laRegione
11.03.21 - 22:52
Aggiornamento: 23:15

E ad Agno sbarca il convoglio della futura rete Tram-treno

Questa sera sono arrivati i nuovi vagoni della Flp agibili da giugno e dal 2029 rivoluzioneranno il mondo della mobilità

e-ad-agno-sbarca-il-convoglio-della-futura-rete-tram-treno
Ti-Press
L’arrivo del convoglio

A volte ci sono di quei giorni che senti appartenere alla Storia. Entrerà negli annali l’evento svoltosi questa sera ad Agno, quando dai camion sono usciti tre parti di treno che andranno a configurare il primo di una serie dei moderni convogli, destinati a rivoluzionare l'intera mobilità regionale del Luganese e a sostituire gradualmente gli attuali trenini arancioni della Flp Lugano-Ponte Tresa, datati 1978. E l'emozione nell’aria era palpabile tra i numerosi addetti ai lavori, mentre si consumavano i delicati lavori di scarico e messa sui binari dei vagoni. Al moderno treno, della lunghezza di 45 metri, ne seguiranno altri otto e poi altre tre, ma allora saremo già nel 2029, quando si inaugurerà l'attesa Rete del tram-treno del Luganese. 

Collaudo e omologazione. E con l'estate il moderno treno sfreccerà regolarmente

Dopo il lungo viaggio tramite autocarro dagli stabilimenti del produttore Stadler, il treno è stato stazionato presso l’officina Flp, dove da tempo gli addetti ai lavori ne hanno preparato le fasi del suo arrivo. I prossimi passi? Prenderà ora il via una fase fondamentale per la messa in esercizio. I convogli, che rappresentano di fatto una prima a livello svizzero - il modello è unico nella Confederazione - dovranno infatti essere sottoposti a collaudo e omologazione. Il processo, per il quale si calcola una tempistica di circa tre mesi, culminerà con l'autorizzazione all’esercizio da parte dell’Ufficio federale dei trasporti. L’entrata in esercizio del primo Tramlink della Stadler è dunque prevista tra i mesi di giugno e luglio. Nei prossimi mesi arriveranno inoltre, presso la Ferrovia Lugano Ponte Tresa, un totale di altre otto composizioni. La flotta sarà al completo tra ottobre e novembre.

Comfort e la possibilità di trasportare fino a 600 passeggeri a corsa

Ma ecco le principali caratteristiche del moderno convoglio: accessibilità, comfort e sicurezza. Gli addetti ai lavori assicurano come i nuovi convogli contribuiranno a migliorare significativamente l’esperienza di viaggio degli oltre 2,5 milioni di passeggeri che ogni anno si spostano tra Lugano e Ponte-Tresa. Dotati di tutti i comfort a bordo, i treni saranno più silenziosi, caratterizzati da ampie finestre e schermi luminosi, nonché dalla climatizzazione, più volte richiesta dall'utenza. Dal punto di vista dell’accessibilità, nelle ore di punta, i vagoni potranno viaggiare in “doppia composizione”, arrivando così a trasportare fino a 600 passeggeri, il doppio rispetto a quelli attuali. Sarà inoltre possibile il trasporto agevole di passeggini, biciclette e carrozzine. Non da ultimo, la videosorveglianza interna ed esterna contribuirà a garantire la sicurezza a bordo e nelle immediate vicinanze dei vagoni. Per vedere con i propri occhi le maggiori peculiarità del nuovo treno, l’azienda ha creato un sito Internet dedicato. Per accedervi basta digitare il seguente indirizzo: nuovitreni.flpsa.ch. Altri interessanti dati emergono dal sito, che consente "virtualmente" di salire a bordo del nuovo treno. Detto della lunghezza di 45,5 metri, la larghezza del moderno convoglio raggiunge i 2,4 metri. Novantotto i posti a sedere, per una capacità complessiva di 293 passeggeri. Design e tecnologia dominano il nuovo oggetto della mobilità che potrà raggiungere una velocità di 80 chilometri orari. Dalla Ferrovia Lugano-Ponte Tresa alla futura mobilità. Un passo importante si compirà fra otto anni, quando entrerà in scena l'attesa Rete tram-treno del Luganese. L’arrivo dei nuovi convogli costituisce infatti una tappa importante anche per il nuovo mondo della mobilità regionale. Il nuovo materiale rotabile è stato infatti concepito per poter circolare sui binari anche nel traffico cittadino. Una potenzialità che potrà venire espressa a tutti gli effetti dal 2029, quando appunto i convogli serviranno la Rete del tram-treno del Luganese, progetto di cui la Ferrovia Lugano Ponte Tresa, come noto, è parte integrante.

Un investimento di 47 milioni di franchi

L'arrivo nel 2021 dei nuovi convogli conferma la tempistica preannunciata già due anni fa dai vertici della Ferrovia Lugano-Ponte Tresa, diretta da Roberto Ferroni. L'investimento complessivo è stato di 47 milioni di franchi. In ottica Tram-Treno, i moderni convogli collegheranno Bioggio con Lugano centro e con Manno. Dapprima i binari percorsi dal nuovo treno saranno quelli lungo l'asse Lugano-Ponte Tresa-Lugano. Addio, dunque, a breve dei vecchi trenini in servizio dal 1978. Insomma, un significativo passo avanti nel mondo dei trasporti, dopo i traguardi raggiunti con l'apertura della galleria di base del Ceneri di Alptransit.

 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Gallery
Locarnese
12 ore
La Rega decolla nei consensi e nella simpatia
Ben 14’000 visitatrici e visitatori hanno approfittato dell’opportunità di gettare uno sguardo dietro le quinte della base e dell’hangar
Luganese
13 ore
Inaugurato il nuovo Consorzio depurazione acque della Magliasina
Entrato in servizio a Purasca nel 1987 è stato oggetto di ampliamento e ottimizzazione generale fra il 2018 e il 2022
Luganese
17 ore
Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa
Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
20 ore
Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia
A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
23 ore
Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere
Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
23 ore
‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’
Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
1 gior
Tra l’Alabama e il Ticino
L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
1 gior
Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico
Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
1 gior
Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi
Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Ticino
1 gior
Un ottobre da... radar
Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
© Regiopress, All rights reserved