laRegione
Paradiso
laR
 
22.06.20 - 06:10
Aggiornamento: 10:06

Spari nella notte, nei guai il titolare del Cecil

I colpi (a salve) sono stati esplosi dopo un diverbio con dei giovani

spari-nella-notte-nei-guai-il-titolare-del-cecil
Ti-press

Due spari, nella notte. Hanno temuto il peggio i residenti di Paradiso che nelle ore piccole di  mercoledì hanno sentito distintamente due colpi, boati provenienti dalla zona del lungolago. Come si è poi appreso, nessuno è rimasto ferito, perché la pistola impiegata era stata caricata a salve. Nei guai è finito il titolare del night club Cecil, fermato e interrogato la notte stessa. Nel suo ufficio sono state trovate altre armi.

I fatti risalgono a mercoledì notte appunto, ma sono ancora al vaglio degli inquirenti. Questa la versione dei fatti che ci ha dato il titolare del night, Sandro Iaria. "Da qualche tempo sulla terrazza avvenivano dei furti, martedì abbiamo sorpreso una ragazza che tentava di portare via una bottiglia di amaro. Ci ha fra l'altro detto i nomi degli amici che partecipano ai furti... la sera dopo li ho visti di nuovo, erano in cinque. Due di loro mi si sono fatti contro, a quel momento ho sparato con la pistola, una P38, i colpi a  salve e sono scappati. Poi sono rientrato in camera, e sono arrivate almeno dieci macchine della polizia... quando sono uscito per spiegare mi hanno puntato i mitra addosso, mi hanno portato alla centrale e chiuso in una cella di un metro quadrato. Alle due e mezza mi hanno rimandato a casa, senza neppure farmi parlare col procuratore o con un giudice. Penso che inoltrerò una querela per abuso di autorità".

Cosa sia accaduto in quei concitati momenti è al centro degli accertamenti. Gli inquirenti, da noi contattati, confermano che vi è stato un diverbio, e che il titolare del Cécil ha esploso almeno due colpi a salve. Un gesto che voleva essere 'intimidatorio', come ci ha spiegato il diretto interessato, e che rischia di metterlo dei guai.

Subito allarmate, sono giunte sul posto squadre di  ben tre corpi: della Polizia cantonale, la Polizia Città di Lugano e della Ceresio sud.. Le perquisizioni effettuate subito dopo i fatti hanno consentito di scoprire che l'uomo era in possesso di altre due pistole e di una mazza da baseball. "Le pistole sono regolamente denunciate" ci risponde Iaria, glie le ho fatte trovare io, le tengo in cassaforte.

Inizialmente a carico dell'esercente era stato posto il reato di messa in pericolo della vita altrui ma una volta appurato che i colpi erano a salve, questa fattispecie sarebbe venuta a cadere, secondo le verifiche che abbiamo potuto effettuare ieri. Resterebbero per contro aperte le ipotesi di reato di minacce e di detenzione illegale di ami. Dalla Procura ci è stato risposto che il tutto rimane al vaglio degli inquirenti, e che chiaramente il fatto di non avere impiegato proiettili veri alleggerisce non poco la posizione del 73enne Iaria.

Il titolare del Cecil e dell'annnesso albergo Victoria in passato si era battuto anche pubblicamente per una maggiore regolamentazione del settore 'a luci rosse' ticinese. Pone l'accento sulla profonda differenza tra i night club e i postriboli. Ed evoca il pericolo della presenza di bande criminali legate alla prostituzione. Individui armati e pericolosi, cosa d'altra parte confermata da alcuni fatti di sangue successi negli anni. Ma a quanto pare anche i gerenti dei night non sarebbero del tutto disarmati, stando a quanto scoperto a Paradiso...

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
12 min
Terremoto in Turchia e Siria, il Governo dona 50mila franchi
Il Consiglio di Stato ticinese ha devoluto la somma alla Catena della Solidarietà
Bellinzonese
2 ore
Aeroporto di Ambrì, ‘gestione equilibrata da non sconvolgere’
Pur evidenziando margini di sviluppo, l’ente comunale non ritiene necessario spingere per favorire grossi insediamenti oltre alla Gottardo Arena
Mendrisiotto
2 ore
Palazzine al posto dell’ex grotto Valera, ci si riprova
I promotori immobiliari presentano una variante al progetto, in prima battuta contestato dalle associazioni e bocciato dai servizi cantonali
Luganese
4 ore
‘In ansia per i miei figli’: Mezhde rischia ancora l’espulsione
Verso il preavviso negativo da parte del Cantone. L’avvocata della famiglia curda: ‘Non tengono in considerazione che lei ha vissuto più qui che in Iraq’
Bellinzonese
4 ore
L’Eoc: caso chiuso. ‘Ma noi vogliamo vederci chiaro, aiutateci’
San Giovanni di Bellinzona, senza esito le verifiche avviate sulla segnalazione di ex infermiere malate che preparavano antitumorali a mani nude
Ticino
4 ore
Albertoni: ‘La frammentazione politica ci preoccupa non poco’
Il direttore della Camera di commercio: ‘Gli imprenditori hanno bisogno di certezze. Meno ideologia e più discussioni fondate su fatti concreti’
Ticino
4 ore
‘La nostra forza? La biodiversità investigativa’
Polizia giudiziaria. Ferrari e Gnosca: ‘Profili diversi, indagini performanti’. Sta per chiudersi il concorso per aspiranti ispettori e ispettrici
Centovalli
12 ore
Golino-Zandone, trasporto pubblico da potenziare
La richiesta di più corse bus da parte del Comune delle Centovalli e della Agie Charmilles (tramite Cit) recapitata alla Sezione della mobilità
Grigioni
13 ore
Giù la maschera! Roveredo si tuffa nel Carnevale Lingera
Inaugurata questa sera la 61esima edizione. Fra le novità la possibilità di acquistare i biglietti online e il percorso del corteo di sabato
Locarnese
14 ore
L’indebitamento pubblico preoccupa Gordola, su le imposte
Il Consiglio comunale sposa la linea del rapporto di minoranza della Gestione e alza il moltiplicatore dall’84 all’88 per cento, sconfessando il Municipio
© Regiopress, All rights reserved