laRegione
Luganese
27.01.21 - 17:25
Aggiornamento: 19:07

Le lavanderie 'bloccano' una palazzina per quattro anni

Il difficile parto di una licenza edilizia a Savosa, dove pure il Piano regolatore è sotto ricorsi

le-lavanderie-bloccano-una-palazzina-per-quattro-anni
Ti-press

Quattro anni, e non è finita. Anzi, la storia di una palazzina di Savosa, mai nata causa ricorsi, deve ricominciare da zero con una nuova domanda edilizia. Sono i tempi lunghi della giustizia amministrativa, chiamata in causa dagli immancabili ricorsi contro le domande di costruzione.

Ricorsi peraltro non immotivati, almeno uno di essi, dal momento che ha avuto partita vinta presso il Tribunale amministrativo cantonale. Il caso i questione riguarda una  palazzina che sarebbe dovuta sorgere, e probabilmente sorgerà, in via Verdella a Savosa. Case e condomini da due o tre piani, e qualche prato ancora libero. Uno di essi è appunto destinato a un piccolo palazzo di appartamenti. Domanda edilizia, ed ecco puntuali i ricorsi. Uno di essi concerne la proprietà delle canalizzazioni, che dopo gli accertamenti del caso, su vecchie mappe, viene confermata essere del Comune. Problema risolto, e privato soddisfatto. Sulla strada della costruzione vi è però un altro inghippo. Le lavanderie.

"In pratica secondo il Tribunale amministrativo, che ha statuito sul ricorso di una confinante, le lavanderie, 36 metri quadrati, vanno considerate nella superficie utile lorda, e perciò dobbiamo ripresentare una nuova domanda" ci conferma, il promotore, il noto avvocato Yasar Ravi. Un problema abbastanza insolito, pare dovuto anche alla posizione delle lavanderia, una per appartamento, poste ai piani ad accompagnare gli appartamenti,  e non nello scantinato come d'abitudine. In pratica vengono considerate parte dell'abitabile."Così ha scritto il presidente del Tribunale... niente, fra un paio di settimane ripresenteremo la domanda con un nuovo progetto, inserendo dei balconi" risponde Ravi. In questo modo il calcolo della Sul dovrebbe rientrare nel limite. "Tutti gli altri aspetti del ricorso sono stati respinti".

Insomma la giustizia 'fa il suo corso', niente da dire. Ma lo fa lentamente: dalla domanda di costruzione a oggi sono passati 4 anni, e altro tempo servirà per l'esame del progetto revisionato. Il primo esame in Municipio, poi il Consiglio di Stato, poi il Tribunale amministrativo. Non solo: pure la revisione del Piano regolatore è colpita da ricorsi. Il tutto, ci fanno sapere dal Municipio, ha per riflesso anche il blocco dell'attività edilizia, fintanto che il Pr è sub judice. "Il Consiglio di Stato ci ha dato ragione, ma intanto che il Tram decide, diverse domande di costruzione sono ferme" ci conferma il sindaco Raffaele Schaerer. La giusta attenzione a questi aspetti pianificatori, richiede molta pazienza agli investitori, che non sempre possono tenere immobilizzate le somme necessarie in attesa delle decisioni giudiziarie: ma è un problema noto un po' in tutto il Ticino.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
12 ore
Ad Airolo-Pesciüm l’inverno scatta il 16 dicembre
Una nuova stagione invernale ricca di interessanti proposte e attività per tutti gli amanti della neve scalpita
Locarnese
13 ore
Ascona, inaugurato il Centro diurno socio-assistenziale
Offre una sessantina di appartamenti a pigione moderata a persone anziane o invalide. Promotrice è la Parrocchia, a gestirlo è la Fondazione San Clemente
Bellinzonese
14 ore
La casa Aranda di Giubiasco festeggia un’ultracentenaria
Erminia Addor di Cadenazzo mercoledì 7 dicembre ha superato la bella età di 102 anni attorniata dai familiari
Locarnese
15 ore
Centovalli, riaperta la strada
Dopo lo smottamento di martedì sera, i lavori di sgombero sono stati eseguiti e la tratta fra Camedo e il bivio di Palagnedra è di nuovo percorribile
Mendrisiotto
16 ore
Chiasso, per riaprire la piscina è urgente investire
La richiesta di credito ammonta a 582mila franchi e sarà votata il 19 dicembre. Verrà chiesto aiuto ai comuni convenzionati
Ticino
16 ore
In Ticino 1’483 nuovi contagi Covid e cinque decessi
I posti letto occupati da pazienti con Coronavirus sono 141, per un +23% rispetto alla scorsa settimana. Sei i pazienti che si trovano in cure intense
Luganese
1 gior
Viganello, restano grigie le facciate di Casa Alta
Trovato il compromesso, che prevede la rinuncia al tinteggio blu, dopo l’incontro tra Cantone, Città e presidente dell’assemblea dei proprietari
Grigioni
1 gior
A San Bernardino (e non solo) mercato immobiliare congelato
Dopo tre intensi anni di compravendite, oggi la forte domanda non trova più offerta. Vigne dell’Ente turistico: ‘Qui come nel resto del Moesano’
Bellinzonese
1 gior
Pedone investito sulle strisce a Bellinzona. Ferite serie
L’uomo è stato travolto da un’auto su un passaggio pedonale di viale Portone. Chiuso un tratto di strada
Mendrisiotto
1 gior
Intercity, un treno chiamato desiderio. Oggi esaudito
Il via libera della Camera alta alle fermate nel Distretto fa gioire i sindaci di Chiasso e Mendrisio. Che rinviano il confronto sulle stazioni
© Regiopress, All rights reserved