laRegione
05.04.21 - 09:50
Aggiornamento: 14:48

L'Mps denuncia: 'Minacciati mentre raccoglievamo le firme'

Lettera aperta del Movimento al sindaco di Lugano Borradori, al quale si chiede un intervento chiaro nella campagna sul Polo sportivo

l-mps-denuncia-minacciati-mentre-raccoglievamo-le-firme
Il comparto di Cornaredo, al centro del progetto (Ti-Press)

Lettera aperta del Movimento per il socialismo (Mps) al sindaco di Lugano Marco Borradori dopo l'episodio avvenuto sabato pomeriggio in Città. Al centro della questione, ancora una volta, il Polo sportivo e degli eventi, progetto contro il quale l'Mps sta raccogliendo le firme per un referendum. Un diritto democratico leso, lamenta il gruppo politico per voce del suo segretario, dall'atteggiamento di "alcuni energumeni, appartenenti agli ultras del Fc Lugano", che hanno "disturbato e tentato di impedire la raccolta di firme da parte di alcune militanti", con il seguito, si certifica, di insulti e minacce.

Mai, si fa presente nella missiva a Borradori, ci si era ritrovati in una situazione del genere. Non solo, "quanto successo oggi (sabato, ndr) - si ribadisce - è il risultato di un clima di intimidazione condotto dal Fc Lugano e dai suoi tifosi più scalmanati. Esistono ampie prove (mail di vario genere e chat) che mostrano come vi sia una vicinanza tra questi ambienti e il Fc Lugano, con il responsabile della comunicazione del club che a più riprese “dialoga” con loro". A lasciare, poi, di stucco l'Mps sono stati, si legge ancora, da un lato, l'atteggiamento del club, il quale anziché "distanziarsi da simili atteggiamenti", si è "preoccupato di comunicare a destra e manca che “denuncerà” l’Mps per averlo collegato a questi energumeni", e dall'altro l'agire della Polizia comunale, chiamata dalle stesse militanti. Polizia, si annota, la quale ha fatto presente che "sarebbe spettato a noi non reagire agli insulti, alle minacce, ai tentativi di impedire la raccolta delle firme; perché una nostra reazione sarebbe stata considerata una provocazione". Insomma, si conclude "il mondo all’incontrario".

A questo punto l'Mps confida "in un intervento suo (del sindaco, ndr) e di tutto il Municipio, affinché tali episodi non si ripetano, prendendo tutte le misure necessarie e istruendo in modo adeguato coloro che tali misure dovranno applicare".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
1 ora
Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere
Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
1 ora
‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’
Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
10 ore
Tra l’Alabama e il Ticino
L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
10 ore
Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico
Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
10 ore
Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi
Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Ticino
12 ore
Un ottobre da... radar
Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
Bellinzonese
12 ore
Camorino, servono 2,5 milioni in più per il Centro polivalente
Il Consiglio di Stato chiede un credito suppletorio ai già stanziati 11 milioni: ‘Necessario aumentare le superfici degli alloggi’ per richiedenti l’asilo
Luganese
12 ore
Lugano, disavanzo di 5,3 milioni nel Preventivo 2023
Dato positivo, ma da relativizzare, spiega Foletti, considerando il nuovo sistema di calcolo. Moltiplicatore d’imposta: si propone di lasciarlo al 77%
Ticino
13 ore
‘Serve una lista forte’, Mirante critica la direzione Ps
Per l’esponente socialista la proposta di lista che la direzione presenterà al Congresso del 13 novembre si basa su un ragionamento ‘fallace a azzardato’
Locarnese
13 ore
Locarno, licenziato l’agente dei presunti atti d’esibizionismo
L’esecutivo cittadino ha comunicato in giornata la decisione presa. Il poliziotto, dal canto tuo, ricorrerà al Consiglio di Stato
© Regiopress, All rights reserved