laRegione
04.12.20 - 17:55
Aggiornamento: 20:00

Lugano, condannato a 7 anni l'autista che abusò delle bambine

Si è concluso con una pena più alta rispetto a quanto chiesto dalla pubblica accusa il processo per abusi sessuali commessi da un 77enne

lugano-condannato-a-7-anni-l-autista-che-abuso-delle-bambine
La presidente della Corte, Francesca Verda Chiocchetti (Ti-Press/Archivio)

Sette anni di detenzione. Si è concluso poco fa con una condanna il processo alle Assise criminali di Lugano a carico del 77enne che ha commesso una serie di abusi sessuali nei confronti di diverse bambine e ragazzine di scuola elementare e media, oggi quasi tutte donne adulte. E si è conclusa con una pena ancor più dura rispetto a quanto chiesto ieri in aula dal sostituto procuratore generale Nicola Respini: sei anni e tre mesi. «Non vi è alcun segnale tangibile di ravvedimento in lui» ha sottolineato la presidente della Corte Francesca Verda Chiocchetti prima di elencare le svariate aggravanti: il lungo tempo durante il quale sono stati perpetrati i reati – dal 1994 al 2019 secondo l'atto d'accusa, ma nei verbali si parla di molestie risalenti agli anni Ottanta –, la giovane età delle vittime e il loro numero (4) e la gran mole (104) di episodi segnalati. Ma soprattutto, vien da dire, il ruolo sociale ricoperto dall'imputato.

‘Ha utilizzato in modo abbietto il suo riconoscimento sociale’

L'anziano infatti, oggi evidentemente pensionato, è stato per una vita autista di mezzi pubblici in una regione circoscritta – la Capriasca –, dove tutti si conoscono e dove sembrerebbe che molti sapessero, più o meno velatamente. «Ha utilizzato in modo abbietto l'autorevolezza e il riconoscimento sociale che il suo ruolo professionale gli conferivano – ha evidenziato la giudice –, tradendo la fiducia delle fanciulle. Le vittime erano diventate dei meri oggetti sessuali». Di fatto l'unica attenuante riconosciuta e presa in considerazione è l'avanzata età dell'uomo.

‘Una giovane donna ha attraversato il deserto’

A pesare sulla decisione della Corte, la scarsa coerenza dell'imputato. «Le vittime sono state credibili nelle loro dichiarazioni, hanno ribadito in maniera lineare e costante durante i verbali le proprie dichiarazioni. Lui no. Ha fornito anche versioni totalmente discordanti fra loro». E proprio il grandissimo ruolo delle vittime, di una di loro in particolar modo, il loro coraggio, sono elementi che Verda Chiocchetti ha voluto mettere ancora una volta in risalto. «C'è una locuzione latina, ‘Vox clamantis in deserto’, che ben si addice a questo caso. Si riferisce a chi avvisa di un pericolo e viene ignorato. Già nel 1999 era comparso uno striscione (nella zona dove l'uomo abita e che lasciava chiaramente intendere le sue tendenze, ndr). Dall'istruttoria è emerso che la cosa era nota nella zona, c'è stato il silenzio. Si è lasciato fare, per decenni. E poi c'è una giovane donna che ha attraversato quel deserto, questa bambina diventata donna (che ha denunciato le violenze all'inizio di quest'anno dando avvio alle indagini, ndr) vuole che la sua voce non resti inascoltata. Ha fatto questa scelta anche perché non è egoista: ha pensato alle bambine che hanno subito i suoi abusi».

Nessuna giustificazione per la castrazione farmacologica

A queste stesse vittime sono stati riconosciuti oltre 50'000 franchi, fra indennizzi e risarcimenti, mentre la Corte non ha accolto diverse contestazioni della difesa, rappresentata dall'avvocata Marie Zveiger, che ha chiesto una massiccia riduzione di pena. Confermato ad esempio il reato di coazione in relazione a un paio di vittime: per loro le vie di fuga erano assenti e inoltre erano psicologicamente soggiogate dall'uomo, visto il suo ruolo sociale. Nessuna giustificazione neanche il fatto che il condannato sia incensurato («ha un peso neutrale») e che nel 2017 sia stato farmalogicamente castrato e non avrebbe pertanto più impulsi sessuali. «Gli atti che ha compiuto hanno una chiara connotazione sessuale, indipendentemente dal movente», il giudizio della Corte.

Il 77enne è stato arrestato e dovrà ora scontare la pena. Ieri, al termine del procedimento, ha chiesto scusa a tutti per quanto compiuto.

Leggi anche:

Lugano, a processo per 25 anni di atti sessuali in 104 episodi

Lugano, atti sessuali su bambine risalenti agli anni Ottanta

Atti sessuali, l'imputato chiede scusa a tutti

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
3 ore
Giudice supplente, proposta l’elezione di Federica Dell’Oro
Così la commissione Giustizia e diritti. La parola al plenum del Gran Consiglio
Gallery
Mendrisiotto
4 ore
Mendrisio fa un passo avanti sul sentiero del Laveggio
Il Consiglio comunale vota all’unanimità i fondi per completare i camminamenti lungo il fiume, nel solco di un parco intercomunale
Mendrisiotto
6 ore
Coldrerio, un 18enne aggredito e picchiato da due persone
Funziona il dispositivo di ricerca della polizia: fermati gli autori del tentativo di rapina. La loro posizione è al vaglio degli inquirenti
Luganese
6 ore
La Città lancia un percorso formativo rivolto ai commercianti
Lugano Living Lab promuove un incontro all’ex asilo Ciani per far conoscere le ‘opportunità’ e favorire una digitalizzazione alla portata di tutti
Ticino
6 ore
Superamento dei livelli, un accordo che sembra avere i numeri
Firmato a maggioranza il rapporto commissionale che propone una sperimentazione su base volontaria con vari modelli di codocenza. In parlamento a febbraio
Ticino
7 ore
Al via il programma cantonale di screening colorettale
Il Dipartimento sanità e socialità offre, da febbraio, un test gratuito e volontario per una patologia dove la prevenzione è fondamentale
Ticino
8 ore
Raccolte firme sui costi della salute, allarme rosso in casa Ps
Riget e Sirica agli iscritti: rischiamo di fallire su referendum contro la deduzione per i premi dei figli e iniziativa per i premi al 10% del reddito
Ticino
8 ore
Dalla Vpod oltre 7’700 firme per cure sociosanitarie di qualità
Consegnate oggi le sottoscrizioni che chiedono anche più attenzione alle prestazioni socioeducative. Ghisletta: ‘Cautamente ottimista, serve migliorare’
Luganese
9 ore
Tentata rapina al chiosco in stazione a Ponte Tresa, due fermi
Un uomo, insieme a una complice, ha minacciato la commessa con un’arma da taglio chiedendo l’incasso. I due hanno poi desistito e sono fuggiti a piedi
Luganese
9 ore
In manette per 12 kg di canapa destinati al Ticino
In prigione al Bassone da giovedì per tentata estorsione, il 30enne albanese si rifiuta di rispondere agli inquirenti
© Regiopress, All rights reserved