laRegione
15.12.20 - 11:14
Aggiornamento: 18:30

Lugano, sette mesi di carcere per la rapina al parco

Condannato un 30enne algerino che ha aggredito un uomo al Ciani. Sarà espulso dalla Svizzera per cinque anni. La vittima: 'Non chiudiamo gli occhi!'

lugano-sette-mesi-di-carcere-per-la-rapina-al-parco
Tranquillità del parco Ciani rovinata la sera del 13 agosto (Ti-Press)

Ha avvicinato la vittima con la scusa di chiedergli una sigaretta. Poi gli ha sferrato una gomitata sul mento sottraendogli la catena d'oro che portava al collo. Oggi, l'autore dell'aggressione, un 30enne algerino comparso in aula penale, è stato condannato per rapina a sette mesi di prigione da espiare e all'espulsione dalla Svizzera per cinque anni. L'imputato di fronte al presidente della Corte della assise Correzionali di Lugano Amos Pagnamenta si è scusato affermando di non ricordare cosa sia successo quella sera del 13 agosto scorso al Parco Ciani di Lugano a causa dell'assunzione cocaina, marijuana e crack.

La vittima: 'Premiata la mia fiducia nella legge'

La vittima che ha assistito al processo, invece, se la ricorda molto bene quella sera. «Stavo passeggiando tranquillamente quando una persona mi ha chiesto una sigaretta, poi mi ha colpito strappandomi la catena d'oro che avevo al collo - racconta il 38enne di origine eritrea -. Mi sono parecchio spaventato. Non ho reagito ma ho chiamato subito la polizia e nel giro di due ore l'aggressore e i suoi due complici (poi rilasciati) sono stati fermati. È stata premiata la mia fiducia nella polizia e nella legge. Oggi ho avuto la dimostrazione che la giustizia in Svizzera funziona».

Da richiedente l'asilo a titolare di una società

Una storia che merita di essere raccontata quella della vittima. L'uomo è arrivato in Ticino nel 2006, con lo statuto di richiedente l'asilo e si è rimboccato subito le maniche. «Ho cercato lavoro e dopo qualche tempo una ditta attiva nell'impiantistica mi ha assunto e ho così potuto svolgere quattro anni di apprendistato ottenendo buoni risultati. Trascorsi i quattro anni, l'azienda mi ha dato fiducia attribuendomi un ruolo di responsabilità come capo di un gruppo di lavoratori», ricorda l'uomo che oggi è titolate di una società che lavora sempre nel settore dell'impiantistica e nella refrigerazione.

'Coltiviamo ogni giorno democrazia e libertà!'

Gli amici lo chiamano lo 'svizzero nero'. Lui ci ride sopra ma ci tiene al rispetto delle regole e non vorrebbe che si tenda a ridimensionare la 'piccola' rapina che ha subito. Non tanto per i valore della catenella d'oro, quanto piuttosto, sostiene, «perché la libertà e la democrazia sono principi che vanno coltivati ogni giorno, ognuno di noi nella sua quotidianità. I vostri genitori e antenati hanno lottato e sofferto molto per le conquiste che oggi tendiamo a considerare scontate. Per questo ci tengo a essere io l'esempio di persona straniera che arriva in Svizzera, non l'uomo che mi ha aggredito».

La storia che la vittima ci ha raccontato nella pausa ha surclassato la vicenda penale e il processo che si è concluso dopo un breve dibattimento condotto dal giudice e con le parti che hanno ratificato l'accordo sulla pena nei confronti dell'imputato. Sia il giudice che l'avvocato Fabrizio Colucci e il procuratore pubblico capo, responsabile dell'antenna di Bellinzona Arturo Garzoni hanno considerato la condanna giusta.

 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
34 min
Oltre al carovita, a Bellinzona c’è il ‘caro’- estinto
Secondo un rapporto di Mister Prezzi, il capoluogo ticinese ha le tariffe più alte per cremazione e camera mortuaria fra tutte le capitali cantonali
Bellinzonese
47 min
Dopo due anni torna il Carnevale Rabadan
La 160ª edizione si terrà a Bellinzona dal 16 al 21. Protagoniste la musica, le maschere, la tradizione e la voglia di sano divertimento
Mendrisiotto
5 ore
È ufficiale: l’Fc Chiasso è fallito
Il pretore di Mendrisio non ha potuto che decretare la fine del club rossoblù. ‘Fiumi di parole’, ma nei conti neanche un centesimo
Locarnese
6 ore
La Stranociada, gli altri e lo ‘scherzo’ che (non) vale
Lo spostamento e il raddoppio delle serate del carnevale di Locarno non fa felici i vicini di Maggia e Gordola, chiamati a far buon viso a cattivo gioco
Luganese
9 ore
La torre itinerante simbolo di una necessità condivisa
La Tour Vagabonde fa riflettere sugli spazi indipendenti da Friborgo, dove nasce, fino a Lugano, dove si ergerà fino al prossimo marzo
Ticino
9 ore
‘Rivitalizzare la politica di milizia, partendo dal cittadino’
Sarà uno dei temi del Simposio sui rapporti tra Cantone e Comuni. Della Santa: ‘Il coinvogimento attivo per destare l’interesse per la cosa pubblica’
Ticino
16 ore
Mobilità Usi al top: ‘Coltiviamo la dimensione internazionale’
L’ateneo ticinese è tra i pochi in Svizzera (4 su 36) ad aver raggiunto l’obiettivo del 20% dei diplomati con un’esperienza all’estero. Ecco i motivi
Orselina
17 ore
Nuovo albergo-ristorante Funicolare, c’è la licenza edilizia
Da novembre il cantiere per l’edificazione ex novo della struttura, simbolo turistico collinare soprastante la Madonna del Sasso
chiasso
18 ore
Un Nebiopoli all’insegna del vero spirito del Carnevale
Svelato il programma dell’evento, che dopo due anni di pandemia torna ‘in grande’. Ne abbiamo parlato con il presidente del comitato Alessandro Gazzani
Grigioni
18 ore
Giovane morta dopo il party: nessuno voleva perdere la patente
Le persone interrogate hanno confermato che si è atteso a lungo prima di portare la 19enne in ospedale per paura di incappare in controlli di polizia
© Regiopress, All rights reserved