laRegione
24.02.21 - 17:21
Aggiornamento: 18:41

Campione, crac casinò: rinviata l'udienza contro i vertici

Posticipata al 9 giugno l'udienza preliminare nel processo contro 18 imputati, fra cui gli ultimi due sindaci, per il doppio buco multimilionario

di Marco Marelli
campione-crac-casino-rinviata-l-udienza-contro-i-vertici
Doppio buco multimilionario nell'enclave (Ti-Press)

Udienza lampo stamane in Tribunale a Como nel processo penale per il maxi crac del Casinò di Campione d'Italia, che vede alla sbarra 18 imputati, fra cui gli ultimi due sindaci e i loro vice dell'enclave, prima della gestione commissariale del Comune. E con loro l'ex amministratore delegato, i componenti del consiglio di amministrazione e quelli del collegio sindacale della società. Sono accusati a vario titolo i false comunicazione sociali, abuso d'ufficio e due di loro di corruzione (l'ex comandante della polizia locale e una ex dirigente comunale). Al centro del processo la gestione con conseguente voragine di debiti del Casinò e del Comune: il primo chiuso nel luglio 2018 con conseguente licenziamento di tutti i 480 dipendenti, il secondo in dissesto finanziario, con drastica riduzione del personale passato a 100 a 17 lavoratori. Debiti complessivi per oltre 200 milioni di euro che hanno affossato la casa da gioco e il comune.

Solo due imputati stamane si sono presentati davanti il giudice delle udienze preliminari Andrea Giudici e al pm Pasquale Addesso. Gli altri imputati si sono fatti rappresentare dai rispetti legali. Presente come parte offesa il Comune, rappresentato da un avvocato. I reati coprono un arco di tempo che va dal 2013 al 2018. Nessuno degli imputati ha formulato la richiesta di accedere ai riti alternativi. Il gup ha rinviato l'udienza al 9 giugno, con la possibilità di proseguire al 16 giugno e fissato il termine ultime per la presentazione delle memorie difensive al 30 aprile. Il 9 giugno di dovrebbe essere nota la decisione del Tribunale fallimentare su futuro del Casinò, visto che l'udienza è fissata per il 3 maggio. Qualora i giudici dovessero decidere per il fallimento della casa da gioco la posizione di numerosi imputati si aggraverebbe.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
1 ora
‘Il ruolo del piccolo commercio sarà rivalutato’
La Società commercianti del Mendrisiotto ha tenuto la sua assemblea e ha presentato le novità: un servizio di prima consulenza legale e un nuovo sito
Locarnese
2 ore
‘La doppia segnalazione, poi subito l’inchiesta amministrativa’
Locarno, capodicastero e comandante erano stati avvisati contemporaneamente dalla donna delle presunte molestie verbali di un agente
Locarnese
2 ore
‘Il mare mi ha detto: sei in gamba, ma oggi son troppo forte io’
Alessandro Veletta, a causa delle forti correnti, non ha concluso la traversata a delfino dello Stretto di Messina. Ma la sua resta un’impresa benefica
Mendrisiotto
3 ore
Chiasso festeggia l’autunno e i suoi sapori
La 14esima edizione della festa, abbinata alla Sagra cantonale del miele, è in programma domenica 16 ottobre
Bellinzonese
5 ore
I dipendenti di Bellinzona: ‘Meritiamo un carovita del 4-5%’
La Commissione del personale chiede al Municipio di compensare integralmente i mancati adeguamenti dal 2010 a oggi: sarebbero 5 milioni annui in più
Ticino
8 ore
Con l’autunno i contagi riprendono vigore anche in Ticino
Coronavirus, in sette giorni quasi duemila nuove infezioni (+78% rispetto alla settimana precedente). Ospedalizzazioni in sensibile aumento
Mendrisiotto
9 ore
‘Salviamo la Biblioteca islamica di Chiasso’
Punto di ritrovo e di scambio culturale, adesso rischia di chiudere. Lanciata una raccolta fondi
Ticino
12 ore
Cantonali ’23, Gianella (Plr): ‘Sarò nella lista per il governo’
La capogruppo liberale radicale ufficializza a laRegione la sua decisione di candidarsi: ‘Avremo una lista forte in cui ogni ticinese potrà riconoscersi’
Bellinzonese
12 ore
Chiuso il negozio di Dalpe: ora manca un servizio ‘essenziale’
La speranza del sindaco Mauro Fransioli è quella di trovare qualcuno che porti avanti l’attività. Il 15 ottobre è previsto un incontro con la popolazione
Luganese
12 ore
Scuola media, la Direttiva e i segnali non recepiti
Indigna la presunta violazione del dovere di informazione nel caso dell’ex direttore di una scuola media arrestato per reati sessuali con minorenni
© Regiopress, All rights reserved