laRegione
lugano-presunto-stupro-botta-e-risposta-fra-accusa-e-difesa
Il processo è indiziario (Ti-Press/Archivio)
12.05.21 - 17:17
Aggiornamento : 13.05.21 - 15:28

Lugano, presunto stupro: botta e risposta fra accusa e difesa

Nel processo a carico del 56enne sospettato di aver violentato l'ex amante, i difensori tacciano di parzialità la procuratrice pubblica

Si è conclusa con un fuoco incrociato la fase dibattimentale del processo a carico di un 56enne italiano sospettato di aver stuprato l'ex amante. Già la prima giornata processuale si è contraddistinta per una netta contrapposizione, dato che l'imputato nega le accuse e il processo è di fatto indiziario. Mercoledì si è arrivati alla resa dei conti.

‘Inchiesta unilaterale’

Ad aprire le danze è stato Marco Bertoli, che con Elio Brunetti difende l'accusato. «Se l'accusa è infamante, vi è qualcosa di peggio: l'accusa infondata – ha detto l'avvocato –. L'inchiesta è stata unilaterale. La procuratrice pubblica ha avuto un atteggiamento conflittuale con l'imputato. Ha sposato acriticamente le dichiarazioni dell'accusatrice, occorreva invece un approccio più imparziale. Proprio perché ha dei problemi (il 56enne è affetto da bipolarismo e consuma dei farmaci, ndr) ci sarebbe voluto un garbo accresciuto». Il legale ha quindi citato delle presunte manchevolezze da parte della pp Valentina Tuoni, fino a scagliarsi contro la presunta vittima: «È un'ottima attrice, merita una candidatura all'Oscar».

Ma Bertoli si è concentrato principalmente sui capi minori dell'atto d'accusa: violenza o minaccia contro le autorità e i funzionari per aver verbalmente aggredito e minacciato un ispettore di polizia durante un colloquio al carcere giudiziario La Farera e infrazione nonché contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti per avere, rispettivamente, offerto cocaina e consumato sempre cocaina e marijuana. «Il mio assistito non aveva compreso l'illecità del suo atto, chiediamo l'impunità» ha detto l'avvocato riguardo alla prima accusa, chiedendo di «prescindere dalla persecuzione» anche dei reati inerenti alla droga in quanto è reo-confesso e si è nel frattempo ravveduto. Infine, fra spese processuali e torto morale è stato chiesto un indennizzo di poco inferiore ai 200'000 franchi.

‘Mai visto un imputato così difficile’

Sono seguiti poi gli interventi di replica e duplica. «Niente di quanto ha indicato la difesa spiega il radicale cambiamento di personalità della vittima dopo la violenza. Niente di quanto indicato spiega la sparizione dell'imputato dopo la violenza – ha detto Tuoni –. I difensori non sono psichiatri e dedurre che la vittima non fosse scompensata e depressa rimane una loro opinione». La pp ha ribadito che la donna è credibile e «denota buona fede». «Ieri per ore ho sentito parlare della truffa all'assicurazione – ha detto invece Sandra Xavier, rappresentante dell'accusatrice privata, riguardo a uno dei motivi dell'attrito fra imputato e presunta vittima –. Al Ministero pubblico non è arrivata alcuna denuncia per truffa. Non c'è nessuna procedura civile pendente e quindi parlare di truffa non è serio. Infine, su com'è stata condotta l'inchiesta: un imputato così difficile non l'ho mai visto. Tanto di cappello alla pp per com'è stata svolta l'inchiesta, se c'erano delle censure andavano contestate prima».

I cinque punti a sostegno della falsa denuncia

Brunetti, dal canto suo, ha invece ribadito alcuni concetti già emersi ieri. Dalle presunte contraddizioni dell'accusatrice privata alla validità della perizia di parte che ne mette in risalto le tendenze manipolatorie, fino ad alcuni punti contestati dell'inchiesta come ad esempio il fatto che «un vestito è misteriosamente sparito e questo è un fatto grave» ha detto il legale riferendosi all'abito che la donna indossava la sera dei presunti fatti. Ma il fulcro delle tesi difensive riguardo allo stupro rimane che si tratterebbe di una falsa denuncia, maturata per cinque motivi. Ossia: il desiderio di liberarsi di liberarsi dell'imputato perché le chiedeva sempre prestazioni sessuali minacciandola di divulgare video privati; la diffida dal diffamare l'imputato; una denuncia relativa a una presunta truffa immobiliare; il fatto che la donna si sia sentita manipolata; infine la vicenda assicurativa. «Vero che non c'è una causa civile ma c'è un precetto esecutivo – ha sottolineato Brunetti –. La compagnia ha rinunciato a fare una denuncia per truffa, ma mi risulta che il Ministero pubblico dovrebbe aprire un'inchiesta d'ufficio». «È l'accusa che deve dimostrare che ci siano state azioni penalmente rilevanti – ha detto infine Bertoli in risposta a Tuoni –, è un principio del Codice penale».

La Corte delle Assise criminali presieduta da Mauro Ermani si è quindi riunita in camera di consiglio e pronuncerà la sentenza settimana prossima.

Leggi anche:

Lugano, l’ex amante nega lo stupro

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
2 ore
Un Arcobaleno per ogni deputato? ‘Il santo non vale la candela’
L’iniziativa di Ermotti-Lepori e Berardi (Ppd) per favorire l’uso del trasporto pubblico non convince a Commissione parlamentare ‘Costituzione e leggi’
Ticino
2 ore
‘Chi propone la polizia unica non conosce la realtà ticinese’
Felice Dafond, Associazione dei comuni: non ci sono motivi per rivedere l’organizzazione attuale, le polcom garantiscono la sicurezza di prossimità
Locarnese
2 ore
‘Non rissa, ma aggressione. Dobbiamo dire basta tutti insieme’
Festa liceale interrotta, parla la vittima: ‘Quei violenti venivano da fuori. Cercavano solo un pretesto per attaccar briga. Le istituzioni reagiscano’
Grigioni
10 ore
San Vittore: audit esterno e querele archiviate dalla Procura
Coira ha firmato due Decreti d’abbandono per la sindaca e un membro della Gestione denunciatisi a vicenda. Istituto analizzerà l’Amministrazione comunale
Ticino
11 ore
Il Conservatorio: ‘Formazione musicale, la politica ora agisca’
Nel Rapporto 2021 il direttore Brenner a 10 anni dal voto popolare ‘bacchetta’ per i ritardi. Medici: ‘Offriamo un’educazione di alta valenza formativa’
Mendrisiotto
12 ore
Uno scippo e poche rapine, ma più sfratti e atti giudiziari
La sicurezza tiene nella Regione I di Polizia nel Sud del Mendrisiotto. A mettere a dura prova i cittadini sono le difficoltà effetto della pandemia
Ticino
12 ore
Capanne pronte ad accogliere gli escursionisti
L’offerta della Federazione alpinistica ticinese si è arricchita di altri ottanta posti letto
Ticino
12 ore
Il turismo rallenta, ma l’estate sarà ottima
Difficilmente si replicherà la stagione dello scorso anno, ma le prospettive restano positive per gli operatori del settore
Gallery
Bellinzonese
13 ore
Serravalle, in scena ‘Visioni di una battaglia in corso’
Il 26, 27 e 28 di maggio il Teatro Tan di Biasca ritornerà ad animare la fortezza bleniese con la pièce di Remo Binosi
Mendrisiotto
14 ore
Ospitava uno spacciatore e si faceva pagare in coca: condannato
Un 50enne del Mendrisiotto condannato per complicità all’infrazione aggravata alla Legge sugli stupefacenti. Come ‘affitto’ riceveva la sostanza.
© Regiopress, All rights reserved