laRegione
polo-sportivo-a-lugano-no-dai-cittadini-per-il-territorio
TI-PRESS
Parola alla popolazione
10.05.21 - 15:22
Aggiornamento: 18:13

Polo sportivo a Lugano, no dai Cittadini per il territorio

L'associazione sostiene il referendum lanciato dall'Mps e chiede di tornare al più modesto progetto del 2012 che prevede pure un campo da Super League

"Sì a un vero polo sportivo, no a un quartiere speculativo". Dopo l'Associazione Traffico Ambiente, anche "I Cittadini per il Territorio del Luganese", associazione mantello delle organizzazioni in difesa del territorio della regione, ha deciso di sostenere il referendum lanciato dall'Mps contro la realizzazione del Polo sportivo e degli eventi (Pse) di Lugano approvato dal Consiglio comunale sul finire della scorsa legislatura. 

Milioni di soldi, aumento delle imposte e cemento 

Ecco alcuni dei perché, in una elencazione sparsa, va detto no all'edificazione della moltitudine d'infrastrutture sportive secondo I Cittadini per il Territorio del Luganese: 1) Non è vero che si debba sottostare al ricatto «tutto o niente». Se la popolazione rifiuta il Pse, sarà possibile costruire le strutture sportive necessarie in tempi ragionevoli; 2) La scelta urbanistica di costruire edifici per il terziario e per l’abitazione (due torri e quattro palazzine) non è opportuna. Nel breve-medio periodo sono prioritari il consolidamento e lo sviluppo delle zone centrali; 3) A Cornaredo si investiranno 405 milioni di franchi, di cui solo 183 milioni per lo sport (45%) e 222 milioni (55,9%) per autosili, palazzine residenziali e immobili
amministrativi e commerciali; 4) La Città si è legata ai promotori immobiliari e ai fondi d'investimento d’Oltre Gottardo che richiedono tassi d’interesse più che doppi di quelli che Lugano paga per i suoi prestiti bancari. Il Pse costerà alla Città più di 17 milioni di franchi all’anno; 5) Il referendum respinge questo progetto sbagliato e chiede di tornare al progetto del 2012 o uno analogo: un vero Polo sportivo a Cornaredo, dotato di uno Stadio da Super League, il campo da allenamento, i campi per le squadre minorili, la pista di atletica e il Palazzetto dello sport, e non un quartiere amministrativo e residenziale speculativo che fa inaridire il centro città; 6) Inoltre, non da ultimo riteniamo che per una spesa così importante, 400 milioni di franchi, sia necessario che i cittadini possano approvare in votazione il progetto, come avviene in molte città svizzere in situazioni analoghe. I cittadini di Lugano dovranno sobbarcarsi, nei prossimi anni, un aumento del moltiplicatore stimato attorno al 5%.
Chi è chiamato a pagare deve avere il diritto di decidere! 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
città no polo sportivo
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
7 ore
Recuperato il corpo dell’83enne annegato a Vira Gambarogno
Il cadavere è stato ritrovato a una profondità di circa 106 metri e a 550 metri da riva usando fra l’altro un sonar e un robot per il recupero
Ticino
7 ore
Il ritorno a scuola si avvicina, la polizia invita alla prudenza
Lo scorso anno 36 bambini si sono infortunati a seguito di un incidente stradale. A dover fare attenzione anche chi utilizza l’auto vicino alle scuole
Luganese
9 ore
Un altro furbetto dei crediti Covid in aula: condannato
Sottratti 80mila franchi ai danni dello Stato. ‘Aiuti ottenuti illecitamente’ gonfiando i bilanci di una società che gestiva un ristorante di Lugano
Bellinzonese
12 ore
Giubiasco, tutto pronto per tornare all’asilo dopo il nubifragio
Poco più di un anno fa la Scuola dell’infanzia Palasio era stata invasa da acqua e fango. Lavori di ripristino conclusi in tempo e preventivo rispettato
Locarnese
13 ore
Uno spazio pubblico multifunzionale per Solduno
Area per manifestazioni e un autosilo. In pubblicazione il Piano particolareggiato; seguirà il concorso architettonico
Bellinzonese
13 ore
Il Municipio di Giornico dice sì all’aggregazione con Bodio
A maggioranza l’esecutivo ha deciso di portare avanti una fusione ridotta rispetto al progetto Sassi Grossi abbandonato. Si attende la conferma di Bodio
Luganese
13 ore
Mai più sola, nuova associazione contro la violenza sulle donne
La presidente Deborah Magagna ci racconta il progetto di sostegno per le vittime. In programma un numero d’emergenza e sportelli nei Comuni
Locarnese
16 ore
Smottamento in Gambarogno: chiusa la strada per Indemini
Nottata tutto sommato tranquilla malgrado le forti precipitazioni. Ma una frana crea qualche disagio fra i Monti di Fosano e l’Alpe di Neggia
Locarnese
19 ore
Cevio: Esecutivo richiamato dalla Sel; forse si va al Tram
L’autorità di vigilanza chiede spiegazioni al Municipio sul volantino pre-referendum. Mattei annuncia il ricorso al Tribunale amministrativo
Ticino
19 ore
‘Inutile e dannoso’, no dei benzinai al contratto collettivo
Diverse opposizioni alla modifica che introdurrebbe salari minimi per i dipendenti. Centonze: ‘in Ticino c’è già la Legge sul salario minimo’
© Regiopress, All rights reserved