laRegione
capriasca-il-municipio-svela-la-statua-di-alfonsina-storni
Alfonsina, vestida de mar...
24.03.21 - 16:01
Aggiornamento : 17:05

Capriasca, il Municipio svela la statua di Alfonsina Storni

L'esecutivo avrebbe voluto posare il manufatto nell'omonima piazza di Sala Capriasca entro fine legislatura, ma un ricorso al Consiglio di Stato lo impedirà

Continua a far discutere la statua in onore ad Alfonsina Storni che il Municipio di Capriasca intende posare nell'omonima piazza di Sala Capriasca. Stavolta è il Municipio a prendere posizione, a seguito della notizia del ricorso annunciata circa un mese fa dalla ‘Regione’. Opposizioni mediatiche e politiche che l'esecutivo sintetizza come “atteggiamenti ostracizzanti, poco comprensibili, che non fanno che alimentare sterili polemiche”. E soprattutto, per la prima volta, viene mostrata l'immagine della statua realizzata da Eva Antonini. Sebbene la polemica in corso sul manufatto artistico sia accesa già da mesi, finora la statua dal grande pubblico non era stata vista. Si conosceva soltanto il soggetto: il suicidio in mare della poetessa argentina di origine capriaschese.

Il Municipio desiderava posare la statua entro fine legislatura

Proprio la scelta di rappresentare il celebre episodio, che ha funto da ispirazione per svariate produzioni artistiche, è stata fra i motivi della polemica. Non potendo esporla, ora l'esecutivo ha deciso quantomeno di mostrare la statua: “Il Municipio uscente desiderava presentare la scultura entro la fine della legislatura – si legge in una nota –, abbiamo deciso di svelare comunque alla cittadinanza, malauguratamente solo con fotografia, la scultura commissionata a Eva Antonini, affermata artista svizzera residente in Capriasca”. Una decisione presa “nella speranza che il valore artistico metta a tacere questa infruttuosa polemica”, oltre che per il fatto che a causa del ricorso inoltrato al Consiglio di Stato l'eventuale posa della scultura verrà inevitabilmente ritardata.

Difesa l'artista Eva Antonini

Tra i diversi aspetti criticati da alcuni opponenti, anche la scelta di Antonini. Scelta difesa dal Municipio quale “decisione che definiremmo naturale, in quanto una delle poche scultrici contemporanee attive in Capriasca e soprattutto colei che aveva già dedicato spontaneamente la propria ispirazione artistica ad Alfonsina Storni, realizzando un suo busto in argilla esposto proprio nell'omonima piazza nell'ambito del festival ‘La carezza perduta’, dedicato alla poetessa nel giugno 2018”.

Critiche di vario genere a parte, il ricorso, ricordiamo, verte principalmente su aspetti edilizi. La piazza, secondo gli opponenti, sarebbe infatti zona pedonale ed è contestata la distanza del manufatto dalle costruzioni circostanti. Il Municipio sottolinea tuttavia che “la piazza in questione è pure una strada dove transitano da sempre veicoli a motore, tant'è che il progetto di riqualifica del nucleo di Sala è stato sottoposto e approvato secondo la procedura della Legge sulle strade”.

Leggi anche:

Il suicidio di Alfonsina Storni finisce al Consiglio di Stato

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alfonsina storni capriasca sala capriasca
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
48 min
Edilizia, gli aumenti delle materie prime offuscano l’orizzonte
Gli impresari costruttori in assemblea a Mendrisio hanno toccato anche il tema delle infiltrazioni mafiose in Svizzera
Luganese
1 ora
Rovio, verranno sostituiti i tre ippocastani abbattuti
Ha suscitato qualche polemica il taglio degli alberi in piazza. La decisione era stata presa dall’esecutivo in carica fino all’aggregazione
Ticino
1 ora
Imposte di circolazione, i dubbi di Plr e Ps restano
Le due iniziative popolari del Ppd continuano a non convincere del tutto. Speziali: ‘È finanziariamente sostenibile?’. Passalia: ‘Basta, si vada al voto’
Luganese
1 ora
Costi, qualità di vita, moltiplicatore: perché si lascia Lugano
Sebbene il trend demografico si sia invertito, uno studio evidenzia che il saldo migratorio nei confronti dei comuni ticinesi è ancora negativo
Luganese
2 ore
Lugano, arriva la prima scuola estiva di criptovalute
Primo passo concreto per il ‘Lugano’s Plan B’. 50 studenti lavoreranno a stretto contatto con esperti e leader del settore a livello mondiale
Ticino
2 ore
‘Le proposte sulla gestione Covid di Ostinelli non ci competono’
La Commissione sanità e sicurezza sociale si esprime sulla petizione del medico che chiedeva un cambio di strategia secondo i suoi suggerimenti
Ticino
2 ore
Altro incidente sull’A2, traffico in tilt verso sud
Pomeriggio nerissimo per la circolazione in Ticino. Disagi anche sulla cantonale nella zona di Manno
Locarnese
2 ore
‘Spazio Elle, Locarno rinnovi il contratto d’affitto’
Tredici consiglieri comunali mettono le mani avanti e chiedono al Municipio anche la valutazione di un eventuale acquisto del comparto
Locarnese
3 ore
Abbattimento del lupo: ‘Decisione necessaria ma tardiva’
L’Associazione per la protezione del territorio dai grandi predatori commenta il nullaosta del governo all’uccisione del canide
Ticino
3 ore
Argor-Heraeus ha acquisito la Erbas di Mendrisio
L’azienda attiva nella lavorazione dei metalli preziosi con l’acquisizione entra anche nel settore dell’orologeria di lusso
© Regiopress, All rights reserved