laRegione
03.05.21 - 18:02

Covid, ma non solo: il 2020 della Clinica Luganese Moncucco

Uno dei due centri cantonali Covid, ma non solo: l'ospedale di Lugano ha avuto un anno ricco di novità, ma ora fa i conti con utile diminuito del 30%

covid-ma-non-solo-il-2020-della-clinica-luganese-moncucco
Mauro Dell'Ambrogio (presidente Cda) e Christian Camponovo (direttore) davanti alla Clinica Luganese Moncucco (Ti-Press)

Moncucco, un anno dopo. Sono passati poco più di dodici mesi dall'inizio della pandemia di Covid anche in Ticino, ma sembrano un'eternità. Mesi durante i quali la Clinica Luganese è stata una delle due strutture scelte a livello cantonale – oltre naturalmente alla Carità di Locarno – quale ospedale per trattare i pazienti affetti dal coronavirus e che l'hanno inevitabilmente portata sotto i riflettori. Ma durante l'ultimo anno alla Moncucco ci sono state diverse altre novità significative, non legate alla pandemia. Il punto è stato fatto oggi, in occasione dell'annuale rapporto d'esercizio.

I primi casi Covid in Svizzera

Proprio alla Moncucco sono stati diagnosticati e presi in carico i primi due casi di Covid-19 in Svizzera. I primi, purtroppo, di una lunga serie. «Dei quasi 4'000 ospedalizzati in Ticino, circa il 40% durante la prima ondata e circa il 50% durante la seconda erano ricoverati alla nostra clinica – ha ricordato il direttore Christian Camponovo –. Per noi è stata una sfida, anche a livello di veloce riorganizzazione: la sfida più grossa è stata quella legata alle cure intense, siamo passati dall'avere sei letti (pre-pandemia) ad averne ventisei ai picchi, anche grazie alla generosità e alla solidarietà di privati (ad esempio, grazie al contributo di un milione di franchi di Sergio Mantegazza, ndr)».

Utile diminuito del 30%

«È stato un anno speciale per la sanità a livello globale e anche per noi. Un anno all’insegna dell’imprevisto, ma che non ci ha impedito di svolgere altri progetti più programmati – ha aggiunto Mauro Dell'Ambrogio, presidente del Consiglio di amministrazione –. Ormai col Covid abbiamo imparato a conviverci, ma poco più di un anno fa la situazione era drammatica. Gli ospedali erano visti luoghi di contagio. Fu una scelta di grande coraggio dedicarsi prevalentemente a quella sfida». Una sfida che ha avuto anche i suoi costi. «Avendo dovuto lasciar da parte tutta l'attività sanitaria non urgente ci siamo confrontati con una forte riduzione operativa, Covid escluso. Certo, è una situazione che riguarda tutte le strutture sanitarie, in molti lamentano infatti risultati finanziari piuttosto preoccupanti. Per quanto ci riguarda non è andata così male»: l'utile di esercizio registrato nel 2020 è stato di poco inferiore ai 2,5 milioni di franchi, ossia circa il 30% in meno rispetto ai 3,8 del 2019. «Ma tutto sommato siamo ancora nelle cifre nere e questo è positivo».

Eventuali supporti finanziari? ‘Chiediamo chiarezza’

E sebbene i ricavi totali siano comunque aumentati l'anno scorso (+1,6%), la crescita è stata molto maggiore per quanto riguarda i costi di gestione, cresciuti del 6%. È stato anche assunto del personale per far fronte alle aumentate necessità lavorative dovute ai picchi della pandemia, e il cui destino tuttavia è incerto e dipende anche dal supporto che la clinica riceverà dallo Stato. La preoccupazione per il futuro infatti non manca. «Nessuno per il momento ci ha compensato la diminuita operatività – ha spiegato Dell'Ambrogio –. Già dopo la prima ondata ci siamo accorti che facevamo fatica a sopportare la situazione. Anche nell'ottica di una terza ondata vorremmo avere un po' più di sicurezza e soprattutto un po' più di chiarezza. Desideriamo poter continuare a crescere, a svolgere il nostro servizio pubblico, senza avere la paura di ritrovarci con le casse svuotate nel giro di pochi anni».

I fronti di crescita

E nel 2020, nonostante tutto, la Moncucco è cresciuta. «Abbiamo ottenuto la certificazione quale Centro per la traumatologia dell'anziano, una modalità inedita di lavoro che prevede l'integrazione di figure non mediche per la presa a carico – ha ricordato il direttore –, abbiamo rafforzato l'oncologia in particolare per il trattamento dei tumori del tratto gastrointestinale, abbiamo lavorato sul fronte della formazione con il riconoscimento della specializzazione dei medici in chirurgia (due anni invece di uno, ndr) e di quella degli infermieri in cure intense, c'è stata inoltre l'occasione per rafforzare l'impegno nella ricerca con il consolidamento della relativa unità». E non da ultimo, è stato rafforzato il Pronto soccorso: il servizio ora è aperto tutti i giorni dell'anno, ventiquattro ore su ventiquattro. Un'evoluzione in linea con il potenziamento progressivo dei sei centri di competenza: medicina interna, chirurgia, geriatria, ortopedia, oncologia e immunoterapia. E nonostante le incognite, la clinica guarda al futuro: «Ci sono diverse sfide all'orizzonte – ancora Camponovo –. C'è l’invecchiamento della popolazione, che ci confronterà con nuove problematiche e nuove patologie. Vogliamo mantenere poi un elevato impegno per la formazione del personale e sul fronte delle nuove tecnologie. Inoltre, vogliamo continuare a impegnarci per mantenere il più possibile contenuti gli aumenti dei costi della salute».

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
19 min
Da officina a postribolo: a Balerna fa discutere una richiesta
Alla domanda per cambio di destinazione d’uso, sono già state presentate delle opposizioni. Un residente: ‘Non è coerente con lo sviluppo del quartiere’
Ticino
8 ore
‘I detenuti con misure terapeutiche vanno adeguatamente seguiti’
La richiesta al governo delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’ è ora nero su bianco. La mozione firmata da tutti i gruppi parlamentari
Ticino
9 ore
‘Avanti’, la porta è aperta a tutti
Presentato il nuovo movimento fondato da Mirante e Roncelli dopo le dimissioni dal Partito socialista. ‘Una forza di centro sinistra, moderna e aperta’
Luganese
10 ore
Pura, condannata a 4 anni la donna che accoltellò l’ex marito
La Corte ha accolto integralmente le richieste di pubblica accusa e accusatore privato, sostenendo che l’imputato abbia mentito per costruirsi un alibi
Ticino
10 ore
Primo incontro fra partiti sul dopo Carobbio agli Stati
Domani rendez-vous tra i vertici cantonali delle forze politiche rappresentate a Berna. Per scongiurare un ‘bel pasticcio’, Farinelli dixit
Grigioni
11 ore
Val Calanca, strada forse riaperta prima del weekend
Nella migliore delle ipotesi i lavori di sgombero inizieranno domani. Anche oggi il meteo ha ostacolato la valutazione dei rischi di nuovi scoscendimenti
Luganese
11 ore
Sottrasse mezzo milione a un conoscente, ma non fu riciclaggio
Appropriazione indebita: inflitti 15 mesi di carcere, sospesi con la condizionale, a un 39enne comparso di fronte alle Assise criminali di Lugano
Bellinzonese
12 ore
Ultima tappa per completare la fibra ottica nel Bellinzonese
Amb e Swisscom comunicano che l’anno prossimo saranno connessi anche a Pianezzo, Paudo, Claro, Gudo, Moleno e Preonzo
Bellinzonese
12 ore
‘Via Roggia dei Mulini rimarrà sicura anche con le palazzine’
Il Municipio di Bellinzona risponde all’interpellanza di Boscolo e Sansossio, confermando che il comparto rientra nella mobilità sostenibile
Ticino
13 ore
‘Il nuovo accordo fiscale è molto favorevole per i frontalieri’
Lo scrive in una lettera ai giornali lombardi il ministro dell’Economia italiano Giorgetti, che fa il punto della situazione sull’annoso dossier
© Regiopress, All rights reserved