laRegione
laR
 
09.05.21 - 17:00
Aggiornamento: 20:15

Origlio, vandalismo alla Steiner: ‘Grande solidarietà’

In collina regna l'incredulità per la distruzione, ma la macchina della generosità si è velocemente mossa. Vandalismo giovanile o ritorsione?

origlio-vandalismo-alla-steiner-grande-solidarieta
Vandalismo alla Scuola Steiner di Origlio (Ti-Press)

Dopo la distruzione, la generosità. Dopo che la caffetteria della Scuola Steiner di Origlio è stata vandalizzata, la macchina della solidarietà si è mossa velocemente. Ce lo conferma Maria Enrica Torcianti, docente di euritmia di lungo corso e membro del comitato dell'istituto sul posto dalla mattina.

‘Questo per noi è un luogo simbolo’

«Appena uscita la notizia stamattina, sono arrivati subito qui diversi genitori, fra quelli non in quarantena perlomeno. In molti hanno dato la disponibilità per aiutare e stiamo organizzando una squadra per rimettere tutto in ordine – spiega –. Abbiamo aspettato che la polizia finisse di effettuare i rilievi, a breve arriverà qui il gruppo adibito alla caffetteria per fare l'inventario: finché quest'ultimo non sarà effettuato, una stima dei danni precisa non sarà possibile, come neppure capire se qualcosa sia effettivamente stato rubato o meno». Di certo, lo spettacolo è forte: finestre spaccate, mobili rotti, oggetti distrutti e sparpagliati, sporcizia. «Sì, c'è stato un certo accanimento. Hanno distrutto e sporcato manufatti e lavori manuali fatti da bambini e famiglie, questo per noi è un luogo simbolo, oltre che di scambio e incontro. Qui i genitori si trovano per bere il caffè e scambiare quattro chiacchiere quando portano i figli a scuola e quest'ultimi si fermano qui dopo le lezioni per fare la merenda».

Una vendetta? ‘Non in questo modo, inimmaginabile’

Per questi motivi, sebbene l'intera scuola sia attualmente in quarantena a causa di diversi casi di Covid-19, «è importante che la caffetteria torni presto utilizzabile. Si tratta di un luogo di serenità, molto curato, amato da tutti». Amato, anche da chi la scuola non la frequenta. «Questa mattina è arrivata un'anziana del paese, che non c'entra con la Steiner, ma è voluta venire a vedere cosa fosse successo perché era dispiaciuta – racconta Torcianti –. Anche altre persone sono venute a esprimere la propria vicinanza. Ci sono anche stati degli slanci di solidarietà, abbiamo ricevuto già diverse donazioni sul nostro crowdfunding. In questo senso, c'è sempre la luce anche nel buio». E a proposito di luce e di buio, la Polizia scientifica avrebbe trovato numerose impronte sul posto, sprovvisto purtroppo di videosorveglianza. «Secondo la polizia è probabile che sia un atto di vandalismo giovanile. Però questo accanimento quasi feroce sembra altro... Non ci pronunciamo perché siamo molto colpiti, direi sotto choc, e cerchiamo quindi di fermare un po' i pensieri». Non c'è qualcuno che avrebbe potuto volersi vendicare? «Non in questo modo, non è immaginabile».

Bertoli: ‘Vandalismo che colpisce fa male’

«Sono degli atti indescrivibili, non solo da condannare ma ancora di più – ci dice il sindaco di Origlio Alessandro Cedraschi –. ISpero che non sia stata una ritorsione, mi auguro sia stata una brutta bravata. Quando si entra soprattutto in una scuola, indipendentemente dalle difficoltà che questa possa avere, è doppiamente deplorevole». Appunto: sì privata, tuttavia a essere stata colpita è pur sempre una scuola. Abbiamo chiesto quindi un breve commento anche al presidente del Consiglio di Stato, direttore del Dipartimento dell'educazione, della cultura e dello sport: «Un atto di vandalismo è sempre riprovevole. Quando poi viene fatto nei confronti di un simbolo della volontà collettiva di dare un futuro alle giovani generazioni fa sempre male – osserva Manuele Bertoli –. Questo vale per le scuole, come per le altre strutture per i giovani. Sono quei simboli che dovrebbero essere intoccabili ma che purtroppo invece alcuni toccano senza ragionarci troppo ed è veramente peccato».

Leggi anche:

Vandali in azione alla scuola Steiner di Origlio

Quarantena di istituto alla scuola Steiner di Origlio

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
33 min
‘Rivitalizzare la politica di milizia, partendo dal cittadino’
Sarà uno dei temi del Simposio sui rapporti tra Cantone e Comuni. Della Santa: ‘Il coinvogimento attivo per destare l’interesse per la cosa pubblica’
Luganese
33 min
La torre itinerante simbolo di una necessità condivisa
La Tour Vagabonde fa riflettere sugli spazi indipendenti da Friborgo, dove nasce, fino a Lugano, dove si ergerà fino al prossimo marzo
Ticino
8 ore
Mobilità Usi al top: ‘Coltiviamo la dimensione internazionale’
L’ateneo ticinese è tra i pochi in Svizzera (4 su 36) ad aver raggiunto l’obiettivo del 20% dei diplomati con un’esperienza all’estero. Ecco i motivi
Orselina
8 ore
Nuovo albergo-ristorante Funicolare, c’è la licenza edilizia
Da novembre il cantiere per l’edificazione ex novo della struttura, simbolo turistico collinare soprastante la Madonna del Sasso
chiasso
9 ore
Un Nebiopoli all’insegna del vero spirito del Carnevale
Svelato il programma dell’evento, che dopo due anni di pandemia torna ‘in grande’. Ne abbiamo parlato con il presidente del comitato Alessandro Gazzani
Grigioni
9 ore
Giovane morta dopo il party: nessuno voleva perdere la patente
Le persone interrogate hanno confermato che si è atteso a lungo prima di portare la 19enne in ospedale per paura di incappare in controlli di polizia
Bellinzonese
10 ore
Quartiere Officine: per i Verdi ‘ancora troppi posteggi’
Giulia Petralli apprezza che il Municipio di Bellinzona abbia rivalutato il progetto iniziale, ‘ma ci sono ancora punti che non ci soddisfano’
Luganese
10 ore
Lugano mantiene la tradizione del Pane di Sant’Antonio
Con una decisione presa a maggioranza, il Municipio ha incaricato la Cancelleria e la Divisione attività culturali di preparare un progetto
Ticino
12 ore
Pensioni, la rete ErreDiPi evolve e diventa un’associazione
La scelta, dice il portavoce Quaresmini, ha l’obiettivo di essere interlocutori solidi e di partecipare attivamente agli incontri tra governo e sindacati
Luganese
12 ore
Trattamento stazionario a un giovane reo di tante ‘bravate’
Inflitti 22 mesi da espiare a un 23enne che, in pochi giorni, ha commesso diversi reati. Pena sostituita con il ricovero in una struttura chiusa
© Regiopress, All rights reserved