laRegione
linee-d-aria-e-un-ristorante-per-la-hall-del-lac
+1
Luganese
01.08.20 - 14:200

Linee d’aria (e un ristorante) per la Hall del Lac

Presentata l’installazione ‘Luftlinie’ di Christine Streuli nel rinnovato foyer del Museo d'arte della Svizzera italiana. Attendendo le novità di settembre

Gigantesche tracce di pennello percorrono, in complicati tracciati, il foyer del Museo d’arte della Svizzera italiana al Lac, passando dalle pareti alle vetrate: una vivace nota di colore – immediato il richiamo alla pop-art – per quello che finora era uno spazio un po’ anonimo, più una zona di transito verso i vari spazi espositivi che un luogo d’incontro come il centro culturale di Lugano ha sempre voluto essere.
‘Luftlinie’ è il titolo di questa installazione di Christine Streuli, artista bernese conosciuta a livello internazionale – citiamo qui il progetto al padiglione svizzero della 52ª Biennale di Venezia e nel 2008 la partecipazione ad Art Unlimited, sezione di Art Basel dedicata alle opere di grande formato – che ha vinto il concorso su invito per “ridisegnare artisticamente” il foyer e bistrot del museo. Nell’incontro con la stampa, avvenuto poco prima di un incontro con il pubblico nel ciclo Lac en plein air, Streuli ha sottolineato l’importanza dell’incontro tra arte e architettura nel dare un’identità a un luogo: in questo caso, l’entrata di un museo, un luogo di accoglienza, dove ritrovarsi insieme magari per bere un caffè (ma su questo torneremo dopo). Un intervento interessante, nel suo dare allo spazio un’identità chiara ma al contempo discreta: l’installazione non si impone come elemento dominante ma dialoga con i vari elementi; un’attenzione che si vede da particolari come lo spazio lasciato vuoto – un «cartellone ma fatto di assenza», come lo ha definito l’artista – lasciato nella parete di fronte all’entrata, pronto a ospitare le descrizioni delle esposizioni in corso.
Il titolo, ‘Luftlinie’, in tedesco significa “linea d’aria”: il collegamento più breve, più veloce tra due punti, «la linea diretta per andare dal punto A al punto B». L’esatto contrario di quel che fanno le colorate impronte di pennello realizzate nel foyer, perché «l’arte non ha a che fare con l’efficienza e la velocità: l’arte ha a che fare con deviazioni, cambi di destinazione, incroci» ha spiegato l’artista.

Accoglienza e ristorazione

L’opera di Christine Streuli, come detto, è stata scelta nell’ambito di un concorso voluto da museo e centro culturale per “completare l’accoglienza” del Lac che, ha spiegato il direttore Michel Gagnon, è stata una priorità fin dall’inaugurazione del centro culturale ma che ha richiesto qualche anno di esperienza per la messa a punto. Il punto forte di questa accoglienza è ovviamente la grande Hall che in questi anni si è dimostrata spazio importante, ospitando numerosi eventi – concerti, conferenze e incontri con autori e artisti – oltre al bookshop e alla biglietteria. I punti deboli, invece, sono finora stati l’entrata del museo e soprattutto la ristorazione. Era prevista la presenza del ristorante, all’ultimo piano del centro culturale; poi lo spazio si è deciso di dedicarlo a sale per conferenze: una scelta giusta, visto il buon livello di utilizzo di quegli spazi in questi anni, ma che ha lasciato il Lac con solo due caffè. «È essenziale – ha affermato Gagnon in conferenza stampa – avere un ristorante con un’offerta di qualità, semplice ma di qualità, e che sia aperto quando è aperto il museo e la sera prima degli spettacoli».
Il foyer del museo con l’installazione di Christine Streuli si inserisce in questo rinnovamento degli spazi; l’obiettivo era presentare tutto insieme, ma la pandemia ha imposto i suoi tempi, così adesso abbiamo ‘Luftlinie’ mentre dovremo aspettare metà settembre per scoprire la nuova Hall con una nuova biglietteria, un bookshop rinnovato e valorizzato e, soprattutto, il tanto atteso ristorante.

Guarda tutte le 5 immagini
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
9 ore
Nessun complotto: costrinse la figliastra a fare sesso
La Corte di appello conferma la sentenza emessa in primo grado: il 69enne della regione è colpevole di violenza carnale. Dovrà scontare cinque anni di carcere.
Ticino
10 ore
Tutti i controlli radar della prossima settimana
Ecco l'elenco completo delle località in cui verranno svolti dei controlli della velocità mobili e semi-stazionari
Luganese
11 ore
Balneabili le acque di Porto Ceresio
Soddisfatta la sindaca, Jenny Santi che negli ultimi mesi era stata presa di mira da minoranza e ambientalisti
Bellinzonese
11 ore
Corbaro ritrova la libertà all'ombra del Castello di Cima
Il gufo, trovato dalla Spab con un'ala spezzata e curato dallo studio medico Keller e Pedretti, è tornato a volare nel bosco sovrastante la Turrita
Bellinzonese
11 ore
Abusò di una minorenne, pena confermata in Appello
Nessuno sconto per il 30enne ricorrente: per la Carp è colpevole di violenza carnale e dovrà scontare quattro anni di carcere
Locarnese
11 ore
Locarno, poveri pianeti dell'Astrovia
Interrogazione al Municipio sul pessimo stato di conservazione di questa proposta didattica voluta dalla Società astronomica ticinese, inaugurata nel 2001
Ticino
11 ore
Operazione 'Imponimento', arresto non convalidato per cinque
'Ndrangheta e infiltrazioni in Svizzera, il Tribunale di Catanzaro conferma il provvedimento per 70 persone
Locarnese
13 ore
Quartiere Rusca-Saleggi, 'via il piede dal gas!'
In arrivo il limite dei 30 km/h in tutto il perimetro. Una misura voluta per tutelare al meglio gli utenti deboli della strada
Ticino
16 ore
Dopo una tregua, torna la canicola
Allerta di grado tre in Ticino da domani pomeriggio fino a mercoledì sera. Previste temperatura fino 34 gradi e alti tassi di umidità.
Locarnese
16 ore
'Villaggio svizzero dell'anno', due finalisti sono ticinesi
Gambarogno e Losone figurano tra le 12 località prescelte dal concorso, che quest'anno premia solidarietà e creatività in ambito Covid-19
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile