laRegione
14.10.20 - 14:05
Aggiornamento: 14:31

'Quei ragazzi erano disposti al sesso per una felpa Burlon'

Al processo luganese per atti sessuali con fanciulli emerge la realtà dei giovani disposti a concedersi per soldi o regali, per altro spesso solo promessi

quei-ragazzi-erano-disposti-al-sesso-per-una-felpa-burlon
Ai giovani venivano promessi soldi o vestiti firmati in cambio di prestazioni sessuali (Foto Keystone/Archivio)

«Il lupo perde il pelo ma non il vizio». Non è stata lunga la requisitoria del procuratore pubblico Arturo Garzoni: come ammesso sia da lui, sia dal difensore del 27enne accusato di atti sessuali con fanciulli Niccolò Giovanettina, per molti versi si è trattato di un'inchiesta fotocopia rispetto a quella che nel 2015 portò alla sua condanna a tre anni e quattro mesi. Tuttavia, sia secondo l'accusa sia per la difesa delle differenze ci sarebbero. «Non è più un teenager, un twink come le sue vittime – ha detto il pp –, ma è diventato un predatore sessuale, astuto, che ha fatto un salto di qualità, che è anche entrato in contatto con personaggi pericolosi e poco raccomandabili del mondo dello spaccio della droga. Se non fosse stato fermato avrebbe continuato a delinquere».

I nickname anonimizzati di Snapchat

In questa «triste storia già vista» Garzoni ha messo l'accento anche sull'aspetto tecnologico dell'inchiesta: «Ha agito con lo stesso modus operandi, adattandosi alle tecnologie nel frattempo uscite, passando da Facebook a Snapchat». Social, questo, utilizzato per non lasciare messaggi compromettenti e che ha reso l'inchiesta più laboriosa, a causa dei nickname anonimizzati, rendendo necessaria una rogatoria negli Stati Uniti, che ha restituito i contatti dell'imputato sull'app ma non i contenuti delle chat. A riempire quelle righe ci hanno pensato i ragazzi stessi e poi il 27enne, che anche a detta dell'accusa ha fornito una buona collaborazione.

Si presentava come ricco, ma di soldi non ne aveva

Agli adolescenti l'accusato si presentava in maniera simpatica, «adattandosi al loro linguaggio e alla loro età», presentandosi come ricco, alla guida di auto di lusso e pieno di denaro, quando la sua realtà era fatta di poco lavoro e debiti. Soldi promessi alle giovani vittime, che alcuni hanno accettato «prostituendosi senza vergogna», ha detto Garzoni, sottolineando che di soldi poi ne abbiano effettivamente visti ben pochi. «Se accettavano, li passava a prendere con l'Audi coi vetri oscurati e si appartavano in un posto riparato».

 

Essendo l'imputato sostanzialmente reo confesso, l'unico reato sostanzialmente contestato riguardo dei toccamenti notturni a danno di un paio di ragazzi coi quali il 27enne avrebbe fatto amicizia durante l'estate 2019 e di cui avrebbe approfittato mentre dormivano. «Non si sa controllare, gli scappa la mano» la tesi di Garzoni. «È un reato che presuppone l'aggiramento della volontà delle vittime, che lui ha tuttavia sempre rispettato, essendosi sempre fermato quando gli dicevano 'basta' – per Giovanettina, invece –, non c'è motivo di non credergli».

L'accusa: Cinque anni, sospesi a favore del trattamento stazionario

Il pp ha chiesto cinque anni di detenzione per il 27enne, da sospendere a favore di un trattamento psichiatrico stazionario, prendendo atto della perizia psichiatrica che ha evidenziato un disturbo narcisistico con tratti istrionici, un'efebofilia e un'olfattofilia. E soprattutto un rischio importante di recidiva se non curato. «La sua colpa è grave, è recidivo e ha tradito la fiducia dello Stato (concessa con la libertà condizionale nel 2017, ndr). Ha abusato di minori sull'arco di un anno, in un numero importante di occasioni, per anteporre le proprie pulsioni sessuali al benessere dei minori».

'Similitudini inquietanti con il 2015'

«Le similitudini rispetto al processo del 2015 sono evidenti e un po' inquietanti – ha confermato da parte sua Giovanettina –. Ma, c'è lupo e c'è lupo. Ha fatto tutto questo, oltre che per un problema riconosciuto, anche per le sue fragilità dovute a una vita estremamente difficile». Secondo il difensore, l'uomo sarebbe riuscito a controllare i propri impulsi una volta scarcerato per un certo periodo, ma il fatto che nel 2018 sia diventato consumatore di cocaina avrebbe contribuito a riattivare il suo problema. L'avvocato ha altresì criticato la perizia psichiatrica del 2015, evidenziando invece i benefici del percorso terapeutico intrapreso ora, invitando la Corte a giudicare l'assistito «con severità, dato che la sua colpa non è lieve, ma anche riconoscendo i suoi cambiamenti e uno spaccato di gioventù bruciata: quella dell'imputata, ma anche dei ragazzi dal consenso troppo facile e con valori legati a magliette e scarpe firmate».

La difesa: 'Quei ragazzi erano predisposti alle sue proposte'

Difatti, oltre a dibattere dei reati, sostanzialmente confessati, commessi dall'imputato, in aula si è toccato più volte il delicato tema della sessualità di questi giovani concessa in cambio di soldi, per altro quasi mai dati ma solo promessi. «Bisogna avere il coraggio di dire qualcosa di scomodo: i ragazzi erano predisposti alle proposte dell'imputato – ha detto Giovanettina durante l'arringa –. C'è un problema nella facilità con cui questi ragazzi si lasciano convincere per soldi, per scarpe di Gucci o per felpe di Burlon. Nelle loro dichiarazioni ritroviamo imbarazzo, disagio, ma non quel turbamento che ci aspetteremmo. E questo è un brutto segnale sociale». L'avvocato ha infine sostenuto che, nonostante l'anagrafe, vi sarebbero delle analogie fra il 27enne e gli adolescenti. Quest'ultimi – alcuni dei quali si conoscevano fra loro –, una volta intuito che le promesse di pagamento sarebbero rimaste tali, gli avrebbero anche teso una trappola minacciandolo con foto compromettenti relative al consumo di droga.

'Diversissimi, ma li accomunava l'ingenuità'

E sul profilo delle vittime si è, evidentemente, focalizzate anche la rappresentante degli accusatori privati, l'avvocata Valentina Zeli. «Non sono tutti uguali – ha premesso –. Fra questi alcuni sono alti 1,80 metri, sono belli e muscolosi, mentre altri sono timidi e mingherlini, con l'acne. Alcuni hanno famiglie solide alle spalle, altri provengono da situazioni domestiche difficili. Ma li accomuna che sono tutti caduti nella trappola: hanno creduto che avrebbero ricevuto soldi, molti soldi. E come hanno fatto a cascarci? L'unica risposta che sono riuscita a darmi è: sono ingenui, perché hanno 15 anni. Non sono adulti, anche se si atteggiano da grandi o sono espliciti nel linguaggio. Inoltre, nessuno ha parlato coi genitori di cosa stava accadendo, sebbene alcuni avessero buoni rapporti con le famiglie. Dimostra come i fatti siano stati vissuti davvero con imbarazzo e disagio». Zeli ha chiesto pertanto risarcimenti per torto morale da un minimo di 500 a un massimo di 5'000 franchi per ogni vittima.

La sentenza è attesa nel pomeriggio.

 

Leggi anche:

Adescava ragazzini sui social: 27enne a processo a Lugano

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
2 ore
Cani liberi all’ex aerodromo di Ascona: le multe non piacciono
Municipio e Polizia replicano: ‘La legge parla chiaro: guinzaglio obbligatorio. Noi interveniamo su segnalazione di cittadini che reclamano’
Mendrisiotto
2 ore
Pozzo Polenta, l’inchiesta amministrativa si allarga
Adesso al tavolo dell’autorità cantonale ci sono entrambe le società petrolifere che hanno gestito la stazione di servizio
Mendrisiotto
5 ore
‘Io oggi sogno un Mendrisiotto unito’
Abbiamo parlato di aggregazione con Giorgio Fonio. E il consigliere comunale di Chiasso e gran consigliere ha una sua visione per il futuro
Gallery
Bellinzonese
5 ore
I terreni abbandonati ora profumano di lavanda
L’associazione Stregaverde ridà vita ai sedimi trascurati piantando fiori e spezie. Coltivata un’area vicino a Sasso Corbaro. Si cercano volontari e fondi
Locarnese
5 ore
Sébastien Peter alla guida dei servizi culturali cittadini
La scelta del Municipio di Locarno è caduta sul 38enne attivo nel campo della promozione culturale a Bienne. Inizierà il suo mandato in primavera
Ticino
5 ore
Unitas, ex membri di comitato: ‘Non sono denunce per ripicca’
Le testimonianze: ‘Siamo bersaglio di ostilità per aver portato alla luce gli abusi. Ci accusano di aver agito perché estromessi. O troppo tardi. È falso’
Luganese
11 ore
Plan B continua a dividere Lugano
Dalla discussione generale in Consiglio comunale, critiche più o meno velate da Ps, Verdi e Centro, mentre Udc, Lega e Plr lodano l’operazione
Bellinzonese
12 ore
Rubano materiale da hockey ad Arbedo: bottino di 300mila franchi
Il furto di pattini, bastoni e macchinari specializzati sarebbe avvenuto, stando alla Rsi, lo scorso fine settimana
Luganese
13 ore
Schlein a Massagno ‘senza padrini né padroni’
La candidata alla segreteria del Pd incontra Marina Carobbio. “Il Pd si può riformare”
Bellinzonese
13 ore
Tutti i vincoli del nuovo ospedale di Bellinzona
I progettisti dovranno confrontarsi con un’importante serie di questioni tecniche, fra sicurezza fluviale, edificabilità e viabilità
© Regiopress, All rights reserved