laRegione
03.09.20 - 20:06

Crediti Covid per spese personali, 47enne rinviato a giudizio

L'uomo è stato arrestato a fine giugno. Ingente l'entità della presunta truffa: 600'000 franchi circa: secondo caso su scala nazionale

crediti-covid-per-spese-personali-47enne-rinviato-a-giudizio
Il 47enne rischia fino a cinque anni di carcere (Foto Ti-Press/Archivio)

Truffa Covid, si va in aula. Come anticipato dalla Rsi, è stato rinviato a giudizio l'autore della più grande presunta truffa legata ai crediti speciali concessi dalla Confederazione per combattere la pandemia, fra quelle emerse in Ticino, nonché la seconda in Svizzera. Si tratta di un 47enne italiano residente nel Luganese, arrestato a fine giugno. I fatti, risalenti a marzo, sono emersi a inizio luglio: l'uomo è sospettato di aver fornito informazioni al fine di ottenere due crediti per un complessivo di oltre 600'000 franchi. Il denaro conseguito indebitamente sarebbe poi stato utilizzato per scopi estranei a quanto stabilito dall'Ordinanza sulle fideiussioni solidali Covid-19 e, in particolare, per far fronte a spese personali. Fra queste, un'auto e orologi di lusso.

L'imputato, sempre stando alla Rsi, commerciava in mascherine e guanti di lattice e avrebbe gonfiato il fatturato per aumentare l'entità del prestito. Buona parte del maltolto sarebbe stata nel frattempo resa, sebbene 170'000 franchi circa manchino ancora all'appello. Il 47enne – che rischia fra i due e i cinque anni di carcere e dovrà rispondere di truffa, falsità in documenti, amministrazione infedele aggravata ed esercizio abusivo della professione di fiduciario – è difeso dall'avvocato Walter Zandrini, mentre il procuratore pubblico che ha in mano l'inchiesta è Daniele Galliano. A giudicare il caso sarà la Corte delle Assise criminali, presieduta dal giudice Amos Pagnamenta. 

In aula comparirà anche il fiduciario luganese, o sedicente tale, a cui l’imprenditore si appoggiava. È accusato, oltre che di truffa e falsità in documenti per la vicenda dei crediti Covid, di avere esercitato abusivamente la professione a partire dal settembre del 2012. Il 51enne respinge con fermezza ogni addebito. Così come il suo contabile, pure finito sotto inchiesta, per il quale Galliano ha emesso un decreto d’accusa, proponendo una pena pecuniaria sospesa e il pagamento di una multa. Lui si è opposto, e al pari degli altri due andrà dunque a processo, separatamente, alle Correzionali.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
6 min
A Lugano incendio in una discarica in zona Stampa
Un grosso incendio si è sviluppato questa mattina provocando molto fumo e un odore sgradevole
Locarno
1 ora
Solduno, un poliziotto di prossimità gentile e apprezzato
Dopo 37 anni di servizio va in pensione il sergente maggiore Fabrizio Arizzoli. L’Associazione di quartiere esprime la sua gratitudine
Mendrisiotto
4 ore
“Nei paesini la gente è solidale, ma in città...”
Non sembra essere un periodo facile per il volontariato, che dopo la pandemia sembra aver perso drasticamente attrattiva
Ticino
8 ore
Caso Unitas, Mps e Noi (Verdi) tornano alla carica
Nuove interpellanze: ’Le risposte scritte del Consiglio di Stato sollevano altri interrogativi’
Luganese
8 ore
La comunità cripto trova casa in centro città
L’Hub s’insedierà nell’edificio che ospitava il Sayuri e una banca, tra via Motta e Contrada Sassello. Lunedì discussione generale in Consiglio comunale
Locarnese
8 ore
Scintille tra Gordola e la Sopracenerina sulle tariffe
Nuova lettera dal Municipio al CdA della Ses per fare chiarezza sui costi di produzione e i prezzi applicati. Dividendi? ’Si può rinunciare’
Bellinzonese
17 ore
‘Eros Walter era un vulcano: alla Federviti ha dato moltissimo’
Lutto nel mondo vitivinicolo ticinese: è deceduto lo storico presidente della sezione Bellinzona e Mesolcina. Il ricordo di amici e colleghi
Ticino
18 ore
Marchesi: ‘Se l’Udc entrasse in governo, noi pronti per il Dfe’
I democentristi ribadiscono la loro ricetta per il risanamento delle finanze cantonali: ‘Se ci avessero ascoltato, avremmo già risparmiato 100 milioni’
Luganese
19 ore
Lugano, quel vuoto in piazza della Riforma
Verso la ristrutturazione l’edificio che ospitava il Caffè Federale, sulla cui facciata c’è la più vecchia insegna di caffetteria della piazza
Bellinzonese
19 ore
Zac, via altri alberi a Bellinzona: perché?
I Verdi insorgono con un’interpellanza al Municipio sui tagli eseguiti lungo i viali Franscini e Motta
© Regiopress, All rights reserved