laRegione
casino-di-campione-se-i-giudici-vorranno-apre-a-settembre
TI-PRESS
Svelate le carte
21.04.21 - 17:51
Aggiornamento: 19:22
di di Marco Marelli

Casinò di Campione, se i giudici vorranno apre a settembre

Maggiori dettagli sul piano di rientro dai debiti della casa da gioco. Più contenuto il numero dei dipendenti

Si conoscono i punti più significativi del piano di rientro dai debiti della casa da gioco per riuscire a ottenere il prossimo 3 maggio, dai giudici fallimentari, l'ammissione al concordato preventivo passaggio obbligato per riuscire a riaprire il Casinò di Campione d'Italia. Innanzitutto il piano di rientro, depositato in Tribunale a Como, lunedì alle 23.30, per dire che sino all'ultimo l'amministratore unico Marco Ambrosini e i consulenti, hanno lavorato per affinare la documentazione consegnata ai giudici fallimentari, prevede il pagamento dei debiti nell'arco di cinque anni.

Maggiori dettagli 

Nel piano la riapertura della casa da gioco è ipotizzata entro il settembre di quest'anno. Una indicazione che difficilmente sarà possibile rispettare. In questa fase è stata accantonata l'ipotesi di finanziatori privati. La società si dice convinta di poter camminare con le proprie gambe. E ciò lo si deve al fatto che gestire il Casinò costerà molto meno rispetto a prima della chiusura della casa da gioco e che la Casinò Campione d'Italia non dovrà più versare somme di denaro come era stato in passato. Si passa infatti dai 105 milioni di euro versati nei cinque anni precedenti alla chiusura ai 7 milioni di euro nel prossimo quinquennio. Ciò è reso possibile dal fatto che i dipendenti del Comune sono scesi da 100 a 17 di cui 4 part-time. L'altro passaggio cardine del piano dai rientri dai debiti è quello dei dipendenti. Inizialmente ne saranno assunti solo 170, quando prima del fallimento erano quasi 500. C'è anche d'aggiungere che per i neo assunti è previsto uno stipendio medio di 3.500 euro, ben distante da quelli percepiti prima della chiusura. Tra gli intenti della società c'è quello di riportare, entro il 2026, i dipendenti a 270. Inoltre, ristorazione e servizio saranno gestiti da aziende esterne alla Casinò Campione d'Italia. Il piano presentato da Marco Ambrosini e dal suo team ricalca le tre linee guida dei commissari giudiziali nominati dal Tribunale fallimentare: drastica riduzione del personale, profonda revisione della convenzione con il Comune e esternalizzazione delle attività caratteristiche, come la ristorazione e servizio bar.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
campione casinò debiti giudici
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
1 ora
Tegna, ‘no alla variante che finirà per cancellarci’
L’Associazione sportiva preoccupata per le mire pianificatorie del Municipio per la zona dei Saleggi, con il sacrificio del campo da calcio (e del club)
Ticino
10 ore
Ipct, Pronzini si rivolge alla Commissione di mediazione
Il deputato dell’Mps ha chiesto alla cassa pensioni la decisione sulla riduzione del tasso di conversione. Accesso differito. Il parlamentare non ci sta
Luganese
12 ore
Soprusi, schiaffi e ustioni ai figli per 4 anni, il caso in aula
Genitori alle Correzionali, la pubblica accusa chiede pene parzialmente da espiare. Una perizia ha accertato la loro incapacità genitoriale
Luganese
13 ore
Rovio, il movente sarebbe il furto del figlio alla nonna paterna
Il padre avrebbe sparato alla schiena del 22enne forse a causa degli 80’000 franchi spariti dalla casa di Gravesano della parente
Mendrisiotto
13 ore
Chiasso, due campi esterni da padel all’ex Boffalorino
La domanda di costruzione per il progetto sarà presentata entro fine mese. L’area nel frattempo è stata sistemata
Bellinzonese
14 ore
Progetto Ritom a tetto: così cambia l’idroelettrico leventinese
Ffs e Aet presentano l’avanzamento del cantiere. Poi toccherà alla centrale del Piottino. Valutazioni in corso per Lucendro e alcune riversioni
Luganese
14 ore
Montagnola, auto urta un muretto e si ribalta: un ferito
Le condizioni del guidatore non dovrebbero destare particolari preoccupazioni
Bellinzonese
16 ore
‘Più zone naturali per combattere le isole di calore’
È la richiesta dei Verdi in un’interpellanza rivolta al Municipio di Bellinzona, che riprende a sua volta una proposta della Lista civica di Mendrisio
Locarnese
19 ore
Abusi edilizi, Municipio di Losone bacchettato dagli Enti locali
Vanno contro le disposizioni pianificatorie cantonali alcune licenze legate alla sopraelevazione d’immobili rilasciate. Parte l’interrogazione
Luganese
21 ore
Approvvigionamento energetico, Ail stoccano gas in Italia
Il Ticino è dipendente dalla disponibilità del Paese limitrofo, unica rete alla quale è collegato, a continuare a lasciar transitare gas verso la Svizzera
© Regiopress, All rights reserved