laRegione
17.05.21 - 18:47

Incendio intenzionale al White di Lugano, preso l'autore

Arrestato l'esecutore materiale. Si chiude il cerchio del caso giudiziario che porterà in aula pure un noto commerciante, indicato quale mandante

incendio-intenzionale-al-white-di-lugano-preso-l-autore
Rescue Media
L'incendio in pieno centro

Si chiude il cerchio sul caso giudiziario aperto attorno all'incendio al negozio di abbigliamento avvenuto il 12 febbraio al White di Lugano, situato in pieno centro, tra Piazzetta San Carlo e via Nassa. In manette è finito l'esecutore materiale dell'incendio intenzionale, catturato in Italia su mandato di cattura internazionale spiccato dalla procuratrice pubblica, Margherita Lanzillo, titolare dell'inchiesta. In manette, oltre confine, un 50enne campano - che mancava all'appello per completare l'identificazione di tutti i protagonisti della mancata truffa all'assicurazione che, poteva fruttare 2 milioni di franchi: a tanto erano assicurati i vestiti di marca. L'ultimo arrestato, già sentito dagli inquirenti e che si è detto disposto a collaborare con la giustizia ticinese, sarà estradato a breve. 

Armato di benzina e accendino 

Il mandante e l'esecutore materiale. L'ordine di dare fuoco allo stock dei vestiti, secondo la ricostruzione degli inquirenti e le immagini catturate dalla videosorveglianza, è arrivato dall'amministratore della società che gestisce il White, nonché celebre negoziante di Lugano. Chiesto, fatto. Il campano entrò in azione, con la più classica delle taniche di benzina e accendino e diede fuoco alla merce. Il rogo avrebbe dovuto limitarsi a questi indumenti di marca, ma il fuoco si estese all'intero emporio. Poi la fuga dell'incendiario in Italia, che di recente è stato arrestato, come ha riferito la Rsi.

Tra gli indagati anche un 43enne, nel frattempo scarcerato, un 34enne e un 47enne, pure a piede libero. Per tutti l'accusa è di incendio intenzionale e tentata truffa. Ad aggravare le responsabilità dell'ideatore del rogo intenzionale il fatto che il negozio era in perfetta salute finanziaria e che dunque lo scopo era unicamente quello di arricchirsi indebitamente. Indagato a piede libero, ha ammesso di essere stato l'ideatore della tentata truffa all'assicurazione. Insomma, l'incendio è stato compiuto intenzionalmente con l'intento di riscattare i soldi della polizza dalla copertura milionaria. Tutti temi del processo che si aprirà nei prossimi mesi. 

Leggi anche:

Ha confessato l'amministratore unico del White

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
GALLERY
Mendrisiotto
7 ore
Il parco delle gole della Breggia si fa più inclusivo
Inaugurato un percorso per ipovedenti nell’area del mulino del Ghitello. Stella: ‘È un patrimonio da difendere, ma anche rendere accessibile a tutti’.
Ticino
7 ore
Premi cassa malati, Marco Chiesa (Udc) insiste e interroga Berna
Il presidente nazionale democentrista segue De Rosa e chiede al Consiglio federale perché nel calcolo per il ’23 non siano stati calcolati ’20 e ’21
Luganese
9 ore
Cornaredo, ‘tabula rasa’ pronta sulla carta
Presto in pubblicazione a Lugano e Porza il Piano di quartiere del comparto B1a. Previsti edifici misti di altezza tra i 30 e i 60 metri
Grigioni
10 ore
A Mesocco non si ripresenta il sindaco Christian De Tann
In corsa per la carica di capo dell’esecutivo alle elezioni comunali del 30 ottobre vi sono John Seghezzi, Fausto a Marca e Mattia Ciocco
Locarnese
10 ore
Il giudice sul pedofilo: ‘È solo la punta dell’iceberg’
Un 77enne del Sopraceneri condannato a 8 anni di carcere per ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
11 ore
Dai ruderi è nato un auditorium: inaugurazione a Biasca
Ultimati i lavori della struttura concertistica e per eventi culturali che potenzia l’offerta dell’attigua Casa Cavalier Pellanda
Ticino
12 ore
Ticino capitale del turismo sostenibile, ‘è la sfida del futuro’
Questa settimana si tiene l’Adventure travel world summit, l’evento più importante a livello internazionale per la promozione di una ‘nuova visione’
Locarnese
12 ore
Bracconieri in Vallemaggia, la Federazione prende le distanze
La Fcti condanna senza mezzi termini i deplorevoli atti compiuti da un gruppo di persone nemmeno in possesso di una licenza venatoria
Bellinzonese
13 ore
Municipio di Bodio favorevole alla fusione con Giornico
Una decisione unanime che permette di avviare l’iter per un’aggregazione ridotta rispetto al progetto che comprendeva anche Pollegio e Personico
Ticino
17 ore
Vaccinazioni di richiamo autunnali in Ticino dall’11 ottobre
Le informazioni sono già disponibili sul sito ufficiale dedicato alle vaccinazioni www.ti.ch/vaccinazione
© Regiopress, All rights reserved