laRegione
lugano-rubava-e-rivendeva-condannato-ladro-22enne
Quattro mesi di carcerazione preventiva che si sono rivelati difficili per un 22enne omosessuale (Ti-Press/Archivio)
05.03.21 - 15:28
Aggiornamento: 22:12

Lugano, rubava e rivendeva. Condannato ladro 22enne

Commetteva furti per garantirsi un elevato tenore di vita. Pena di ventidue mesi sospesa per il giovane

Distributori automatici, bar e ristoranti, alcune aziende del Malcantone e persino il Municipio di Ponte Tresa. Tanti gli obiettivi finiti nel mirino del 22enne italiano residente nel Luganese condannato ieri alle Assise correzionali di Lugano per una serie di furti commessi fra il 2017 e il 2019 a ventidue mesi sospesi condizionalmente per quattro anni e a un’assistenza riabilitativa. Ma più dei reati e della condanna, ad aver fatto clamore in aula è la confessione a sorpresa dell’imputato, che ha dichiarato di essere stato vessato a causa del proprio orientamento sessuale.

‘Ho paura e non voglio tornare in carcere’

«Sono omosessuale – ha detto il giovane – e per questo ho subito degli episodi sgradevoli in carcere. In due mi hanno spintonato verso un luogo non coperto dalla videosorveglianza. Sono grande e grosso anche io e mi sono difeso, ma ho paura e non voglio tornarci». Dichiarazioni non approfondite in aula, ma che hanno fatto sobbalzare sia la sua legale Sandra Xavier, che la procuratrice pubblica Margherita Lanzillo, entrambe ignare, portando la pp a ipotizzare delle indagini per capire di preciso l’accaduto.

Gli è stata data una possibilità, ‘l'ultima’

Ma in prigione – dove ha trascorso tre mesi e mezzo nel 2019 in carcerazione preventiva –, il giovane per ora non dovrà tornarci. Il giudice Siro Quadri ha deciso infatti di dare una possibilità, «l'ultima», all'imputato sostanzialmente reo confesso, accogliendo di fatto la richiesta congiunta formulata da accusa e difesa. «La pena deve essere idonea all'imputato – ha spiegato il presidente della Corte –. La detenzione è una punizione, ma non la cura. Lei non ha bisogno solo di pensare, ma di essere aiutato. Dovrà seguire un percorso e se non lo farà l'unica soluzione possibile sarà il carcere». Precisazioni dovute, in quanto già nel 2019 nei confronti dell'imputato sono state adottate delle misure sostitutive all'arresto: l'obbligo di avviare una qualifica professionale con il supporto del Patronato; l'obbligo di sottoporsi al Patronato il quale assicurerà la sorveglianza e l'esecuzione delle misure sostitutive oltre ad amministrare le entrate finanziarie; l'obbligo di sottoporsi al trattamento terapeutico presso il Servizio psico-sociale di Lugano. Misure che tuttavia il 22enne «non ha seguito alla lettera», come spiegato dalla pp.

Rubava per rivendere e mantenere l'elevato tenore di vita

Non è l'indigenza economica ad aver portato il giovane a delinquere, ma una situazione personale complessa: musicista talentuoso e di famiglia benestante, entrato in un giro di cattive amicizie e in seguito a dissapori in famiglia il 22enne ha iniziato a commettere i furti. Rubava di tutto, da cimeli del Comune di Ponte Tresa – dopo essersi appropriato del passe-partout –, a bottiglie di vino nei ristoranti, fino ad attrezzature da dj e persino una lavatrice. Merce in parte rivenduta per garantirsi l'alto tenore di vita e in parte utilizzata privatamente, essendo stato attivo lui stesso nell'organizzazione di eventi. Il valore totale della merce rubata si aggira sui 62'000 franchi. Reati che gli sono costati la condanna per furto aggravato per mestiere, ripetuto danneggiamento, ripetuta violazione di domicilio, ripetuta appropriazione indebita, appropriazione semplice, abuso d'impianto per l'elaborazione di dati, sviamento della giustizia, ripetuto furto d'uso e ripetuta guida senza autorizzazione, truffa, falsità in documenti e contravvenzione alla Legge federale sul trasporto dei viaggiatori.

Accusa e difesa: ‘È immaturo, ha bisogno di essere seguito’

Una dozzina di reati, ma ciononostante la Corte ha deciso di credere alla buona volontà dimostrata stavolta dal giovane e perorata sia da difesa sia da accusa. «Secondo noi non ha la maturità sufficiente per affrontare la vita da solo – secondo Lanzillo –. Ci vuole qualcuno che lo aiuti a livello psicologico, ma soprattutto nell'amministrazione e nelle cose quotidiane e nella ricerca di un lavoro. Da parte nostra c'è la volontà di dargli l'ennesima opportunità, ma con un coinvolgimento molto rigoroso del Servizio psico-sociale. Siamo aperti a un percorso serio e motivato da parte sua in alternativa al carcere». «È immaturo – ha aggiunto Xavier –. Certamente è stato molto provato durante i quattro mesi di detenzione e questa forse è l'unica lezione che ha davvero avuto. Con molto rispetto per lui, credo che il perito (che ha evidenziato un disturbo narcisistico della personalità, con tratti antisociali e borderline e un rischio di recidiva alto, ndr) abbia centrato le sue problematiche». Per permettergli quindi di seguire il percorso pensato per lui, e anche perché la sua famiglia vive in Ticino, è stato chiesto e ottenuto il caso di rigore: il 22enne non verrà pertanto espulso dalla Svizzera.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
3 ore
Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’
Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
3 ore
Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi
Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
3 ore
Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende
Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
Bellinzonese
10 ore
Vacanze costose e beni di lusso con i guadagni della cocaina
Condannato a 4 anni e 3 mesi (più l’espulsione dalla Svizzera) un 35enne recidivo e reo confesso. La Corte: ‘Prognosi nefasta’
Locarnese
10 ore
Gambarogno, 83enne inghiottito dalle acque del lago
L’uomo, un confederato, si era tuffato per una nuotata ma non è più riemerso. Partito dal Porto patriziale di Ascona, aveva ‘toccato’ alcune imbarcazioni
Bellinzonese
13 ore
Bennato e tanta buona musica allo Spartyto di Biasca
Tre serate intense il 25, 26 e 27 agosto in Piazza Centrale per la 32esima scoppiettante edizione
Locarnese
14 ore
Onsernone, da mezzo secolo senza mai perdere ‘LaVoce’
Compie 50 anni il semestrale (un tempo bimestrale) della locale Pro; una rivista cartacea nata per parlare di territorio e offrire spunti di riflessione
Ticino
15 ore
A Ferragosto il sole brucia, il radar pure
Puntuale come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli della velocità
Luganese
15 ore
Cantoreggi, l’Appello conferma la condanna di primo grado
Pensione La Santa, la corte di secondo grado infligge 4 anni e tre mesi di carcere all’austriaco, per lesioni, omicidio colposo e omissione di soccorso
Mendrisiotto
20 ore
Morbio Inferiore, Parco San Rocco accettato ma con modifiche
Progetto intergenerazionale relativo al Piano particolareggiato rivisto dal Cantone, l’incarto sarà in pubblicazione dal 16 agosto al 15 settembre
© Regiopress, All rights reserved