laRegione
01.02.21 - 18:39

Lugano, sarà ricorso contro il Bike Park

L'associazione Uniti per Brè contesta la licenza edilizia rilasciata dalla Città: 'Riduce la qualità paesaggistica e naturale di una zona vasta e pregevole'

lugano-sara-ricorso-contro-il-bike-park
Una veduta panoramica di Brè (Ti-Press)

"Municipio e autorità cantonale non considerano la revisione in corso del piano regolatore di Brè e superficialmente si rilascia una licenza edilizia che contrasta con il buon senso e la legislazione". È un passaggio della nota stampa diffusa dall'associazione Uniti per Brè che ha sostenuto l’inoltro del ricorso al Consiglio di Stato contro la licenza edilizia concessa dall'esecutivo cittadino per la realizzazione di un Bike Park nel quartiere posto in cima alla montagna. Un gruppo di residenti si è fatto promotore per la raccolta di fondi per finanziare il patrocinio legale e la consulenza tecnica. Secondo l'associazione, il progetto "va a ridurre la qualità paesaggistica e naturale di una zona vasta e pregevole, apprezzata per la sua natura, da godere così com’è, senza il bisogno di strutture artificiali e perturbanti come il Bike Park, destinato per di più a pochi appassionati".


L'associazione sottolinea che "in 120 avevano scritto al Municipio che il bike park non lo si voleva. Ma niente da fare, avanti in ogni caso, tanto l’opinione della cittadinanza cosa conta? Aree verdi liberamente accessibili e curate sono fondamentali in un’ottica sociale: esse hanno effetti diretti sulla salute, offrendo l’opportunità di rigenerazione". Uniti per Brè ha scritto nel dicembre 2018 al Municipio rilevando "le carenze dell’analisi urbanistica del pianificatore: tutto concentrato sulla quantità e poco o niente dedicato al tema della qualità e della gestione del patrimonio naturalistico. La licenza edilizia al Bike Park ne è la prova lampante. Invece va elaborato un concetto unitario di aree di svago di prossimità, va posto il primo tassello adesso che si sta rivedendo il Piano regolatore del comparto di Brè. Ma la deludente realtà è un’altra: il Municipio decide casualmente e in modo miope".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
2 ore
Un ‘audit’ cantonale per i diritti umani
Domani all’Usi si discuterà di come fare per migliorarne il rispetto anche a livello locale. Tra gli ospiti anche la ginevrina Léa Winter
Luganese
2 ore
Lugano, l’appello: ‘La bici è la mia compagna, ritrovatemela’
La storia di Chiara e della sua e-bike, rubata alla Stazione Ffs e rivenduta. ‘La Polizia mi ha detto di dimenticarmela ma io non mi arrendo’.
Grigioni
9 ore
Parco Calanca avanti tutta: il sì dell’associazione alla Charta
L’assemblea dei delegati ha votato all’unanimità lo strumento pianificatorio. Il 29 gennaio parola alla popolazione. Se avallato, il dossier andrà a Coira
Luganese
10 ore
Massagno, si è spento Paolo Grandi
Aveva 82 anni. Promotore e presidente dell’associazione Carlo Cattaneo, fondò la delegazione ticinese dell’Accademia italiana della cucina
Mendrisiotto
11 ore
Per l’ente turistico un ‘Preventivo 2023 prudente’
Molte incertezze date dalla situazione internazionale. Previsto un disavanzo di oltre 60mila franchi. Circa i pernottamenti il 2022 si prospetta positivo.
Grigioni
12 ore
Grono mira a rendere meno cara la vita ai suoi cittadini
Popolazione preoccupata in particolare dall’aumento della bolletta elettrica. Moltiplicatore: il Municipio propone di ridurlo al 90%
Luganese
12 ore
Lugano, carovita al 2,5% per i dipendenti della Città
Il Municipio adegua le scale salariali del personale e il presidente della Commissione Fabio Schnellmann esprime soddisfazione
Bellinzonese
13 ore
Esplode la spesa ‘perché il Municipio non ha fatto i compiti’
Preventivo ’23 di Bellinzona: la maggioranza Plr, Sinistra e Centro della Gestione giudica troppo blanda la spending review e teme misure drastiche
Locarnese
13 ore
Il Museo di Val Verzasca nominato all’EMYA 2023
Tra i sette istituti culturali svizzeri iscritti per il prestigioso riconoscimento europeo vi è anche la struttura con sede a Sonogno
Ticino
17 ore
Un appello per l’Ucraina (e contro Putin)
È quello reso pubblico da Verdi, Ps, Mps e altre formazioni progressiste in previsione della Giornata mondiale dei diritti umani
© Regiopress, All rights reserved