laRegione
casino-di-campione-il-comune-gioca-le-sue-carte
La casa da gioco chiusa dal luglio 2018 (Ti-Press)
16.12.20 - 20:21
di Marco Marelli

Casinò di Campione, il Comune gioca le sue carte

In vista dell'udienza del Tribunale di Como, il Consiglio comunale approva l'ordinanza che stabilisce gli indirizzi per l’assemblea dei soci

«Il fallimento del Casinò non porterebbe a niente: per cui lo dobbiamo evitare, per dare un futuro a questa comunità» ribadisce Roberto Canesi, sindaco di Campione d'Italia, nell'introdurre la seduta del Consiglio Comunale in vista dell'udienza del Tribunale civile di Como, chiamato a discutere la rinnovata istanza di fallimento della Casinò Campione d'Italia, la società di gestione della casa da gioco, presentata dalla Procura lariana. Con una ordinanza approvata all'unanimità, il Consiglio comunale ha fissato gli ''indirizzi cui l’assemblea dei soci del Casinò dovrà attenersi, al fine di poter depositare memorie scritte entro domani, 17 dicembre'' al tribunale di Como, che esaminerà la nuova istanza di fallimento. Innanzitutto, il Consiglio comunale, con l'ordinanza ha dato spessore e valenza giuridica ''all'organo amministrativo (Marco Ambrosini, amministratore delegato) e ai componenti del collegio sindacale della società, attualmente in regime di proroga''.

C'è la bozza di piano industriale ed economico

Organo amministrativo che prima ancora del pronunciamento, risalente allo scorso 3 dicembre, della Corte di Cassazione che ha innescato il nuovo procedimento davanti ai giudici di Como, dal sindaco Canesi aveva ricevuto l'incarico di individuare le opportune condizioni per il più celere possibile riavvio dell’attività della società partecipata a tutela degli interessi comunali e dell’occupazione locale. In questa ottica, si colloca l'indirizzo che impegna Marco Ambrosini a proporre ai giudici fallimentari in primis di valutare la precedente richiesta di procedura di concordato preventivo tuttora in essere. Se questa richiesta non dovesse essere accolta, l'amministratore delegato provvederà a presentare una nuova domanda di concordato preventivo. Per convincere i giudici fallimentari a concedere alla Casinò Campione d'Italia di percorrere, attraverso il concordato preventivo, la strada della riapertura della casa da gioco, chiusa dal 28 luglio 2018, con conseguenze che hanno devastato l'intera comunità campionese, Marco Ambrosini non si presenta a mani vuote. Ma con una bozza di piano industriale e economico, che prevede anche una simulazione di rientro dei debiti sulla cui entità (175 milioni di euro) gioca la Procura lariana. Un piano che fa leva anche sulla disponibilità (non verbale, ma scritta) di una mezza dozzina di gruppi internazionali del gioco d'azzardo che hanno manifestato interesse per la casa da gioco dell'enclave.

Targhe svizzere, trovato l'accordo

Roma e Berna, a livello di Ministeri degli Esteri, hanno trovato un accordo che sarà firmato domani venerdì 18 dicembre, su un problema molto avvertito dai campionesi. Quello delle targhe svizzere. Autovetture, moto e furgoni dei residenti nell'enclave sono targate Ticino. Con l'entrata nello spazio doganale europeo di Campione d'Italia i cittadini dell'enclave dal prossimo gennaio avrebbero dovuto stargare i loro mezzi e rinnovare l'immatricolazione in Italia, con costi non indifferenti. L'accordo prevede che per due anni i campionesi potranno continuare a circolare con i loro mezzi targati Ticino. I leasing andranno a scadenza. Nei prossimi due anni Roma busserà a Bruxelles per trovare una soluzione meno complicata e costosa per tutti i problemi sorti a Campione d'Italia a seguito dell'inclusione dell'enclave nello spazio doganale europeo.

Leggi anche:

La Cassazione annulla il fallimento del casinò di Campione

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
campione casinò consiglio comunale ordinanza udienza
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
18 min
Una vecchia vasca del depuratore di Rancate diventa un biotopo
Il progetto è promosso dal Dipartimento del territorio e prevede di ricreare un microclima naturale in una costruzione in calcestruzzo
Ticino
1 ora
Cartello delle auto, la Comco bacchetta 7 rivenditori ticinesi
Per i responsabili sanzioni per un totale di 44 milioni di franchi. Cinque imprese disposte a concludere il procedimento in conciliazione
Ticino
3 ore
‘Anche il Ticino istituisca una Corte dei conti indipendente’
Iniziativa parlamentare di Dadò (Centro) e Aldi (Lega): ‘Come a Vaud e Ginevra, combattere la poca chiarezza e le zone grigie con 3 o 5 magistrati’
Mendrisiotto
3 ore
Riva San Vitale getta l’àncora: il porto si farà
Individuata la zona (Sant’Antonio), saranno creati ulteriori 75 posti barca e recuperate le rive del lago. Messi in consultazione piani e rapporti
Luganese
12 ore
Una famiglia luganese vuole assumere Wonder Woman
Da un annuncio di lavoro innumerevoli richieste e requisiti per la ricerca di una ‘semplice’ baby sitter e collaboratrice domestica
Locarnese
13 ore
Calcio, musica latina e tanti sogni in tasca. Questo era Raùl
Il 19enne, coinvolto in un incidente in moto insieme a un amico sabato scorso a Maggia, è morto martedì sera. Il ricordo di chi gli ha voluto bene.
Luganese
16 ore
Arrivano le misure di sicurezza: filo spinato alla Foce
In vista della Conferenza internazionale sull’Ucraina che inizierà settimana prossima
Bellinzonese
16 ore
Biasca lanciata verso un futuro d’arte e cultura
Il Legislativo ha approvato i crediti per lo studio di fattibilità per il deposito di opere all’ex arsenale e per gli interventi a Casa Cavalier Pellanda
Locarnese
17 ore
Incidente a Maggia: si cercano testimoni
Un’auto e una moto si erano scontrate sabato scorso poco prima delle 15. Deceduto un 19enne.
Locarnese
23 ore
Deceduto il 19enne vittima di un incidente stradale a Maggia
Si trovava a bordo di una moto con un altro ragazzo quando si è scontrato con un’auto guidata da una 21enne
© Regiopress, All rights reserved