La Corte nutre seri dubbi sul punto principale dell'atto d'accusa». Così ha esordito il giudice Amos Pagnamenta prima di leggere la sentenza. Il presidente della Corte ha spiegato: «L'accertamento è stato reso difficile perché ci sono incongruenze sia da parte dell'imputato sia del terzo ospite presente nella pensione, che non possono essere ritenute tuttavia menzognere. L'imputato quella sera non ha introdotto la vittima nella sua stanza e non c'è prova che volesse dargli una lezione. Cantoreggi era fastidioso e l'imputato ha colpito la vittima. Ma non ha usato le ginocchia. Cantoreggi ha perso conoscenza sin dopo i pugni sferrati dall'imputato e viene abbandonata a peso morto nel corridoio. Poi è stato messo sul letto. Otto minuti più tardi, l'imputato e il terzo ospite hanno constatato il polso della vittima che non rispondeva. La Corte ha escluso che i due avessero concordato una versione comune. Non ha recitato, l'imputato: ha svolto i soccorsi di rianimazione prima dell'arrivo dei soccorritori. Non particolarmente perversi sono state le modalità messo in atto dall'imputato». Così hanno stabilito i giudici al termine di due giorni di processo. 

Ha proseguito il presidente della Corte: «I pugni sono stati la causa del decesso. Ma diverso è il nesso di causalità: è il sangue finito nei polmoni la causa della morte: Cantoreggi è deceduto per soffocamento e non direttamente per i pugni - così come ha stabilito il medico legale. Cade pertanto anche l'omicidio intenzionale. Manca l'elemento soggettivo. A mente della Corte le cause del decesso risiedono nel soffocamento. I pugni si qualificano nel reato di lesioni semplici».

La Corte ha spiegato tuttavia che il caso si avvicina al dolo eventuale, ma non lo raggiunge: «Nella fase successiva la lite, l'imputato ha trascinato il corpo di Cantoreggi nel corridoio, privo di conoscenza, e l'imputato gli ha inferto un calcio al costato. La vittima è stata abbandonata in posizione supina. E qui l'imputato era cognito dei rischi del decesso ed era capace di soccorsi e di vegliare la vittima. La morte di Cantoreggi sarebbe stata evitata "con verosimiglianza" - ha evidenziato la Corte. Era preciso dovere dell'imputato soccorrerlo per scongiurarne la morte. Questo è avvenuto tardivamente: 5 minuti passano dal primo soccorso, quando la vittima era ancora in vita, perché entrambi i testimoni lo hanno sentito respirare». Ma a mente della Corte - ha concluso il giudice Pagnamenta - non c'è dolo da parte del 35enne. C'è una negligenza cosciente». La corte ha così ammesso l'omicidio colposo per omissione, così come richiesto dalla difesa. 

I giudici non hanno inoltre ammesso nessuna misura terapeutica, né stazionaria né ambulatoriale, ritenendola ingiustificata. La Corte ha in conclusione definito grave la colpa dell'imputato: «non ha trattenuto la sua ira, ha agito con egoismo e ha omesso di tutelare la vita altrui». I familiari hanno lasciato l'aula in modo composto. Ma il caso, con tutta probabilità, non si chiude oggi.  Pubblica accusa e accusatore privato meditano seriamente il ricorso in Appello. 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
2 ore
L’accusa: ‘Erano mossi da intenti egoistici e avidità di denaro’
Caso Fec-Hottinger, chiesti quattro anni di reclusione per Rocco Zullino e due anni e nove mesi per Alfonso Mattei. Venti mesi per Tartaglia
Ticino
3 ore
‘Riforma tutorie, ora bisogna accelerare’
Preture di protezione, la presidente della commissione Giustizia: ‘Come deputati non dobbiamo perdere tempo’. Agna intanto propone dei correttivi
Bellinzonese
3 ore
Lupo in alta Valle, la Società agricola Bleniese scrive al CdS
Gli allevatori lamentano carenze nella comunicazione e sollecitano un incontro per definire una strategia da adottare in caso di presenza del predatore
Luganese
5 ore
Presunto stupro di gruppo, in tre a processo
Rinviati a giudizio tre uomini che lo scorso 25 settembre avrebbero abusato di una donna dopo una serata in un locale del Sottoceneri
Ticino
5 ore
Scuole di musica e obbligo 2G: ‘Non ci sono margini di manovra’
Il Consiglio di Stato risponde al Conservatorio sulle novità introdotte a fine dicembre: formazioni non equiparate a scuola dell’obbligo o secondario II
Mendrisiotto
5 ore
Piazza del Ponte, progetto in sospeso. ‘Che delusione’
La Lista civica torna alla carica con il Municipio di Mendrisio. ‘A che punto è il bando di concorso?’
Luganese
5 ore
Guasto risolto, i treni da Lugano al nord tornano in viaggio
Dopo due ore di disagi, le Ffs sono riuscite a ripristinare ‘la perturbazione tecnica agli impianti ferroviari’
Bellinzonese
6 ore
Anche Sant’Antonino si doterà di un custode sociale di paese
Il Municipio risponde positivamente alla richiesta Plr. Valutazioni in corso sulla proposta Ppd per un centro extrascolastico
Ticino
6 ore
Quote rosa ai vertici dell’Amministrazione? Commissione divisa
La ‘Costituzione e leggi’ ha firmato due rapporti di Filippini (Udc) e Lepori (Ps), tra monitoraggio e richieste di azione. Firme non ancora definitive
Luganese
6 ore
Guasto alla stazione di Lugano, bloccati i treni verso nord
Emergenza ferroviaria. Dalle 16.30 attivati i bus navetta per Taverne e Giubiasco. Si indaga sulle cause della panne, ancora irrisolta
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile