laRegione
21.04.21 - 17:51
Aggiornamento: 19:22

Casinò di Campione, se i giudici vorranno apre a settembre

Maggiori dettagli sul piano di rientro dai debiti della casa da gioco. Più contenuto il numero dei dipendenti

di di Marco Marelli
casino-di-campione-se-i-giudici-vorranno-apre-a-settembre
TI-PRESS
Svelate le carte

Si conoscono i punti più significativi del piano di rientro dai debiti della casa da gioco per riuscire a ottenere il prossimo 3 maggio, dai giudici fallimentari, l'ammissione al concordato preventivo passaggio obbligato per riuscire a riaprire il Casinò di Campione d'Italia. Innanzitutto il piano di rientro, depositato in Tribunale a Como, lunedì alle 23.30, per dire che sino all'ultimo l'amministratore unico Marco Ambrosini e i consulenti, hanno lavorato per affinare la documentazione consegnata ai giudici fallimentari, prevede il pagamento dei debiti nell'arco di cinque anni.

Maggiori dettagli 

Nel piano la riapertura della casa da gioco è ipotizzata entro il settembre di quest'anno. Una indicazione che difficilmente sarà possibile rispettare. In questa fase è stata accantonata l'ipotesi di finanziatori privati. La società si dice convinta di poter camminare con le proprie gambe. E ciò lo si deve al fatto che gestire il Casinò costerà molto meno rispetto a prima della chiusura della casa da gioco e che la Casinò Campione d'Italia non dovrà più versare somme di denaro come era stato in passato. Si passa infatti dai 105 milioni di euro versati nei cinque anni precedenti alla chiusura ai 7 milioni di euro nel prossimo quinquennio. Ciò è reso possibile dal fatto che i dipendenti del Comune sono scesi da 100 a 17 di cui 4 part-time. L'altro passaggio cardine del piano dai rientri dai debiti è quello dei dipendenti. Inizialmente ne saranno assunti solo 170, quando prima del fallimento erano quasi 500. C'è anche d'aggiungere che per i neo assunti è previsto uno stipendio medio di 3.500 euro, ben distante da quelli percepiti prima della chiusura. Tra gli intenti della società c'è quello di riportare, entro il 2026, i dipendenti a 270. Inoltre, ristorazione e servizio saranno gestiti da aziende esterne alla Casinò Campione d'Italia. Il piano presentato da Marco Ambrosini e dal suo team ricalca le tre linee guida dei commissari giudiziali nominati dal Tribunale fallimentare: drastica riduzione del personale, profonda revisione della convenzione con il Comune e esternalizzazione delle attività caratteristiche, come la ristorazione e servizio bar.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
2 ore
Via la mascherina obbligatoria nelle strutture sociosanitarie
Le direttive del medico cantonale si trasformano in raccomandazioni. Stop anche ai dati settimanali su contagi, ospedalizzazioni e decessi legati al Covid
Locarnese
3 ore
Ascona-Locarno nella top 20 delle mete turistiche
A livello europeo le due località sul Verbano si contenderanno l’ambito riconoscimento attribuito da ‘EuropeanBestDestinations’ per il 2023
Bellinzonese
3 ore
Decolla quest’anno la Via Francisca del Lucomagno
Pronto il tratto ticinese del percorso storico fra Costanza e Pavia: in primavera la posa della segnaletica fino a Ponte Tresa
Mendrisiotto
3 ore
Dopo lo strappo di Cerutti, ‘nel Plr non faremo gli struzzi’
La mossa del municipale spiazza i vertici del partito a vari livelli. Speziali: ‘Deve essere un punto di ripartenza’
Luganese
5 ore
Convento Salita dei Frati: spazi formativi firmati Mario Botta
Scaduta ieri la pubblicazione della domanda di costruzione per il restauro e l’edificazione di nuove aree (interrate) nel prezioso comparto seicentesco
Ticino
5 ore
Ragazze e scienza, ‘per scelte formative libere da pregiudizi’
Una serata gratuita promossa dal Cantone per contribuire ad abbattere gli ancora numerosi stereotipi di genere nel mondo scientifico e tecnico
Ticino
8 ore
Energia, il governo ai comuni: ‘La situazione è ancora tesa’
Il quadro attuale è ‘rassicurante’, ma il Consiglio di Stato invita sindaci e municipali a mantenere i provvedimenti che permettono di abbassare i consumi
Gallery
Bellinzonese
8 ore
Da cent’anni punto d’aggregazione di Faido: l’Osteria Marisa
Inizialmente screditata poiché ragazza madre, l’attività di Luigina Bellecini ha continuato a prosperare grazie alle future generazioni tutte al femminile
Locarno
15 ore
Affittacamere, nei Comuni la verifica è diventata una ‘gimcana’
La Città risponde ad Angelini Piva e cofirmatari sull’introduzione della nuova procedura per gli alloggi ad uso turistico messi sulle piattaforme online
Ticino
17 ore
‘L’uso dell’automobile privata per i frontalieri va agevolato’
A chiederlo è la Commissione dell’economia e tributi. La misura riguarda l’uso per lavoro: ‘Non si deve per forza dover usare quella aziendale’
© Regiopress, All rights reserved