laRegione
13.11.20 - 17:44
Aggiornamento: 20:21

Cocaina, erba, mdma: condannato a Lugano uno spacciatore

Si tratta di un 57enne malcantonese, che in meno di un anno ha venduto oltre mezzo chilo di coca a consumatori locali. A casa sua munizioni senza i permessi.

cocaina-erba-mdma-condannato-a-lugano-uno-spacciatore
Cocaina, ma anche erba e droghe sintetiche (Foto Ti-Press)

Oltre mezzo chilo di cocaina, 235 grammi fra hashish e marijuana, quantità minori di mdma e ketalgine. Ne ha spacciata parecchia di droga il 57enne condannato oggi alle Assise criminali di Lugano a ventotto mesi di detenzione, quindici dei quali sospesi per un periodo di prova di quattro anni. Parecchia, e variegata: «un ventaglio preoccupante di stupefacenti», ha sottolineato il presidente della Corte Mauro Ermani durante il procedimento, che si è svolto nella forma del rito abbreviato.

Cento franchi per 0,7 grammi di coca

Residente nel Malcantone, l'uomo – cittadino svizzero, difeso dall'avvocata Sara Sabina Schlegel – ha rifornito, secondo la ricostruzione della procuratrice pubblica Pamela Pedretti, una trentina di acquirenti locali delle pericolose sostanze. Droga, prevalentemente cocaina rivenduta in confezioni da 0,7 grammi al prezzo di 100 franchi l'una. Dieci invece i franchi al grammo ricavati per la vendita di hashish e marijuana. E proprio uno di questi acquirenti ha fatto il nome dell'uomo agli inquirenti, nell'ambito dell'inchiesta che ha portato al suo arresto lo scorso giugno. Da allora si trova alla Stampa in esecuzione anticipata della pena, dopo tre mesi di detenzione preventiva.

Precedenti sempre nell'ambito della droga

Reo confesso, l'imputato non ha dato in aula particolari giustificazioni riguardo ai reati commessi. Di certo c'è che non è la prima volta che fa i conti con la giustizia né è la prima che ha a che fare con la droga. Già nel 2012 è stato infatti condannato a quattro anni di carcere, anche allora sospesi dato che è stato poi rilasciato condizionalmente l'anno successivo. I precedenti riguardano l'ambito della droga, del traffico più che dello spaccio al dettaglio come stavolta. «Lei con gli stupefacenti ci sa fare – ha detto il giudice pronunciando la sentenza –. Dovrebbe cambiare vita, ma con il passato e l'età che ha non si può scommettere che dia un taglio a queste attività. Tuttavia la Corte condivide il ragionamento della pp». Ossia, una condanna parzialmente sospesa ma un lungo periodo di prova che lo ricondurrebbe in carcere qualora sgarrasse nuovamente.

Tante munizioni ma nessuna autorizzazione

Oltre che per aver infranto la Legge federale sugli stupefacenti, il 57enne è stato altresì condannato per aver infranto quella sulle armi e sulle munizioni. A casa gli sono state trovate numerose munizioni e cartucce di vario genere, il tutto senza possedere un porto d'armi o altre autorizzazioni. Al termine del procedimento, il condannato è stato riaccompagnato in prigione.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Video
Ticino
11 ore
La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale
Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
14 ore
A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate
L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
14 ore
Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc
Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
14 ore
‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’
Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
23 ore
‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’
La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
23 ore
Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No
Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
1 gior
‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’
Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Gallery
Mendrisiotto
1 gior
Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine
Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Locarnese
1 gior
Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere
Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Ticino
1 gior
Il salario minimo legale non sarà adeguato al rincaro
Il Consiglio di Stato boccia la mozione di Ivo Durisch (Ps): ‘Un adeguamento sarebbe contrario alla volontà del legislatore e alla legge’
© Regiopress, All rights reserved