laRegione
10.12.20 - 10:01
Aggiornamento: 12:16

Misure anti-Covid a Lugano, 'qui si naviga al buio'

In vista delle nuove restrizioni federali anti-Covid, operatori e negozianti navigano a vista mentre la Città teme la chiusura delle attività culturali

misure-anti-covid-a-lugano-qui-si-naviga-al-buio
Timori per le aperture domenicali a rischio e chiusure anticipate per bar e ristoranti (Ti-Press)

Non c'è più quella voglia di lottare come durante la prima ondata di coronavirus che ha colpito duro la scorsa primavera. Ora nelle parole di Alex Moscatelli, gestore del ristorante Orologio di Lugano, c'è preoccupazione ma prevale la rassegnazione: «In queste condizioni in cui le regole continuano a cambiare ogni due o tre giorni, non si riesce nemmeno a pianificare il menu di Natale. La sensazione è quella di subire, purtroppo si naviga al buio». Una sensazione di impotenza che stanno vivendo anche altri suoi colleghi ristoratori non solo di Lugano. «Quanto parlo dell'impossibilità di pianificare, intendo pianificare il futuro che per un imprenditore è tutto. Sto parlando di lavoro, del mio lavoro e di quello dei miei dipendenti. La soluzione non può essere quella di elargire indennizzi. La gente e la clientela in generale in questo clima ha meno voglia di uscire», conclude Moscardini.

Giù di morale anche i commercianti

«MI chiedo perché lasciare aperto due giorni di fila - il sabato e la domenica - sarebbe peggio che uno solo. Avere a disposizione soltanto il sabato per fare compere, convoglia più persone nei negozi, almeno per tutti quelli che lavorano a tempo pieno. Lasciando aperto anche la domenica in questo periodo festivo, idealmente, la clientela verrebbe 'diluita' su due giorni creando meno problemi di distanza fra le persone e inferiori possibilità di assembramento». È perplesso Rupen Nacaroglu, presidente della Società dei commercianti di Lugano, in merito alle misure in consultazione a livello federale. La prospettata chiusura delle domeniche 'natalizie', se fosse confermata, avrebbe contraccolpi pesanti per gli operatori della città. Nacaroglu tiene tuttavia a precisare che in nessun modo intende mettere in dubbio la necessità di contenere le misure per contenere la diffusione del coronavirus: «Ribadisco che io come tutta la categoria abbiamo a cuore il sistema sanitario. Rispettiamo e rispetteremo le decisioni dell'autorità».

Strategia dei piccoli passi, scommessa persa

La perplessità del presidente della Società dei commercianti di Lugano è però relativa alla gestione della pandemia negli ultimi mesi: «Col senno di poi, mi pare si possa dire che è stata una scommessa persa la strategia dei 'piccoli passi'. Sarebbe stato meglio introdurre chiusure in novembre come hanno fatto i cantoni romandi. L'auspicio è ora che Confederazione e Cantone valutino e introducano misure economiche compensative, serie, efficaci e puntuali se si volessero implementare ulteriori restrizioni oltre a quelle già attivate. Questo è l'unico modo per pretendere serenità da parte degli operatori, che in questi mesi si sono dati da fare investendo per garantire a loro spese il rispetto delle distanze, l'ingresso limitato ai negozi e tutti gli interventi richiesti dalle autorità». D'altra parte, con le attività culturali ridotte ai minimi termini e a rischio di chiusura definitiva, se venerdì il Consiglio federale confermasse le indiscrezioni emerse, i locali pubblici e i ristoranti con le apertura limitate, la gente tende a riversarsi nei grandi centri commerciali, dove ci sono stati assembramenti negli ultimi giorni.

Mercatini e casette, nulla cambia

Le decisioni di Berna non dovrebbero avere ripercussioni sui mercatini e le casette allestite in città. Queste ultime sono state 'spalmate' in diverse piazze di Lugano, rispettano le distanze ed è annunciato un servizio di controllo per evitare assembramenti. Tanto che alcuni candidati hanno rinunciato perché era stata assegnata loro una postazione troppo discosta dal centro. Mercatini e casette non dovrebbero sottostare alle restrizioni previste e potrebbero rimanere aperti fino alle 19. Il Municipio ne riparlerà nella seduta odierna ma non dovrebbe cambiare idea sul loro mantenimento. Il titolare del Dicastero cultura, sport ed eventi di Lugano Roberto Badaracco teme che le nuove misure possano compromettere definitivamente le attività culturali e museali: «Sarebbe un disastro». Anche le autorità cittadine stanno facendo il punto della situazione in queste ore in cui la situazione rimane comunque fluida e in divenire.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
6 ore
‘Appalti internazionali, si chieda il certificato anti-mafia’
Con una mozione Ermotti-Lepori e altri deputati invitano il Consiglio di Stato a modificare il regolamento della legge sulle commesse pubbliche
Luganese
6 ore
Lugano, crisi in vista: nel 2023 -20% di reddito disponibile
Un rapporto della Statistica urbana prevede tempi duri per i cittadini di Lugano qualora l’attuale crisi perdurasse con la stessa intensità
Luganese
7 ore
Manno, datore di lavoro a processo per omicidio colposo
I fatti riguardano la morte di un suo dipendente nel 2017, caduto da circa 6 metri di altezza mentre lavorava. Secondo la difesa è colpa della vittima
Ticino
7 ore
Ffs, aumentano i passeggeri e i treni in transito in Ticino
Roberta Cattaneo: ‘Alle 70mila persone sui Tilo dobbiamo aggiungere le molte che usano Ir e Ic’. Zali: ‘Traffico passeggeri incrementato del 15%’
Ticino
8 ore
‘È una risposta concreta ai bisogni degli anziani’
La commissione parlamentare Sanità e sicurezza sociale firma il rapporto di Lorenzo Jelmini favorevole alla Pianificazione integrata
Ticino
8 ore
Malattie trasmissibili: esclusione da centri diurni e colonie
La nuova direttiva del medico cantonale estende il campo di applicazione. Giorgio Merlani: ‘Chiediamo il massimo scrupolo’
Mendrisiotto
9 ore
Oggi il punto di riferimento è l’Ente regionale per lo sport
A un anno dal varo si è già risposto ai bisogni del territorio. A cominciare dalla logistica. Lurati: ‘Il 2023 sarà il vero Anno zero’
Mendrisiotto
9 ore
Con ‘Gnammaggio e l’ApeRitivo’ alla scoperta della Val di Spinee
Pubblicato il quinto racconto per bambini scritto da Moreno Colombo. L’opera contiene anche dei disegni da colorare
Locarnese
10 ore
Locarnese: ‘Periferie e agglomerato, parti dello stesso albero’
Presentati i risultati di uno studio sulla demografia e il parco immobiliare di Onsernone, Verzasca, Vallemaggia e Centovalli. Con proposte di rilancio
Ticino
12 ore
I formaggi ticinesi premiati in Svizzera e nel mondo
Il ‘Merlottino’ della Lati ha ottenuto la medaglia di bronzo ai ‘World Cheese Awards’. Diversi premi anche a livello nazionale
© Regiopress, All rights reserved