laRegione
sinistra-divisa-al-voto-sul-polo-sportivo
Ti-press
Luganese
28.03.21 - 16:01

Sinistra divisa al voto sul Polo sportivo

Come i verdi, anche Forum alternativo contrario: 'Tremila giovani ostaggio del Municipio'. Ps/Pc conferma il sì.

La sinistra di Lugano si presenta divisa al voto sul Polo sportivo e degli eventi (Pse) all'ordine del giorno lunedì in Consiglio comunale. Dopo i Verdi e l'Mps (non presente nel Legislativo, ma che minaccia di lanciare un referendum), anche Forum alternativo manifesta la propria contrarietà al piano e relativa convenzione coi privati (l'accordo di partenariato per la costruzione di stadio, palasport e vari maxi immobili) così come proposto dal Municipio.

"Tremila giovani e centinaia di persone che mettono il proprio tempo libero a disposizione delle attività sportive, diventati loro malgrado degli ostaggi dell’incompetente compagine municipale con cui ricattare la popolazione sul Polo sportivo e speculativo" il titolo della presa di posizione di Fa.  "È indiscutibile la necessità di queste persone di poter disporre d’infrastrutture sportive pubbliche di qualità al pari degli altri centri urbani elvetici. Un innegabile bisogno trasformato dalla compagine municipale nel solito affare per i suoi amichetti, con tanto d’inutile contorno di colata di cemento di appartamenti e uffici in una città che perde centinaia di abitanti ogni anno. La stessa compagine municipale e la sua maggioranza leghista che insorge contro l’aumento delle spese correnti a favore della socialità per imporre un inutile contorno cementifero che costerà alla collettività cinque punti di moltiplicatore e diciassette milioni l’anno per 27 anni. Spese assurde in una città dove un abitante su venti già oggi è povero e dove la povertà sarà destinata ad aumentare quale conseguenza del maledetto virus. Pochi, pochissimi consiglieri comunali, tra cui il nostro esponente Demis Fumasoli (che avrebbe anche desiderato implementare con una piscina coperta ed una pista di pattinaggio supplementare, la parte sportiva) hanno tentato di opporsi allo scellerato agire dei quattro partiti amministratori della città, combattendo per modificare il progetto, purtroppo approvato definitivamente lo scorso giugno dalla stragrande maggioranza dei consiglieri comunali. Allora nessuno lanciò il referendum.  "Esigiamo l’immediata costruzione di infrastrutture sportive ma non possiamo accettare che la città sperperi denaro in un momento così tragico per una percentuale altissima e quasi insostenibile di suoi concittadini".

D'altro canto il gruppo Partito socialista/Partito comunista nel Consiglio comunale di Lugano ribadisce il proprio sì, ma a 7 condizioni, al Polo sportivo, progetto peraltro discusso all'interno dello stesso Ps nell'assemblea lo scorso 24 febbraio, di cui abbiamo già riferito. In una ulteriore nota stampa, Carlo Zoppi, m capogruppo Ps, Edoardo Cappelletti (membro PC) e Raoul Ghisletta (presidente Ps) esprimono il proprio sostegno all'operazione, avendo ottenuto garanzie sotto il profilo ad esempio il 30% degli alloggi a pigione moderata all'interno del Pse, nonché gli aspetti ambientali e finanziarie di rispetto delle condizioni di lavoro. "Il Gruppo PS-PC ha pertanto deciso di appoggiare il rapporto di maggioranza sul PSE nella seduta del CC del 29 marzo, in quanto esso integra al suo interno e nel dispositivo di voto le 7 richieste imprescindibili di carattere sociale, ambientale, urbanistico e finanziario auspicate dalla risoluzione approvata nella votazione dei militanti del PS Lugano e dal PC Lugano".

È molto probabile a questo punto l'approvazione del messaggio nel Cc di domani, ma incombe la possibilità del già annunciato referendum popolare.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
forum alternativo polo sportivo sinistra
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
1 ora
Age e Aim, la rete idrica è sempre sottopressione
Rimangono in vigore le raccomandazioni all’uso parsimonioso dell’acqua e i divieti. La situazione è critica, ma alcuni Comuni riescono a cavarsela
Locarnese
4 ore
Tegna, ‘no alla variante che finirà per cancellarci’
L’Associazione sportiva preoccupata per le mire pianificatorie del Municipio per la zona dei Saleggi, con il sacrificio del campo da calcio (e del club)
Ticino
13 ore
Ipct, Pronzini si rivolge alla Commissione di mediazione
Il deputato dell’Mps ha chiesto alla cassa pensioni la decisione sulla riduzione del tasso di conversione. Accesso differito. Il parlamentare non ci sta
Luganese
15 ore
Soprusi, schiaffi e ustioni ai figli per 4 anni, il caso in aula
Genitori alle Correzionali, la pubblica accusa chiede pene parzialmente da espiare. Una perizia ha accertato la loro incapacità genitoriale
Luganese
16 ore
Rovio, il movente sarebbe il furto del figlio alla nonna paterna
Il padre avrebbe sparato alla schiena del 22enne forse a causa degli 80’000 franchi spariti dalla casa di Gravesano della parente
Mendrisiotto
16 ore
Chiasso, due campi esterni da padel all’ex Boffalorino
La domanda di costruzione per il progetto sarà presentata entro fine mese. L’area nel frattempo è stata sistemata
Bellinzonese
17 ore
Progetto Ritom a tetto: così cambia l’idroelettrico leventinese
Ffs e Aet presentano l’avanzamento del cantiere. Poi toccherà alla centrale del Piottino. Valutazioni in corso per Lucendro e alcune riversioni
Luganese
17 ore
Montagnola, auto urta un muretto e si ribalta: un ferito
Le condizioni del guidatore non dovrebbero destare particolari preoccupazioni
Bellinzonese
19 ore
‘Più zone naturali per combattere le isole di calore’
È la richiesta dei Verdi in un’interpellanza rivolta al Municipio di Bellinzona, che riprende a sua volta una proposta della Lista civica di Mendrisio
Locarnese
22 ore
Abusi edilizi, Municipio di Losone bacchettato dagli Enti locali
Vanno contro le disposizioni pianificatorie cantonali alcune licenze legate alla sopraelevazione d’immobili rilasciate. Parte l’interrogazione
© Regiopress, All rights reserved