laRegione
20.01.21 - 17:21
Aggiornamento: 18:07

Melide, mezzo chilo di cocaina in auto: condannati ed espulsi

Due giovani sono stati processati oggi alle Assise criminali e correzionali di Lugano, venendo condannati a rispettivamente 32 e 24 mesi di carcere

melide-mezzo-chilo-di-cocaina-in-auto-condannati-ed-espulsi
La droga, acquistata nel canton Uri, era destinata al mercato ticinese (Ti-Press)

Beccati con mezzo chilo di cocaina in auto, e ora condannati ed espulsi. È successo a due albanesi di 26 e 34 anni, processati oggi alle Assise rispettivamente criminali e correzionali di Lugano. Sebbene giudicati in due procedimenti distinti, entrambi nella formula del rito abbreviato, i due sono in realtà complici di un reato comune.

Era il settembre dell'anno scorso, quando durante un controllo effettuato a Melide le guardie di confine hanno fermato la Volkswagen noleggiata guidata dai due, che erano di ritorno da Erstfeld (canton Uri). Non una gita di piacere: Oltralpe avevano ritirato circa mezzo chilo di cocaina, con una purezza elevata (81% circa), destinata al mercato ticinese. Lo stupefacente era confezionato in un panetto celato sotto il tappetino poggia piedi sul lato del passeggero. Inoltre, sono state trovate sette pallina da 4,6 grammi ciascuna sempre di cocaina (ancor più pura: all'84%), inserite in un pacchetto di sigarette nascosto sotto la leva del cambio.

Il 26enne aveva già venduto circa 350 grammi precedentemente

I due – difesi dalle avvocate Silvia Gianetta (il 26enne) e Letizia Ghilardi (il 34enne) – sono pertanto stati condannati dal presidente della Corte Amos Pagnamenta per infrazione alla Legge federale sugli stupefacenti. Più grave la posizione del più giovane, che già fra gennaio e luglio dell'anno scorso aveva venduto circa 350 grammi di polvere bianca, in confezioni da 0,7 grammi a 100 franchi l'una. Il giovane è inoltre anche un consumatore, pertanto il procuratore pubblico Zaccaria Akbas ha inserito nell'atto d'accusa anche il reato di contravvenzione alla relativa Legge federale.

Dopo aver trascorso quasi due mesi alla Farera in carcerazione preventiva, da inizio novembre i due si trovano in esecuzione anticipata della pena. La condanna del 34enne è integralmente sospesa, mentre per il complice solo per 24 mesi su 32. Entrambi saranno espulsi per 7 anni dalla Svizzera e dovranno far ritorno al Paese d'origine, dove risiedono.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
1 ora
Abbattuto un giovane lupo in Valle di Blenio
La sua cattura, avvenuta lunedì sera ad Aquila vicino all’abitato e a una stalla, era stata autorizzata il 23 novembre
Bellinzonese
2 ore
Rabadan in rosso, fra le novità 2023 un lieve aumento dei prezzi
Perdita di 117mila franchi, di cui 41mila per Lumino. Via il braccialetto, arriva il QR code. Si lavora a un programma completo. Ecco il gioco da tavolo
Mendrisiotto
5 ore
Piscina coperta regionale, ‘il Cantone dia delle certezze’
Tre deputati momò del Centro tornano alla carica. Sul progetto il Distretto attende ‘risposte chiare e inequivocabili’
Locarnese
5 ore
Via Stazione: dall’autosilo in giù tutto il fronte sarà demolito
Da ieri all’albo comunale di Muralto il progetto da 50 milioni per due nuove costruzioni a contenuti misti e un diverso “rapporto” con il Grand Hotel
Ticino
5 ore
Imposta di circolazione, dalla confusione al circo
Il pessimo spettacolo della politica: incapace di trovare un’intesa, ma capace di alimentare confusione. E poi chissà perché le urne vengono disertate...
Luganese
11 ore
Fra i 17 e i 27 milioni per la nuova piscina di Trevano
La notizia è trapelata a margine dell’assemblea dell’Ente regionale di sviluppo del Luganese. Passi in avanti per il Parco regionale del Camoghè.
Mendrisiotto
13 ore
Un territorio raccontato attraverso tredici storie di vita
Le conversazioni del poeta Massimo Daviddi e i ritratti del fotografo Aldo Balmelli in un libro che restituisce lo sguardo dei protagonisti
Ticino
15 ore
Tetto ai premi di cassa malati, Carobbio: ‘Grave non parlarne’
Per la consigliera agli Stati il ‘no’ all’entrata in materia è ‘un brutto segnale’. Chiesa: ‘rifiutiamo il principio, e per il Ticino cambierebbe poco’
Luganese
16 ore
Lugano, il futuro del fiume Cassarate passa dal Liceo 1
Per la riqualifica un’inedita collaborazione fra Dipartimento del territorio e ragazzi dell’istituto scolastico, fra nuovi accessi e un percorso didattico
Ticino
16 ore
Vigilanza sulla Procura federale, proposta Fiorenza Bergomi
La Commissione giudiziaria sottopone le proprie indicazioni all’Assemblea federale in vista delle nomine in programma per il 14 dicembre
© Regiopress, All rights reserved