laRegione
26.11.20 - 19:39
Aggiornamento: 20:36

Lugano, Forum alternativo: 'I Verdi stanno col Ps'

Elezioni, sfuma l'accordo per la lista unica. Nicola Schönenberger: 'Un discorso di area di sinistra meglio della frammentazione'

lugano-forum-alternativo-i-verdi-stanno-col-ps
Plazzo civico a Lugano (Ti-Press)

"Preso atto della decisione dei Verdi di Lugano di fare una lista comune con il Ps, ci vien da dire che non tutti i mali vengono per nuocere. Da parte nostra, auspicavamo di ripetere il successo ottenuto l’anno scorso dalla lista Verdi e Sinistra alternativa, ma altre logiche hanno purtroppo finito per prevalere. Ora saremo liberi di portare avanti idee e soluzioni ambientali che siano sostenibili per tutta la popolazione e che tengano conto di tutti i quartieri della città – perché Lugano non termina in via Balestra!". È un passaggio della nota del Forum alternativo (Fa) che si presenta come "una forza di opposizione concreta e pragmatica" e prende le distanze dai Verdi con i quali aveva avviato una discussione per una lista unica e correre assieme alle elezioni comunali a Lugano di aprile. Fa non vuole fungere da "portaborse per municipali che non sanno compiere atti di rottura e di fatto sono conniventi con una maggioranza borghese e populista". Da noi contattato, il consigliere comunale dei Verdi Nicola Schönenberger dichiara: «Abbiamo preferito portare avanti un discorso di area per tentare di raggruppare tutte le forze della sinistra e allestire una lista unica per il Municipio. Sarebbe stato meglio per darsi maggiori possibilità di cambiamenti nella gestione della città piuttosto che presentarsi alle elezioni frammentati. Ci abbiamo provato e il discorso di area lo porteremo ancora avanti»

Per una città a misura d'uomo e di donna

Fa si batte per "una città vivibile, a misura d’uomo e di donna. Una città in cui le famiglie possono crescere i loro figli. Una città attenta alla convivenza tra le varie generazioni, dai giovani agli anziani. Una città che non scarica sempre i sacrifici sulle cittadine e i cittadini, ma che ha il coraggio di implementare le soluzioni alternative necessarie" Soluzioni che il movimento ritiene non manchino: "un’azione sociale pragmatica e vicina ai bisogni dei cittadini, una pianificazione che permetta alle piccole attività commerciali e artigianali di prosperare, la convivenza di tutte le mobilità, con una rete di posteggi esterni e mezzi a ciclo continuo e/o taxibus". E ancora: "Sappiamo, purtroppo, che la politica comunale va spesso di pari passo con il siparietto delle ripartizioni: qualcuno ogni tanto accende il megafono e sbraita lo scandalo, e intanto dietro le quinte si fanno accordi, si firmano contratti, e tutti amici come prima. La questione dell’autogestione è lì da vedere: a parole c’è chi si smarca, ma nei fatti tutti seguono la linea decisa dal Municipio. Ed è così con quasi tutti i progetti alternativi che vengono proposti".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
2 ore
Caccia alta, sei persone denunciate per gravi infrazioni
Il Dipartimento del Territorio rende noti i dati sulla stagione appena conclusa. Abbattuti più cervi rispetto al 2021, meno cinghiali e camosci
Luganese
2 ore
Direttore arrestato: ‘Si crei uno sportello per genitori’
Per la Conferenza cantonale dei genitori è importante che si riduca il rischio di situazioni simili. Contrastanti, intanto, le reazioni dei genitori.
Ticino
5 ore
Crisi energetica e telelavoro, Ocst: ‘Vigili sì, preoccupati no’
Dal sindacato cristiano sociale un webinar informativo. Isabella: ‘Non c’è giurisprudenza, partenariato importante’. Alari: ’Le spese preoccupano’
Ticino
5 ore
Sicurezza e prevenzione: gli occhi e le orecchie del Gpn
Gestione della minaccia: ruolo e missione del gruppo di specialisti della Polizia cantonale. Al quale il governo vuole ora dare una chiara base legale
Luganese
12 ore
Lugano: in arrivo Expo Ticinotour, grande fiera vintage
L’evento è in programma sabato 1° ottobre al Padiglione Conza: oltre 120 espositori, food-truck, bar, sala giochi, veicoli d’epoca e molto altro
Ticino
15 ore
‘Non si aggiungano ulteriori materie di studio al Liceo’
Tra ‘grandi scetticismi’ e ‘totale concordanza’, il Cantone risponde alla consultazione federale in merito alla Revisione dell’Ordinanza sulla maturità
Luganese
15 ore
Lugano, da Radio Rsi a Città della Musica con 21 milioni
Licenziato il messaggio municipale per l’acquisto dello storico stabile di Besso. Un’operazione che, spiega Badaracco, genererà 55 milioni di investimenti
Gallery
Grigioni
16 ore
A lezione d’integrazione sui banchi di Roveredo
Da lunedì tredici adolescenti fuggiti dall’Ucraina hanno iniziato a districarsi fra matematica e italiano nel padiglione 1 della Casa di cura Immacolata
Bellinzonese
17 ore
Osogna, ‘con macchinisti istruiti si riducono gli infortuni’
È stato inaugurato ufficialmente il Centro di formazione professionale Macchine della Ssic Ticino che, inoltre, valorizza una regione periferica
Mendrisiotto
17 ore
‘Il palazzo reale delle menzogne’, 6 anni al principe Selassié
La Corte delle Assise criminali di Mendrisio lo ha riconosciuto colpevole e condannato per truffa per mestiere e falsità in documenti
© Regiopress, All rights reserved