laRegione
Luganese
06.12.20 - 16:43
Aggiornamento: 20:06

Ex municipale ucciso in Brasile, forse la vendetta per una denuncia

Paul Fäh, che aveva lasciato Caslano 16 anni fa è stato trovato legato e soffocato nella sua casa di Fortaleza

ex-municipale-ucciso-in-brasile-forse-la-vendetta-per-una-denuncia

Amava il caldo e la dolce vita, che aveva infine trovato a Fortaleza, in Brasile. E potrebbero essere state proprio le sue frequentazioni brasiliane ad essergli costate la vita. In particolare, stando ai media del posto, la polizia sospetterebbe di una ex convivente. Paul Fäh, 78 enne già municipale e consigliere comunale di Caslano, è stato ucciso nella sua casa di Fortaleza, legato e soffocato con un sacchetto di plastica. L'omicidio risale alla notte del 3 dicembre. L'anziano la sera prima era stato a cena con due persone, poi era tornato a casa sua nel 'Barrio Papicu', ai piani alti di un complesso residenziale. La donna delle pulizie, la mattina dopo, non si è vista aprire la porta. Insospettita, ha chiamato la polizia. Una volta forzata la porta, il corpo di Fäh è stato trovato sul pavimento, a faccia in su, incappucciato e con gli arti legati. Non vi erano altri segni di violenza. Gli inquirenti hanno disposto un'autopsia e indagano nella cerchia delle conoscenze. Il fatto di aver trovato la porta chiusa potrebbe essere un indizio. Con una ex compagna vi erano stati forti litigi, sentiti anche dai vicini di casa, e pare vi fosse una denuncia per truffa e furto presentata dall'anziano. Sospettata, oltre alla ex compagnia, pure la stessa donna delle pulizie. Erano spariti dei soldi dalla casa, e la denuncia in polizia potrebbe essere stata la miccia del delitto.

Il 78enne aveva partecipato, attivamente e per lungo tempo, alle vicende politiche di Caslano, come municipale (dal 1976 al 1984 e dal 1992 al 1996) e da consigliere comunale (fra il 1970 al 1972 e dal 1984 al 1988), cambiando anche partito, dal Plr alla Lega dei Ticinesi, per poi concludere il suo percorso come indipendente. Sedici anni fa il trasferimento in Brasile. Fàh vendette la sua ditta di giardinieri che aveva in paese, per lasciare definitivamente il Malcantone. Dove non tornerà neppure dopo morto: le sue spoglie mortali resteranno infatti in Brasile.

Scelse il caldo e la dolce vita

Spostarsi in un paese caldo e vivace era per l'ex giardiniere il coronamento di un sogno. "Mio padre mi aveva sempre detto che non avrebbe più voluto vedere la neve" ci racconta la figlia Daniela. "Era un uomo allegro e simpatico, amava la dolcevita... sì, diciamo che era un 'viveur'. Era stato in vacanza in diverse località tropicali, come Recife e la Thailandia, ma aveva trovato il clima di Fortaleza perfetto per lui, voleva almeno 20 gradi tutto l'anno". Ai familiari la notizia della morte è arrivata da conoscenti che vivono pure loro in Brasile; si sono quindi attivati i servizi della Confederazione per le pratiche del caso, ma non ci sono molte altre informazioni. "Ha chiamato un commissario brasiliano, ma io non so il portoghese... nel frattempo ho trovato un interprete e ci dovremmo risentire martedì". Quel giorno anche la salma verrà messa a disposizione per le esequie. "Per il resto quello che so l'ho letto sui giornali... il Blick sembrava molto informato, mi hanno detto che avrebbe ricevuto notizie dalla folta comunità svizzero-tedesca in Brasile".

Il giornale di Zurigo riportando voci di vicini parla di una vita spensierata, spesso in compagnia del gentil sesso, e la polizia sospetterebbe vi sia un legame del delitto con il mondo della prostituzione. Vi era peraltro una donna più importante delle altre, con cui l'anziano giardinieri si era più volte lasciato e poi rappacificato. "Non l'abbiamo mai conosciuta, solo vista qualche volta via Skype" dice la figlia. "Erano spariti dei soldi da casa, noi gli avevamo sconsigliato di presentare denuncia, ma sembra che l'abbia voluta fare comunque".

Fortaleza è una metropoli da due milioni e mezzo di abitanti, che viene indicata dal sito 'Viaggiare sicuri' (Ministero italiano degli esteri) tra le città più pericolose del Brasile, insieme a San Paolo, Rio de Janeiro, Recife e Salvador. È nel contempo una nota località turistica, grazie alle ampie spiagge sull'Oceano e alla vivace vita notturna.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
Giudice supplente, proposta l’elezione di Federica Dell’Oro
Così la commissione Giustizia e diritti. La parola al plenum del Gran Consiglio
Gallery
Mendrisiotto
2 ore
Mendrisio fa un passo avanti sul sentiero del Laveggio
Il Consiglio comunale vota all’unanimità i fondi per completare i camminamenti lungo il fiume, nel solco di un parco intercomunale
Mendrisiotto
4 ore
Coldrerio, un 18enne aggredito e picchiato da due persone
Funziona il dispositivo di ricerca della polizia: fermati gli autori del tentativo di rapina. La loro posizione è al vaglio degli inquirenti
Luganese
4 ore
La Città lancia un percorso formativo rivolto ai commercianti
Lugano Living Lab promuove un incontro all’ex asilo Ciani per far conoscere le ‘opportunità’ e favorire una digitalizzazione alla portata di tutti
Ticino
4 ore
Superamento dei livelli, un accordo che sembra avere i numeri
Firmato a maggioranza il rapporto commissionale che propone una sperimentazione su base volontaria con vari modelli di codocenza. In parlamento a febbraio
Ticino
5 ore
Al via il programma cantonale di screening colorettale
Il Dipartimento sanità e socialità offre, da febbraio, un test gratuito e volontario per una patologia dove la prevenzione è fondamentale
Ticino
6 ore
Raccolte firme sui costi della salute, allarme rosso in casa Ps
Riget e Sirica agli iscritti: rischiamo di fallire su referendum contro la deduzione per i premi dei figli e iniziativa per i premi al 10% del reddito
Ticino
6 ore
Dalla Vpod oltre 7’700 firme per cure sociosanitarie di qualità
Consegnate oggi le sottoscrizioni che chiedono anche più attenzione alle prestazioni socioeducative. Ghisletta: ‘Cautamente ottimista, serve migliorare’
Luganese
7 ore
Tentata rapina al chiosco in stazione a Ponte Tresa, due fermi
Un uomo, insieme a una complice, ha minacciato la commessa con un’arma da taglio chiedendo l’incasso. I due hanno poi desistito e sono fuggiti a piedi
Luganese
7 ore
In manette per 12 kg di canapa destinati al Ticino
In prigione al Bassone da giovedì per tentata estorsione, il 30enne albanese si rifiuta di rispondere agli inquirenti
© Regiopress, All rights reserved