laRegione
02.04.21 - 16:10
Aggiornamento: 16:40

Cisterna di Sorengo, di nuovo fallita la società proprietaria

Il comparto potrebbe finire all'asta? Il Comune è in attesa di due ricorsi della Sa davanti al governo. La sindaca, Antonella Meuli:dossier in sospeso

cisterna-di-sorengo-di-nuovo-fallita-la-societa-proprietaria
TI-PRESS
Odissea infinita

E due. È fallita per la seconda volta la società Piancha de Citerna Sa, proprietaria a Sorengo del vasto comparto dove sorgeva la piscina, la quale aveva, d’intesa con l’Esecutivo, posto le premesse per farsi carico di un investimento milionario per la realizzazione di un Centro di creatività e cultura con atelier a disposizione di compagnie artistiche, teatrali, musicali, registi, coreografi e in parte fruibile al pubblico. Un progetto ambizioso tuttavia decaduto per decisione del Consiglio comunale, che, accettando la linea del Municipio, aveva revocato la Variante pianificatoria votata nel 2018 dal Legislativo sui cui poggiavano le premesse per il progetto culturale. Il Consiglio comunale, sempre su indicazione dell'Esecutivo, aveva inoltre dato un monito alla società per quanto attiene alle garanzie finanziarie del progetto, garanzie non fornite dai promotori. Ma la partita non è ancora chiusa. La Piancha de Citerna Sa ha infatti interposto due ricorsi sulle due decisioni del Consiglio comunale, entrambi tuttora pendenti davanti al Consiglio di Stato.

Legislativo informato

Intanto, martedì scorso, nell'ultima seduta della legislatura la sindaca di Sorengo, Antonella Meuli, ha informato il Consiglio comunale sul secondo fallimento della società promotrice del progetto. Da noi interpellata, la sindaca fa sapere che in questo momento è difficile conoscere come proseguirà questa vicenda, della quale si parla da anni: il dossier è sospeso, in attesa delle evasioni dei ricorsi. La Piancha de Citerna lo scorso 24 febbraio è finita in liquidazione: la società è sciolta in seguito a fallimento pronunciato dalla Pretura del Distretto di Lugano - si legge sul Foglio ufficiale. Dopo il primo fallimento, la società era riuscita a risorgere dalle proprie ceneri, come la fenice, ottenendo di essere reintegrata nella libera disposizione del proprio patrimonio. Potrebbe dunque risollevarsi nuovamente? Difficile a dirsi. Resta il fatto, che se ciò non fosse il caso, l'Ufficio fallimenti potrebbe ipoteticamente mettere all'asta l'ampio terreno. Insomma, affaire à suivre. E, soprattutto, l'annosa matassa sarà ancora tema della prossima Legislatura. Martedì il Consiglio comunale ha pure definito il moltiplicatore d'imposta, fissandolo al 60%, tra i più bassi del Cantone. Il Legislativo ha inoltre detto sì al credito di 1,2 milioni per una nuova organizzazione della gestione dei rifiuti; mentre ha detto no alla convenzione-contratto di affitto decennale per un piano di parcheggi sotterranei lungo la via Ponte Tresa (nuova costruzione Franklin University Switzerland). 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
1 ora
Alvad, ‘malumore generalizzato ma soffocato dalla Direzione’
Partendo da una durissima lettera di un “gruppo molto folto di collaboratori” al Dss, il deputato Mps Matteo Pronzini chiede lumi al governo
Bellinzonese
3 ore
Cinquant’anni di cure domiciliari e Abad vuole ancora crescere
Roberto Mora, direttore dell’associazione bellinzonese, auspica che il servizio, che aiuta bisognosi e sgrava le famiglie, diventi ancora più capillare
Bellinzonese
3 ore
Bellinzona, ‘Natale in città e Mondiali in Qatar più ecologici’
Nella sua interrogazione a nome del gruppo Unità di Sinistra, Lisa Boscolo invita il Municipio a una riflessione più approfondita
Ticino
4 ore
Ottobre, cadono le foglie... ma non i radar
Puntuale come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati i controlli della velocità
Ticino
4 ore
Lascia il vescovo Lazzeri? Due nomi per la gestione pro tempore
Il capo della Curia di Lugano sarebbe prossimo a dimettersi. Farine e De Raemy in lizza per l’amministrazione in attesa della designazione del successore
Bellinzonese
4 ore
‘Niente maxischermi a Bellinzona per i Mondiali in Qatar’
Dopo alcune città francesi e romande, anche il gruppo Verdi-Mps-Fa-Pop ha deciso di scendere in campo contro le violazioni dei diritti umani e ambientali
Locarnese
5 ore
Ad Ascona si pensa a un moltiplicatore fiscale differenziato
Una mozione interpartitica presentata al Municipio da Marco Passalia, Paolo Duca, Glenn Brändli e Fabio Guerra chiede di approfondire il tema
Luganese
10 ore
‘Cambiare il sistema di nomina per i direttori delle scuole’
È quanto chiede, con un’interpellanza al Governo, l’Mps dopo l’arresto per atti sessuali con fanciulli del direttore di una scuola media del Luganese
Luganese
11 ore
Lugano, nell’amministrazione non ci sono differenze di salario
La Città ha pubblicato i risultati delle analisi effettuate sui collaboratori retribuiti secondo il Regolamento organico comunale
Mendrisiotto
11 ore
‘Ampliare le scuole? Un pilastro per attrarre famiglie’
Il Municipio di Breggia difende il progetto di ampliamento della sede di Lattecaldo. ‘Sostenibile per le finanze, necessario per la didattica’
© Regiopress, All rights reserved