laRegione
20.10.20 - 16:42
Aggiornamento: 17:09

Sesso a casa del cliente, prosciolte due prostitute

Le due donne sono state assolte dall'accusa di aver infranto la Legge cantonale sulla prostituzione. L'avvocato Clemente: 'Farà giurisprudenza'

sesso-a-casa-del-cliente-prosciolte-due-prostitute
A casa del cliente? Per la Pretura penale si può (Ti-Press/Archivio)

Non hanno infranto la legge. Vittoria per due prostitute del Luganese, e per il loro patrocinatore – l'avvocato Ignazio Maria Clemente – oggi in Pretura penale a Bellinzona. Il pretore Marco Kraushaar ha infatti assolto le due donne, che hanno impugnato un decreto d'accusa che le incolpava di esercizio illecito della prostituzione. Oggetto del contenzioso, il fatto che le due – entrambe cittadine rumene di 30 e 21 anni – abbiano esercitato a domicilio dei rispettivi clienti. Secondo la tesi del sostituto procuratore generale Nicola Respini, si tratterebbe di una pratica che violerebbe la Legge cantonale sulla prostituzione entrata in vigore l'anno scorso e pertanto con due decreti del maggio scorso ha chiesto una multa di 300 franchi a testa per le due donne. Per la pubblica accusa la legge permetterebbe di esercitare il meretricio unicamente in un appartamento di proprietà o affittato dalla prostituta oppure in un locale erotico.

'Una prima che farà giurisprudenza'

«Ma la sentenza di oggi dimostra che non è così – osserva l'avvocato –. In realtà la legge non ne parla perché è consentito». L'avvocato Clemente sottolinea che in Ticino vi sarebbero «decine di situazioni analoghe. Altre inchieste sono in corso, ma sono tutte ferme in attesa di questa sentenza che è una prima e farà giurisprudenza. Il pretore ha stabilito che questa prassi, sia del Ministero pubblico sia di Teseu (la sezione della Polizia cantonale che si occupa anche di prostituzione oltre che della lotta al traffico di esseri umani, ndr) non è lecita». Il legale sottolinea infatti che a essere «problematiche» sarebbero proprio le inchieste condotte, che l'anno scorso e a inizio di quest'anno, avrebbero sistematicamente preso di mira le prostitute che esercitano a domicilio dei clienti o negli alberghi.

La questione ha una sua rilevanza politica ed è stata portata all'attenzione del Consiglio di Stato da un'interrogazione firmata dal deputato liberale-radicale Matteo Quadranti. Il parlamentare ha messo in evidenza la mancanza di chiarezza del testo legislativo, sottolineando tuttavia che l'articolo 3 della Legge non cita né i domicili dei clienti né gli alberghi come luoghi vietati per l'esercizio della prostituzione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
5 ore
‘I detenuti con misure terapeutiche vanno adeguatamente seguiti’
La richiesta al governo delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’ è ora nero su bianco. La mozione firmata da tutti i gruppi parlamentari
Ticino
5 ore
‘Avanti’, la porta è aperta a tutti
Presentato il nuovo movimento fondato da Mirante e Roncelli dopo le dimissioni dal Partito socialista. ‘Una forza di centro sinistra, moderna e aperta’
Luganese
6 ore
Pura, condannata a 4 anni la donna che accoltellò l’ex marito
La Corte ha accolto integralmente le richieste di pubblica accusa e accusatore privato, sostenendo che l’imputato abbia mentito per costruirsi un alibi
Ticino
7 ore
Primo incontro fra partiti sul dopo Carobbio agli Stati
Domani rendez-vous tra i vertici cantonali delle forze politiche rappresentate a Berna. Per scongiurare un ‘bel pasticcio’, Farinelli dixit
Grigioni
7 ore
Val Calanca, strada forse riaperta prima del weekend
Nella migliore delle ipotesi i lavori di sgombero inizieranno domani. Anche oggi il meteo ha ostacolato la valutazione dei rischi di nuovi scoscendimenti
Luganese
7 ore
Sottrasse mezzo milione a un conoscente, ma non fu riciclaggio
Appropriazione indebita: inflitti 15 mesi di carcere, sospesi con la condizionale, a un 39enne comparso di fronte alle Assise criminali di Lugano
Bellinzonese
8 ore
Ultima tappa per completare la fibra ottica nel Bellinzonese
Amb e Swisscom comunicano che l’anno prossimo saranno connessi anche a Pianezzo, Paudo, Claro, Gudo, Moleno e Preonzo
Bellinzonese
8 ore
‘Via Roggia dei Mulini rimarrà sicura anche con le palazzine’
Il Municipio di Bellinzona risponde all’interpellanza di Boscolo e Sansossio, confermando che il comparto rientra nella mobilità sostenibile
Ticino
9 ore
‘Il nuovo accordo fiscale è molto favorevole per i frontalieri’
Lo scrive in una lettera ai giornali lombardi il ministro dell’Economia italiano Giorgetti, che fa il punto della situazione sull’annoso dossier
Luganese
10 ore
Lugano-Montarina, Villa Ganser e Casa Walty salvate dalla Stan
Il Tribunale amministrativo cantonale accoglie il ricorso presentato contro la licenza concessa dal Municipio per un progetto edilizio
© Regiopress, All rights reserved