laRegione
22.12.20 - 10:46
Aggiornamento: 15:06

Rubò 15 milioni per 'cupidigia': condannato a 5,5 anni

Resta in carcere il 33enne del Mendrisiotto, ex bancario Raiffeisen, che operò malversazioni per alzare il suo tenore di vita e vivere nella ricchezza

rubo-15-milioni-per-cupidigia-condannato-a-5-5-anni
La sentenza (Ti-Press)

Nessuno sconto, per una colpa che è stata giudicata grave dalle Assise criminali di Lugano. Il 33enne, del Mendrisiotto, accusato di aver rubato oltre 15 milioni di franchi, per mezzo di una serie importante di malversazioni bancarie, è stato condannato a cinque anni e mezzo. «Agì con astuzia. Godeva in banca di grande fiducia e autonomia di manovra e conosceva bene il grado di sorveglianza, sfruttando così abilmente questi aspetti e sapendo che su di lui i controlli sarebbero stati minimi – ha commentato la sentenza il presidente della Corte Amos Pagnamenta –. Per quanto immaturo lo si è voluto dipingere non è un kamikaze e sapeva bene cosa fare, predisponendo tutti i documenti necessari. Grazie al suo ruolo in banca poteva, infatti, effettuare gli addebiti senza che i clienti se ne accorgessero, così come anche la banca» ha aggiunto il giudice.

Un'aggravante, quella di truffa per mestiere, giustificata dalla «volontà di concedersi dei lussi e finanziare il colpo della vita che lo avrebbe fatto vivere nella ricchezza. Una colpa grave non solo per l'entità delle malversazioni ma per il fine unico del lucro, della propria cupidigia, della freddezza anche affettiva dimostrata, tanto da tradire la fiducia non solo di colleghi e datore di lavoro, ma anche di familiari ed ex compagna».

La prostituta fatta venire dalla Repubblica ceca

L'imputato, che ha integralmente ammesso i fatti, anche con confessioni avvenute con ritardo e dopo diverso tempo, conosceva peraltro bene il sistema informatico della Banca Raiffeisen dove lavorava da dieci anni e nel corso delle sue malversazioni si era anche affidato al cosiddetto 'dark web'. Un giovane che non aveva particolari problemi economici, anzi proveniva da una famiglia benestante. Così, ha evidenziato la Corte, non ci si capacita come mai nel 2014 attuò quello che è stato l'avvio del buco che mano mano ha preso corpo fino a oltrepassare i 15 milioni di franchi. «A lasciare interdetti – ha annotato Pagnamenta – soprattutto la componente di sfida e l'utilizzo del denaro per pagare due incontri con una prostituta fatta arrivare in aereo dalla Repubblica ceca e con limousine al seguito per il tragitto dall'aeroporto».

Colpi di testa, come quello che lo aveva portato a considerare di investire buona parte del maltolto in droga. Ad aggravare la colpa, poi, il lungo periodo di tempo durante il quale ha truffato e la messa in pericolo degli averi dei familiari, il tutto pianificando attentamente la sua via d'uscita, prima Panama e poi la possibilità degli Stati Uniti d'America. «Si è evidenziata una facile propensione a delinquere – ha chiosato il presidente della Corte – con un'astuzia di grado elevato, anche per il concorso di vari reati». Per questo non è stato tenuto conto dell'attenuante del sincero pentimento.

Leggi anche:

Rubò 15 milioni per 'eccessive aspettative di benessere'

Ordini di bonifici milionari: 'Agì per golosità di denaro'

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
6 ore
Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’
Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
6 ore
Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi
Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Ticino
7 ore
Aumento delle stime fiscalmente neutro, oltre 17mila le firme
I promotori dell’iniziativa popolare costituzionale hanno depositato oggi in Cancelleria le sottoscrizioni
Ticino
8 ore
‘La polizia farà la sua parte per ridurre la spesa pubblica’
Lo ha detto Norman Gobbi durante l’annuale Rapporto di Corpo della Cantonale. ‘Positivo il bilancio del 2022 e la capacità di adattamento’
Ticino
8 ore
‘Bandir gennaio’ non bandisce anche i radar
Come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 30 gennaio al 5 febbraio
Ticino
10 ore
Aiti: senza garanzie, meglio lo stop al telelavoro da febbraio
L’associazione industriali ticinesi ritiene ‘ragionevole’ la sospensione senza un nuovo accordo che regoli la fiscalità dei frontalieri in telelavoro
Luganese
10 ore
Assolto in Appello l’ex maestro di Montagnola
Per la Carp non è stato possibile accertare un pericolo per lo sviluppo psichico degli allievi. Mauro Brocchi era stato condannato in primo grado nel 2019
Bellinzonese
11 ore
Oltre al carovita, a Bellinzona c’è il ‘caro’- estinto
Secondo un rapporto di Mister Prezzi, il capoluogo ticinese ha le tariffe più alte per cremazione e camera mortuaria fra tutte le capitali cantonali
Bellinzonese
12 ore
Dopo due anni torna il Carnevale Rabadan
La 160ª edizione si terrà a Bellinzona dal 16 al 21 febbraio. Protagoniste la musica, le maschere, la tradizione e la voglia di sano divertimento
Mendrisiotto
16 ore
È ufficiale: l’Fc Chiasso è fallito
Il pretore di Mendrisio non ha potuto che decretare la fine del club rossoblù. ‘Fiumi di parole’, ma nei conti neanche un centesimo
© Regiopress, All rights reserved