laRegione
15.11.20 - 20:57

Lugano, la sinistra alternativa: 'Riconoscete l'autogestione'

Lettera aperta di Forum Alternativo, Verdi e Partito operaio popolare al Municipio, reo di relegare l'esperienza unicamente a un tema di ordine pubblico

lugano-la-sinistra-alternativa-riconoscete-l-autogestione
Un monito (Foto Ti-Press)

"L’attuale Municipio, ostinandosi a non riconoscere la funzione e l’utilità di uno spazio autogestito per una parte significativa della cittadinanza, relega l’autogestione unicamente a un tema di ordine pubblico, a un corpo estraneo da sradicare". Questa – secondo una presa di posizione di Forum Alternativo, Verdi e Partito operaio popolare – la colpa del Municipio di Lugano, che nei giorni scorsi ha trovato un maggioranza (quattro a tre) per una linea più dura nei confronti del Molino, commissionando alle autorità di polizia un rapporto per analizzare lo scenario dello sgombero.

'Chiusura mentale e ideologica da parte del Municipio'

Pur prendendo le distanze dal casus belli, ossia dalla testata che una nostra collega ha preso da parte di una partecipante la sera del 30 ottobre, parte della sinistra luganese invita l'esecutivo a riconoscere il ruolo dell'autogestione. "Un atto individuale riprovevole, stupido e irresponsabile. Tale va considerata la testata inflitta a una giornalista mentre esercitava il diritto di cronaca in un’assemblea indetta sulla pubblica piazza. Un gesto peraltro criticato da altri partecipanti, come riferito dalla stessa giornalista vittima dell’ignobile atto (ma avremmo preferito che ciò venisse espresso formalmente con un comunicato). Doppiamente irresponsabile poiché quel gesto ha oscurato i motivi della manifestazione e offerto ai detrattori il pretesto per screditare in un sol colpo venticinque anni di storia collettiva dell’autogestione nel Luganese. L’autorità politica cittadina finora non ha saputo e voluto riconoscere il contributo dato dallo spazio autogestito alla collettività: una chiusura mentale e ideologica palesatasi ancora nell’ultimo progetto sul sedime dell’ex macello, con la pura e semplice esclusione dell’esperienza autogestita da quegli spazi.

'Migliaia di cittadini passati di lì in anni'

"«Vogliamo ridare lo spazio alla cittadinanza», dicono, come se dallo spazio autogestito non fossero passate in questo quarto di secolo decine di migliaia di cittadine e cittadini – si legge nella nota –, usufruendo di attività culturali, aggregative, sociali e discussioni politiche. Un luogo a prezzi popolari per chi lo frequenta e a costo zero per la collettività, poiché il Molino non riceve nessuna sovvenzione pubblica e paga regolarmente le fatture di energia, acqua e rifiuti. L’affitto non lo paga, perché così decise l’esecutivo luganese quando mise a disposizione lo spazio firmando la Convenzione nel 2002, dopo lo sgombero dalla periferia del Maglio".

Lo sgombero? 'Una pia illusione'

Lo sgombero sarebbe una "pia illusione, azzardo dalle conseguenze imprevedibili, rese ancor più incerte dal contesto sociale e sanitario che stiamo vivendo. Per questo chiediamo l’immediata rinuncia all’opzione sgombero del centro sociale e il riconoscimento concreto del valore di uno spazio autogestito nel tessuto cittadino, di cui beneficia una parte rilevante della cittadinanza. Senza questo riconoscimento, presupposto fondamentale, ogni richiamo al dialogo da parte del Municipio suona puramente strumentale".

Leggi anche:

Molino di Lugano: lo sgombero non è più un tabù

Una testata come scusa della disobbedienza

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
2 ore
Grave incidente ad Avegno, un motociclista rischia la vita
Un 56enne del Locarnese ha perso il controllo del mezzo andando a sbattere contro lo spartitraffico riportando gravi ferite
Mendrisiotto
14 ore
La Castello Bene conquista il Nebiopoli 2023
Il corteo mascherato ‘cattura’ 20mila spettatori. Per gli organizzatori del Carnevale chiassese è l’edizione dei record
Luganese
16 ore
Auto contro moto a Novaggio, grave il motociclista
L’incidente sulla strada verso Miglieglia. Il giovane è stato sbalzato a terra dall’impatto frontale
Mendrisiotto
17 ore
Il Corteo di Nebiopoli fa il pieno di satira e pubblico
La sfilata mascherata si riappropria del centro cittadino tra guggen, gruppi e carri (venuti anche da fuori) e le cannonate di coriandoli da Sion
Luganese
18 ore
Scontro auto-moto a Manno, ferito il motociclista
L’incidente intorno alle 15:45 in via Cantonale. Non sono note le condizioni del ferito, portato in ospedale dopo i primi soccorsi sul posto
Luganese
21 ore
A Lugano incendio in una discarica in zona Stampa
Un grosso incendio si è sviluppato questa mattina provocando molto fumo e un odore sgradevole. Una persona in ospedale per intossicazione
Locarno
23 ore
Solduno, un poliziotto di prossimità gentile e apprezzato
Dopo 37 anni di servizio va in pensione il sergente maggiore Fabrizio Arizzoli. L’Associazione di quartiere esprime la sua gratitudine
Mendrisiotto
1 gior
“Nei paesini la gente è solidale, ma in città...”
Non sembra essere un periodo facile per il volontariato, che dopo la pandemia sembra aver perso drasticamente attrattiva
Ticino
1 gior
Caso Unitas, Mps e Noi (Verdi) tornano alla carica
Nuove interpellanze: ’Le risposte scritte del Consiglio di Stato sollevano altri interrogativi’
Luganese
1 gior
La comunità cripto trova casa in centro città
L’Hub s’insedierà nell’edificio che ospitava il Sayuri e una banca, tra via Motta e Contrada Sassello. Lunedì discussione generale in Consiglio comunale
© Regiopress, All rights reserved