laRegione
05.03.21 - 20:52
Aggiornamento: 22:25

Lugano, Speziali: 'I veleni sui social fanno male a tutti!'

Intervista al presidente del Plr cantonale che parla del Polo sportivo e delle divisioni 'in via di assestamento' sezione cittadina del partito

lugano-speziali-i-veleni-sui-social-fanno-male-a-tutti
Alessandro Speziali, presidente cantonale del Plr (Ti-Press)

Che idea si è fatto del dibattito attorno al progetto di Polo sportivo e degli eventi a Lugano, nel quale ci sono stati anche colpi sotto la cintura e sui social addirittura commenti al limite dell'illegalità?

Il confronto con tutte queste esternazioni discutibili sui social sta andando anche contro l'anima di questo progetto e soprattutto dello sport, in cui deve prevalere il fai play e il rispetto reciproco. Affrontarsi all' interno di alcune regole è fondamentale sia nello sport sia nella politica. I veleni che leggiamo sui social fanno male a tutti, dagli strenui difensori a quelli che vorrebbero vederci un po' più chiaro sulla conseguenza del progetto. Il dibattito rischia di diventare un gioco a somma zero se questo livello di astio non rientra. 

Favorevole o contrario al Pse?

A me pare che questo progetto sia fondamentale e contribuisca a una riqualifica dell'intero comparto di Cornaredo. Soprattutto perché parliamo di sport che significa aggregazione, associazionismo e crescita personale ed è qualcosa di importante per i giovani e non solo. Da questo punto di vista è veramente un progetto popolare e trasversale. Ci sono però interrogativi che stanno pesando come macigni. C'è da capire se questi macigni non siano in qualche modo aggirabili. Per ora sembra che non sia possibile. In politica ho però capito che spesso da queste discussioni così aperte saltan fuori soluzioni inaspettate.

Intravvede rischi di una bocciatura in Consiglio comunale nella prossima seduta?

Non voglio di certo interferire. A me pare che all'interno del Plr sia indiscussa la consapevolezza dell'importanza di riqualificare il quartiere grazie all'infrastruttura che sorgerebbe. Però, come detto, ci sono questi macigni che alcuni affrontano con una certa dose di ottimismo mentre altri intravvedono grossissimi rischi. In Consiglio comunale dipenderà tutto se ci sarà una cordata solida fra partiti … Altrimenti, il credito scricchiola pericolosamente. 

Qual è la sua opinione in merito alla lettera scritta al Municipio di Lugano da Fulvio Pelli, candidato Plr al Consiglio comunale di Lugano ex consigliere nazionale del partito nella quale antepone i suoi interessi personali al Pse, al di là dell'uso strumentale che ne è stato fatto da parte del direttore del Mattino della domenica e municipale leghista di Lugano Lorenzo Quadri?

Evidentemente il cittadino rimane spiazzato. Ognuno è libero di intraprendere e motivare i propri ricorsi, certo, ciò non toglie però che la notizia lasci perplessi in molti.  

Il Plr spesso parla di riqualifica urbana, sport, grandi opere …  

Assolutamente sì. Lo sport e tutto quello che ci ruota attorno ha un riverbero locale, regionale e cantonale. Il Ticino rispetto alla Svizzera interna dispone di infrastrutture decisamente non adeguate e non al passo con i tempi. Oltre Gottardo, c'è un’altra cultura: lo sport è visto non come un optional, ma rientra piuttosto nella politica di sviluppo e di integrazione, in una visione lungimirante.  

Sono forti le divisioni all'interno del Plr e le contrapposizioni fra i municipali e alcuni esponenti del gruppo in Consiglio comunale rischiano di indebolirlo. Cosa ne pensa?

Il partito ha sempre avuto una sanissima inclinazione all’analisi e al dibattito, e in questo caso il Plr ha veramente fatto una radiografia precisa del progetto. Anche perché ci sono cittadini che si pongono alcuni interrogativi. Alcuni esponenti Plr sono seriamente preoccupati delle possibili conseguenze negative sui commerci del centro per lo spostamento di alcuni flussi. Inutile nasconderlo: questo ha portato a piccole scosse telluriche. Però, sono in contatto continuo con la sezione di Lugano e mi pare che ora ci sia un assestamento. Tutti sono d'accordo che questa sia un'occasione per Lugano e ora si sta cercando in tutti i modi la quadra del cerchio per non farla saltare. Oltre all’assestamento, è anche rassicurante l'intento di marcare stretto il Municipio affinché poi prendano forma altri progetti utili per far vivere la città in altri luoghi, come il Polo congressuale. Vede, ci comportiamo come una famiglia strana noi liberali, urlandoci da un balcone all'altro, mentre altri lavano i panni sporchi in casa. Ma anche negli altri partiti non c'è sempre stata l'unanimità, come nella Lega che prima tacciava di megalomania il Pse mentre oggi lo difende a spada tratta. La sinistra, invece, per digerire internamente i 'rospi' tenta la carta degli appartamenti a pigione moderata. 

E qual è la sua opinione dell'idea di congelare tutto e rimandare a dopo le lezioni il voto come proposto dall'ex sindaco Giorgio Giudici che pare possa cambiare molto le carte in tavola?

In politica talvolta emergono soluzioni inaspettate fino a cinque minuti prima di mezzanotte. Ho fiducia nel dibattito e nelle nostre persone. Forse senza il clima elettorale così acceso, le posizioni sarebbero meno rigide. Il congelamento del progetto? Non sono un indovino. Da una parte forse ci sarebbe il vantaggio di allungare di un po' di tempi per cementare il consenso nei partiti; dall’altra la politica è chiamata ad avere il coraggio delle decisioni. Sia quel che sia, occorrerà poi convincere la popolazione in vista dell'annunciato referendum, che sarà il vero banco di prova per tutti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
3 ore
Sbanda e centra la Giudicatura di pace
Singolare incidente della circolazione in territorio di San Nazzaro. Ingenti danni alla vettura e allo stabile
Locarnese
3 ore
Muralto: il futuro di via della Stazione si chiama ‘Urbania’
La Renzetti Properties Sa conferma punto per punto i dettagli del progetto per il fronte urbano del comparto che ospita il Grand Hotel
Bellinzonese
4 ore
Nuovo giallo a Bellinzona sulle orme della Banda dei Cedri
Sabato 3 dicembre nella sala del Consiglio comunale Gionata Bernasconi e Lietta Santinelli presenteranno il loro romanzo per ragazzi
Ticino
7 ore
Livelli, Speziali chiude la porta: ‘Il Decs ritiri il messaggio’
Il presidente del Plr sull‘ultima proposta di superamento dei corsi A e B alla scuola media: ’Deludente e inconsistente, da noi troppo ottimismo iniziale’
Locarnese
7 ore
Losone, una ‘rivoluzione’ da (non) buttare nel cestino
Tra novità già attuate e altre in arrivo, il Comune locarnese può considerarsi un precursore nella strategia di gestione dei rifiuti
Bellinzonese
7 ore
Area di servizio a Giornico, progetto ridotto ma ancora vivo
Ridimensionato l’investimento di 12 milioni inizialmente previsto. Per realizzare la ‘Green Station’ la Sa chiede all’Aet di collaborare
Ticino
16 ore
‘Appalti internazionali, si chieda il certificato anti-mafia’
Con una mozione Ermotti-Lepori e altri deputati invitano il Consiglio di Stato a modificare il regolamento della legge sulle commesse pubbliche
Luganese
16 ore
Lugano, crisi in vista: nel 2023 -20% di reddito disponibile
Un rapporto della Statistica urbana prevede tempi duri per i cittadini di Lugano qualora l’attuale crisi perdurasse con la stessa intensità
Luganese
16 ore
Manno, datore di lavoro a processo per omicidio colposo
I fatti riguardano la morte di un suo dipendente nel 2017, caduto da circa 6 metri di altezza mentre lavorava. Secondo la difesa è colpa della vittima
Ticino
17 ore
Ffs, aumentano i passeggeri e i treni in transito in Ticino
Roberta Cattaneo: ‘Alle 70mila persone sui Tilo dobbiamo aggiungere le molte che usano Ir e Ic’. Zali: ‘Traffico passeggeri incrementato del 15%’
© Regiopress, All rights reserved