laRegione
31.01.21 - 13:41
Aggiornamento: 15:14

Riqualifica del nucleo di Melide, bocciato il Referendum

Con 464 favorevoli al progetto e 272 no dalle urne è emersa luce verde all'investimento di 6,9 milioni. Sindaco raggiante. Partecipazione storica: 74%

di Guido Grilli
riqualifica-del-nucleo-di-melide-bocciato-il-referendum
Il progetto

La riqualifica del nucleo storico di Melide, per un investimento di 6,9 milioni di franchi, potrà avere luogo. La maggioranza della popolazione, chiamata oggi ad esprimersi sul tema, ha infatti bocciato il Referendum contro l'approvazione del credito decisa dal Consiglio comunale lo scorso 14 settembre, promosso da Abbondio Adobati e dall'ex sindaco, Aldo Albisetti che avevano raccolto 256 firme. 

Quasi tre su quattro degli aventi diritto si è recata al voto

Luce verde, dunque, al progetto che nel Comune lacuale tiene banco da una ventina d'anni e nelle ultime settimane è stato al centro dell'attenzione della popolazione. Ma ecco i risultati usciti dalle urne: i voti favorevoli alla riqualifica della piazza sono stati 464 contro (pari al 63%) mentre 272 i contrari, ossia poche manciate di schede in più di quanti avevano firmato il Referendum. Altissima, anzi storica, perché mai raggiunta prima, la partecipazione al voto, che ha toccato quota 74%, vale a dire quasi tre aventi diritto di voto su quattro.

Raggiante il sindaco, Angelo Geninazzi: «Siamo soddisfatti di questo ampio sostegno della popolazione al Municipio e soprattutto dell'ampia partecipazione - mai a Melide era stata registrata una quota così alta - dunque l'esercizio democratico è riuscito appieno. Siamo inoltre soddisfatti per aver lavorato tanto e approfondito molti aspetti del progetto. Un'attenzione va rivolta anche a coloro che nutrono dei dubbi nei confronti di questa riqualifica del nucleo, con i quali va ripreso un dialogo affinché si possa tranquillizzarli su diversi aspetti che non devono preoccupare oltre misura. Un dialogo per altro mai mancato».

La votazione sulla riqualifica del nucleo a Melide è stata molto avvertita. Nelle ultime settimane ha tenuto letteralmente banco. Vari gli striscioni spuntati in Comune. Come noto, sul tema si era creato un fronte del no al progetto, sfociato nel lancio del Referendum, e un fronte invece favorevole, con il comitato 'Sì al nucleo', capeggiato, fra gli altri, dal sindaco Angelo Geninazzi e dall' architetto progettista, Jean-Pierre Antorini, che hanno sostenuto sin dall'inizio come la riqualifica del nucleo storico di Melide sia in linea con le possibilità finanziarie comunali, Comune che ha appena potuto permettersi di ridurre il moltiplicatore d'imposta per il 2021 al 70%. Non solo. L'investimento elevato - ed è questa la maggiore ragione contestata dai referendisti - è stata meglio contestualizzata nel corso dell'ampio dibattito. Il Comitato 'Sì al nucleo' in una conferenza stampa svoltasi a gennaio aveva fra l'altro evidenziato, come dei 6,9 milioni di franchi previsti per la riqualifica del nucleo, due terzi (4,5 milioni) sono dedicati alla sistemazione, ritenuta ormai urgente, delle sottostrutture - acqua potabile, acqua piovana e acque luride per un'ottantina di edifici su un'area di 3 mila metri quadrati - mentre gli altri 2,4 milioni di franchi sono destinati alla riqualifica architettonica delle contrade e di due piazze: Piazza Domenico Fontana e Piazza monsignor Vitalini. 

La reazione dei referendisti

Abbondio Adobati esprime la sua delusione per l'esito uscito dalle urne. «È stata una mazzata» - ammette, dicendosi tuttavia convinto della bontà delle ragioni che hanno motivato il Referendum. Abbondio Adobati e Aldo Albisetti affidano a un comunicato stampa il loro commento, evidenziando: "Il comitato rimane convinto della bontà dei postulati che motivavano il Referendum, ovvero la riduzione di una spesa ritenuta eccessiva, la rinuncia al gas metano quale vettore di riscaldamento per le case del nucleo, l’attivazione immediata della rete a scopo termico con acqua industriale, la preservazione del nucleo da interventi estranei al carattere storico culturale del luogo, la ridefinizione dei contributi di miglioria". Osservano ancora i contrari al progetto di riqualifica: "In democrazia è la maggioranza che decide cosa fare anche se non sempre le decisioni della maggioranza portano alle soluzioni migliori. Avendo presente come sono stati riqualificati i nuclei di villaggi vicini (Carona, Morcote, Vico Morcote, Melano), quello di Melide non pare destinato agli alti indici di gradimento. Il nucleo di Melide avrebbe potuto diventare modello ecologico di riscaldamento delle case. Così non è stato, peccato! La riuscita alla grande del progetto municipale è accompagnata da molti interrogativi. Parecchi proprietari di stabili del nucleo, oltre a ritrovarsi fuori dall’uscio e sotto la finestra, una riqualifica non condivisa, si vedranno costretti a versare contributi di miglioria irragionevoli".

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
15 min
Esplode la spesa ‘perché il Municipio non ha fatto i compiti’
Preventivo ’23 di Bellinzona: la maggioranza Plr, Sinistra e Centro della Gestione giudica troppo blanda la spending review e teme misure drastiche
Locarnese
35 min
Il Museo di Val Verzasca nominato all’EMYA 2023
Tra i sette istituti culturali svizzeri iscritti per il prestigioso riconoscimento europeo vi è anche la struttura con sede a Sonogno
Ticino
4 ore
Un appello per l’Ucraina (e contro Putin)
È quello reso pubblico da Verdi, Ps, Mps e altre formazioni progressiste in previsione della Giornata mondiale dei diritti umani
Locarnese
4 ore
Hangar 1, il Cantone risponde alle Città
Sul futuro dell’aviorimessa all’Aeroporto di Locarno, il CdS ha raggiunto un’intesa con la Aelo Maintenance, che si occuperà della ricostruzione
Bellinzonese
1 gior
Ad Airolo-Pesciüm l’inverno scatta il 16 dicembre
Una nuova stagione invernale ricca di interessanti proposte e attività per tutti gli amanti della neve scalpita
Locarnese
1 gior
Ascona, inaugurato il Centro diurno socio-assistenziale
Offre una sessantina di appartamenti a pigione moderata a persone anziane o invalide. Promotrice è la Parrocchia, a gestirlo è la Fondazione San Clemente
Bellinzonese
1 gior
La casa Aranda di Giubiasco festeggia un’ultracentenaria
Erminia Addor di Cadenazzo mercoledì 7 dicembre ha superato la bella età di 102 anni attorniata dai familiari
Locarnese
1 gior
Centovalli, riaperta la strada
Dopo lo smottamento di martedì sera, i lavori di sgombero sono stati eseguiti e la tratta fra Camedo e il bivio di Palagnedra è di nuovo percorribile
Mendrisiotto
1 gior
Chiasso, per riaprire la piscina è urgente investire
La richiesta di credito ammonta a 582mila franchi e sarà votata il 19 dicembre. Verrà chiesto aiuto ai comuni convenzionati
Ticino
1 gior
In Ticino 1’483 nuovi contagi Covid e cinque decessi
I posti letto occupati da pazienti con Coronavirus sono 141, per un +23% rispetto alla scorsa settimana. Sei i pazienti che si trovano in cure intense
© Regiopress, All rights reserved