laRegione
22.04.21 - 15:41
Aggiornamento: 17:16

Ex Macello di Lugano, 'il Cantone si muova'

Pronto il rapporto della Commissione Sanità e sicurezza sociale: il governo non può stare a guardare, deve trovare un mediatore fra le parti

ex-macello-di-lugano-il-cantone-si-muova

L'autogestione all'ex Macello di Lugano deve tornare a essere un tema cantonale. Almeno per una seduta del Parlamento, quella in agenda alla fine di maggio. Il Consiglio di Stato è chiamato a fare la sua parte cercando un mediatore fra le parti che possa andare bene a tutti. È questo il succo del rapporto unico firmato stamattina a quattro mani dai deputati in Gran Consiglio Tiziano Galeazzi (Udc) e Raoul Ghisletta (Ps) della Commissione Sanità e sicurezza sociale. Un rapporto peraltro non sottoscritto dai membri liberali radicali né dalla rappresentante dei Verdi.

Dopo il tentativo del Consiglio di Stato di 'lavarsene le mani', pur avendo sottoscritto la Convenzione nel dicembre del 2002 con le autorità cittadine e i rappresentanti del centro sociale, ora il governo cantonale è invitato ad agire. Non basta inviare una lettera consigliando al Municipio di Lugano di rinviare ogni decisione in merito allo sgombero. Il deputato Galeazzi è pronto chiedere il dibattito ridotto in Gran Consiglio. Vuole conoscere le ragioni del Plr e dei deputati che tendono a relegare la questione alla sola Città. «Si potrebbe cercare una persona riconosciuta da tutte le parti in causa che riesca a instaurare un dialogo ed eventualmente trovare un'altra sede anche fuori da Lugano e dal Luganese. Ho invece l'impressione che il Cantone cerchi di prendere tempo», sostiene Galeazzi.

Secondo i firmatari della rapporto, bisogna agire e al più presto, visto che mercoledì prossimo scadrà il termine della procedura esecutiva della disdetta inviata dal Municipio al centro sociale. Non ci si può limitare a stare a guardare quello che succederà, se e come cambieranno gli equilibri all'interno del Municipio di Lugano, in cui faranno il loro ingresso oggi Filippo Lombardi (Ppd) e Karin Valenzano Rossi (Plr). Secondo alcuni, la risposta delle autorità non può essere unicamente lo sgombero (forzato) degli spazi dell'ex Macello. Altri politici ritengono invece che non ci sia più margine di manovra per raggiungere una soluzione senza l'uso della forza dopo quanto successo in piazza Molino Nuovo e alla Stazione Ffs di Lugano.

Da segnalare che il rapporto non ha fatto l’unanimità dei membri della commissione. Alcune forze politiche, come il Plr e i Verdi, hanno deciso alla fine di non sottoscriverlo. Lo hanno invece firmato i commissari del Ppd, ratificando il rapporto, che fino a quel momento poteva contare soltanto sull’adesione della Lega, dell’Udc e del Partito socialista.

 

Leggi anche:

Sgombero Ex Macello: il Governo invita Lugano a rinviare

Lugano, 'Il Molino lasci l'ex Macello entro dieci giorni'

Lugano, la testata si ripercuote sul Molino

Manifestazione alla stazione, scontri conclusi senza arresti

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Video
Ticino
21 ore
La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale
Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
1 gior
A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate
L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
1 gior
Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc
Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
1 gior
‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’
Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
1 gior
‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’
La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
1 gior
Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No
Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
1 gior
‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’
Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Gallery
Mendrisiotto
1 gior
Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine
Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Locarnese
1 gior
Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere
Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Ticino
1 gior
Il salario minimo legale non sarà adeguato al rincaro
Il Consiglio di Stato boccia la mozione di Ivo Durisch (Ps): ‘Un adeguamento sarebbe contrario alla volontà del legislatore e alla legge’
© Regiopress, All rights reserved