laRegione
laR
 
23.03.21 - 05:30
Aggiornamento: 16:44

Bedano: ‘Quell'antenna 5G rovinerà la mia famiglia’

Una domanda di costruzione inoltrata da Swisscom scatena il panico in paese: un centinaio le firme allegate all'opposizione consegnata in cancelleria

bedano-quell-antenna-5g-rovinera-la-mia-famiglia
Luca Cozzatti e davanti alla modina per la costruzione di un'antenna 5G a Bedano (a sinistra un fotomontaggio realizzato da Cozzatti)

Novantaquattro firme contro il 5G. È un intero quartiere di Bedano a mobilitarsi contro una domanda di costruzione pubblicata il 10 marzo scorso: la Swisscom desidera costruire una nuova antenna per la telefonia mobile alta venticinque metri in zona Gerra. Capofila della ‘sollevazione’ è Luca Cozzatti, che con i suoi quarantacinque metri circa di distanza sarebbe il più vicino al nuovo impianto. «Non contesto tanto la tecnologia 5G in sé – ci spiega –, quanto la posizione: sarebbe troppo vicino non solo a casa mia, ma a un'intera zona residenziale e persino al nucleo. È vero che l'antenna si troverebbe in zona artigianale, ma andrebbe a impattare sul nucleo del paese, che è a poche centinaia di metri. E poi, nel raggio di due chilometri in linea d'aria ci sono almeno cinque installazioni per la telefonia mobile».

‘Sarebbe la costruzione più alta di Bedano, deturperebbe il paesaggio’

Le prime preoccupazioni sono sorte a fine febbraio, quando è apparsa la modina. «Quando l'ho vista, ho subito istintivamente pensato che potesse essere un'antenna – ricorda Cozzatti –. Alcuni giorni più tardi è stata depositata la domanda di costruzione e ho avuto la conferma. Allora mi sono mobilitato, preparando da un lato l'opposizione e dall'altro avvisando i vicini e raccogliendo le firme (consegnate ieri in cancelleria, ndr) a sostegno della mia opposizione». Quest'ultima è articolata in numerosi punti. Pianificatori, in primo luogo. Ad esempio, non sarebbe rispettato il tetto massimo di altezza consentito dall'articolo 36 delle norme di attuazione del Piano regolatore, che parla di otto metri rispettivamente nove nel caso di edifici con tetti a falde. Valori che valgono per qualsiasi manufatto. E l'antenna in questione sarebbe alta venticinque metri, «più di qualsiasi altra costruzione di Bedano: deturperebbe il paesaggio. Queste antenne non si fanno costruire in montagna perché, giustamente, si dice che rovinano il paesaggio ma poi te le piazzano a pochi metri da casa... è un controsenso».

‘Le case perderanno valore, chiederemo un risarcimento’

In realtà, nell'istanza di edificazione non si precisa che l'antenna verrà utilizzata per la tecnologia 5G, sebbene i dati tecnici lo lascino intendere. Ma è la Swisscom stessa a confermarcelo: “Il nuovo palo da venticinque metri sarà ubicato ai margini della zona dei capannoni industriali. Il tutto per supportare le frequenze dai 700 ai 3'600 Megahertz, quindi le tecnologie 3G, 4G e naturalmente anche 5G”. Oltre a questa doverosa precisazione, nell'incarto manca anche un rendering su come potrebbe apparire l'antenna una volta costruita. Una mancanza alla quale ha pensato Cozzatti stesso, che ha creato un fotomontaggio (cfr. immagini) «per dare l'idea dell'impatto sulla zona». Una presenza che avrebbe ripercussioni molto forti sul valore immobiliare delle case: «Secondo delle stime che ho fatto, la mia casa potrebbe perdere anche fino a un 40% del proprio valore – sostiene l'oppositore –. Se volessi venderla, perderei un guadagno significativo». Pertanto: «io, come diversi altri vicini, siamo intenzionati a chiedere anche una domanda di risarcimento alla Swisscom e al proprietario del terreno, perché i nostri immobili perderanno molto valore».

‘Siamo preoccupati per la salute’

Contestazioni pianificatorie, finanziarie e, naturalmente, legate alla salute. L'opposizione cita infatti più pareri, fra questi segnaliamo quello del gruppo consultivo, istituito nel 2014, di esperti in materia di radiazioni non ionizzanti della Confederazione (Berenis): “Nell'edizione speciale di gennaio 2021 della sua newsletter, scaricabile sul sito dell'Ufficio federale dell'ambiente – si legge – è stato pubblicato un rapporto che conclude una pericolosità delle onde elettromagnetiche soprattutto per le persone molto giovani, quelle anziani e coloro che sono sensibili allo stress ossidativo”. «Non si sa ancora se e quanto male facciano queste onde, ma per sicurezza l'antenna si potrebbe mettere da tutt'altra parte – osserva quindi Cozzatti –. Numerosi vicini con bambini o anziani a carico sono preoccupati per la salute, noi per primi: abbiamo un figlio di 10 anni. Quest'antenna rovinerà la mia famiglia».

Il sindaco: ‘Non possiamo far finta di nulla di fronte alle firme’

Appellandosi al principio di precauzione – ossia, nel dubbio: sicurezza e salute della popolazione al primo posto –, gli opponenti chiedono quindi che la domanda di costruzione sia respinta e che non sia concessa una licenza edilizia. «In questa fase la competenza decisionale non è nostra – spiega il sindaco Dario Fraschina –. Stasera (ieri sera, ndr) ne discuteremo in Municipio e valuteremo se accompagnare l'invio all'Ufficio domande di costruzione del Dipartimento del territorio della domanda e dell'opposizione con un nostro preavviso. Di certo, non possiamo far finta di nulla di fronte a tutte queste firme, bisognerà valutare se non ci sono posizioni alternative, più lontane dalla zona residenziale e quindi più idonee». E mentre il Comune si dimostra disponibile al dialogo, chi non ha intenzione di mollare è Cozzatti: «Sì, sono deciso ad andare avanti, e come me altri. Non posso mollare così. Io e mia moglie abbiamo lavorato una vita per permetterci questa casa, ho investito metà della mia Cassa Pensioni. Quando l'abbiamo comprata dieci anni fa mai avremmo pensato che un mostro di metallo ne avrebbe dimezzato il valore».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
2 ore
Mobilità Usi al top: ‘Coltiviamo la dimensione internazionale’
L’ateneo ticinese è tra i pochi in Svizzera (4 su 36) ad aver raggiunto l’obiettivo del 20% dei diplomati con un’esperienza all’estero. Ecco i motivi
Orselina
2 ore
Nuovo albergo-ristorante Funicolare, c’è la licenza edilizia
Da novembre il cantiere per l’edificazione ex novo della struttura, simbolo turistico collinare soprastante la Madonna del Sasso
chiasso
3 ore
Un Nebiopoli all’insegna del vero spirito del Carnevale
Svelato il programma dell’evento, che dopo due anni di pandemia torna ‘in grande’. Ne abbiamo parlato con il presidente del comitato Alessandro Gazzani
Grigioni
3 ore
Giovane morta dopo il party: nessuno voleva perdere la patente
Le persone interrogate hanno confermato che si è atteso a lungo prima di portare la 19enne in ospedale per paura di incappare in controlli di polizia
Bellinzonese
4 ore
Quartiere Officine: per i Verdi ‘ancora troppi posteggi’
Giulia Petralli apprezza che il Municipio di Bellinzona abbia rivalutato il progetto iniziale, ‘ma ci sono ancora punti che non ci soddisfano’
Luganese
4 ore
Lugano mantiene la tradizione del Pane di Sant’Antonio
Con una decisione presa a maggioranza, il Municipio ha incaricato la Cancelleria e la Divisione attività culturali di preparare un progetto
Ticino
6 ore
Pensioni, la rete ErreDiPi evolve e diventa un’associazione
La scelta, dice il portavoce Quaresmini, ha l’obiettivo di essere interlocutori solidi e di partecipare attivamente agli incontri tra governo e sindacati
Luganese
6 ore
Trattamento stazionario a un giovane reo di tante ‘bravate’
Inflitti 22 mesi da espiare a un 23enne che, in pochi giorni, ha commesso diversi reati. Pena sostituita con il ricovero in una struttura chiusa
Luganese
6 ore
Incidente sulla A2, code in direzione sud
Si segnalano disagi al traffico tra Muzzano e la galleria di Collina d’Oro
Luganese
7 ore
Inserimento professionale, Lugano tira le somme
Presentato il rapporto d’attività 2022 del Settore formazione e lavoro della Divisione socialità
© Regiopress, All rights reserved