laRegione
il-procuratore-generale-ai-furbetti-del-covid-ci-pensiamo-noi
Il procuratore generale Andrea Pagani Ti-Press
Luganese
01.08.20 - 19:220
Aggiornamento : 19:48

Il procuratore generale: 'Ai furbetti del Covid ci pensiamo noi!'

Andrea Pagani ospite del Primo Agosto a Massagno traccia il successo elvetico nei tempi del coronavirus, dalla sanità alla scuola alla giustizia.

Parte dal 18 aprile del 1999, quando gli svizzeri si dotarono della nuova Costituzione, il discorso del Primo Agosto del procuratore generale Andrea Pagani, "consci – ha esordito il magistrato intervenuto nel Comune di Massagno – della loro responsabilità di fronte al creato, risoluti a rinnovare l’alleanza confederale e a consolidarne la coesione interna, al fine di rafforzare la libertà e la democrazia, l’indipendenza e la pace, in uno spirito di solidarietà e di apertura al mondo".

Pagani ha espresso parole quali libertà, unità, rispetto: "Princìpi – ha detto – che in questi ultimi mesi, in questi duri ultimi mesi, il popolo svizzero ha fatto propri e ha applicato giorno dopo giorno senza sbavature di particolare rilievo. Dobbiamo essere fieri di essere svizzeri, poiché lo Stato, in tutte le sue emanazioni pubbliche e para-pubbliche, ha dato prova di efficienza sin dall’inizio della decretata pandemia del Covid-19".

Durante il lockdown 800 nuovi procedimenti penali

Da qui il chiaro riferimento a tutti quei servizi essenziali che hanno continuato a funzionare: la sanità, "i cui attori, d’ogni grado e mansione, non possiamo che ringraziare e virtualmente abbracciare"; la Polizia "che, sotto lo Stato di maggiore cantonale di condotta, ha saputo tenere alta la sicurezza del nostro Cantone, facendo rispettare le norme, in costante evoluzione, dell’ordinanza Covid del Consiglio federale"; la Giustizia, "in particolare quella della catena penale, che non poteva fermarsi, che ha gestito nei due mesi di chiusura e mi riferisco in particolare al Ministero pubblico, comunque circa 800 nuovi procedimenti penali, che non si sentono e non si vedono, ma che necessitano di impegno, spesso gravoso". Un impegno portato avanti anche con il telelavoro "che, prima delle chiusure, da molti, il sottoscritto compreso, veniva visto con diffidenza in particolare poiché pareva annientare il controllo sociale a cui il lavoratore, anche inconsciamente, è sottoposto in ufficio. Telelavoro invece che, se ben regolamentato e monitorato – e se svolto parzialmente – può produrre ottimi risultati a 360 gradi".

Una Svizzera, secondo il pg, che, pur nell'emergenza, ha saputo funzionare: "Ha funzionato alla grande, rispetto al resto del mondo, il sistema messo in alto dalle nostre autorità esecutive federali e cantonali di aiuto all’economia, alle attività commerciali e anche ideali di ogni genere. Sistema pensato e messo in atto con una velocità sorprendente, annientando, quasi, la burocrazia". Pagani ha così indicato il successo di questa positiva reazione della Confederazione nel lavoro ridotto, "che ha salvato imprese e, di riflesso, molti posti di lavoro", nell’erogazione di prestiti da parte delle banche, "a loro volta tutelate da garanzie fidejussorie della Confederazione. Facilitazioni, queste, che hanno permesso a tutti i beneficiari di sopravvivere". Anche se qualche "furbetto" – Pagani non ha mancato di ricordarlo – c'è stato: "Certo, qualche furbetto c’è stato, ma ai furbetti che hanno approfittato del sistema svizzero, ci pensiamo noi! Non preoccupatevi" ha tranquillizzato il procuratore generale.

Dalla scuola al volontariato

Poi lo sguardo è andato alla scuola "con tutte le difficoltà dell’assenza di lezioni in presenza, l’educazione a distanza per tutti i nostri giovani studenti. I docenti, che come tutti noi, hanno dovuto inventare qualcosa di nuovo, hanno saputo garantire l’essenziale, permettendo agli allievi di mantenere un certo ritmo della giornata, sentendosi, così comunque ancora allacciati alla realtà". E ancora, "ha funzionato la catena della distribuzione di ogni genere di viveri. Non me ne intendo, ma non deve essere stato facile. Grazie a tutte e a tutti coloro che non ci hanno fatto mancare niente". Così i Comuni, "che sono la base, solida e di prossimità, della nostra invidiata democrazia. Hanno funzionato i Comuni anche per le numerose iniziative a favore della cittadinanza, segnatamente per chi necessitava – e ancora oggi necessita – d’aiuto. Gli anziani, in primis, a cui dobbiamo il nostro attuale benessere e che meritano tutta la nostra attenzione, costi quel che costi!".

Un'allocuzione che si è conclusa con la solidarietà intergenerazionale: "Quante persone della mia età, ma anche più giovani, hanno aiutato in ogni modo i meno giovani, gli over 65, portando loro a casa la spesa, accompagnandoli dal dottore o anche solo chiamandoli al telefono più spesso per farli sentire parte integrante della nostra società" ha chiosato Pagani senza non prima citare Spinoza, filosofo olandese del 1600, secondo il quale, chi detiene il potere ha bisogno che la gente sia affetta da tristezza o paura: "Io, invece, vi invito a non essere tristi, a non avere paura, ad essere ottimisti. Domani è un altro giorno e arriverà! Piano piano e con testa, torneremo a fare festa".

TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
2 ore
Niente fondi per la Como-Lecco. Appello dei pendolari
Gli utenti del trasporto pubblico lombardi e ticinesi lanciano l'sos. Elettrificare la linea potenzierebbe i collegamenti Tilo a cavallo del confine
Ticino
3 ore
Crisi economica e possibili vie d'uscita
Da venerdì il quarto 'Festival dell'economia' organizzato dalla Scuola cantonale di commercio. Contributi online di personalità internazionali,
Ticino
4 ore
Formazione professionale, sì a ‘Più duale plus’
Il Gran Consiglio dà luce verde anche alle misure per mantenere il più alto numero possibile di posti di apprendistato. Bertoli: ‘Obiettivo raggiunto’
GALLERY
Mendrisiotto
4 ore
Le luci di Carnevale animano Chiasso
L'illuminazione tematica e simbolica sarà proiettata sullo stabile della Posta fino alla metà di febbraio
Ticino
4 ore
Covid, una trentina per ora i docenti cantonali vulnerabili
Gli insegnanti annunciatisi sino a venerdì scorso al Dipartimento educazione cultura e sport. La procedura e il lavoro in sede (con la mascherina FFP2/3) o da casa
Luganese
4 ore
Truffe del Covid, denaro drenato nel petrolifero
Il dentista e l'altro accusato hanno in parte ammesso le loro responsabilità di aver utilizzato i crediti concessi per altri scopi
Luganese
5 ore
Polo sportivo, oltre cento domande al Municipio di Lugano
Tante le questioni e le criticità sollevate sui due messaggi dai commissari della Gestione. Chiesti lumi in merito agli impatti finanziari
Grigioni
5 ore
A St. Moritz la pandemia non risparmia il Badrutt's Palace
Il lussuoso hotel chiude temporaneamente da dopodomani, causa la scarsità di ospiti stranieri e il recente focolaio di coronavirus. Toccati 440 dipendenti
Gallery
Locarnese
6 ore
Cavigliano, la rete veloce di Swisscom 'rallenta'
Lungo Via Ponte dei Cavalli le connessioni sono problematiche. La fibra ottica, attesa, slitta al 2022 per ragioni di costi. Alcuni utenti si lamentano.
Ticino
6 ore
Aiuti Covid, arriva anche la prestazione ponte da 8 milioni
Il sostegno cantonale andrà a chi finora non ha beneficiato di alcuna misura, l'onere dell'applicazione sarà dei Comuni. De Rosa: ‘Non è un doppione’
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile