laRegione
12.04.21 - 11:21
Aggiornamento: 16:28

Lugano, imputato diserta l'aula e non convince il giudice

Alla vigilia del processo 62enne s'è dato assente adducendo a un'operazione. Ma la Corte l'ha ritenuto ingiustificato e ha rinviato il dibattimento

lugano-imputato-diserta-l-aula-e-non-convince-il-giudice
TI-PRESS
Il giudice Marco Villa

Ha marcato visita, producendo al giudice alla vigilia del processo una lettera nella quale ha spiegato di non poter presenziare al dibattimento a causa di un'operazione. Ma il presidente della Corte, Marco Villa, non ha ritenuto valide le sue motivazioni - soprattutto perché non accompagnate da un certificato medico - e così ha dichiarato l'imputato, un 62enne svizzero francese, assente ingiustificato. È accaduto stamane alle Assise correzionali di Lugano. Alle 9.30 il banco degli imputati era vuoto. Conseguenza? Il giudice, dopo aver riferito alle parti la sua decisione, ha rinviato il processo a nuova data da stabilire. E, qualora l'imputato non dovesse nuovamente ripresentarsi, sarà giudicato in contumacia.

Patente revocata e fuga dalla polizia

Il 62enne, difeso dall'avvocato Gabriele Ferrari, è accusato di essersi messo alla guida della sua auto ripetutamente, nonostante la licenza di condurre gli fosse stata definitivamente revocata dall'autorità amministrativa nel maggio 2019. Di più. In un'occasione, nel novembre 2019, dopo un blocco di polizia a Crans-Montana, l'uomo ha abbandonato il veicolo e si è dato alla fuga a piedi e, rincorso dagli agenti, è stato infine acciuffato. L'imputato, che era stato fermato senza patente la prima volta al valico doganale di Monteggio, deve rispondere di ripetuta guida senza autorizzazione e tentato impedimento di atti dell'autorità. Titolare dell'inchiesta, la procuratrice pubblica Petra Canonica Alexakis. Il 62enne, dopo il primo ammonimento in Ticino, è stato beccato senza patente in altre tre occasioni, oltre Gottardo, fra cui nel tratto autostradale tra Ginevra e Belmont-sur-Losanne. Ora è atteso in aula nelle prossime settimane dalla Corte delle assise correzionali di Lugano.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
Vaccinazioni di richiamo autunnali in Ticino dall’11 ottobre
Le informazioni sono già disponibili sul sito ufficiale dedicato alle vaccinazioni www.ti.ch/vaccinazione
Locarnese
1 ora
A13 Quartino: invece del triangolo, rotonda e semaforo
La novità viaria decisa da Ustra e Cantone per ragioni ambientali e legali. Promessi monitoraggio e perfezionamenti
Locarnese
1 ora
Minusio, sfruttare l’acqua di falda (o lacustre) per riscaldare
Lo suggerisce una mozione presentata dall’Usi che invita il Municipio a seguire analoghi esempi studiati altrove
Ticino
3 ore
‘Si allarghino le fasce di reddito per i sussidi cassa malati’
L’iniziativa del Ps e i due rapporti allestiti saranno al centro della prossima seduta della Commissione parlamentare sanità e sicurezza sociale
Ticino
3 ore
I 25 anni della Supsi secondo Gervasoni, tra successi e futuro
L’importanza della formazione professionale, i ricordi di quell’acronimo che faceva sorridere e ora è un’istituzione, gli obiettivi da raggiungere (tanti)
Luganese
6 ore
Mezzovico: lite fra giovani degenera, interviene il... papà
Condannato per vie di fatto un 57enne che, durante un alterco fra il figlio e alcuni coetanei (fra cui la ex), ha tirato quattro sberle a tre dei ragazzi
Bellinzonese
6 ore
Necessari 45 milioni per il nuovo Ior a Bellinzona
Studio di fattibilità concluso: oltre ai 12 laboratori sono previsti una mensa e un auditorium, e forse anche un asilo nido per i figli dei ricercatori
Locarno
14 ore
Originalità e ambizione: la Cultura è in due parole
Direzione dei Servizi, con il bando uscito ieri la Città di Locarno cerca una figura in grado di ridisegnare l’intera struttura
Ticino
16 ore
Mafie in Ticino: ‘Tanti i progetti, ma sono davvero operativi?’
A chiederlo è il deputato Quadranti (Plr) sentito in audizione dalla Commissione giustizia e diritti in quanto non soddisfatto delle risposte del governo
Mendrisiotto
17 ore
Aim di Mendrisio, crediti quadro più ‘trasparenti e oculati’
La Commissione della gestione richiama le Aziende sull’uso di questo strumento finanziario. E smagrisce l’investimento richiesto di quasi 2 milioni
© Regiopress, All rights reserved