laRegione
24.03.20 - 17:08
Aggiornamento: 18:01

Distribuzione di cibo a Lugano per chi ne ha bisogno

Mercoledì e giovedì al Padiglione Conza vi sarà la possibilità di ritirare viveri a media e lunga scadenza, frutta e verdura.

distribuzione-di-cibo-a-lugano-per-chi-ne-ha-bisogno

Visto l’accentuarsi della situazione coronavirus, in collaborazione con l’associazione Action Swiss, la Città di Lugano, le volontarie Vincenziane, la Conferenza del Cristo Risorto, i volontari della Fondazione amici della vita, diversi donatori e agricoltori ticinesi, si sono attivati per organizzare distribuzioni di cibo a media e lunga scadenza, frutta e verdura a favore della popolazione bisognosa in questo momento sprovvista di aiuti concreti e diretti. Le prime distribuzioni avranno luogo il mercoledì e il giovedì al Padiglione Conza dalle 14 alle 16 a partire da mercoledì e giovedì 25 e 26 marzo. 

Per non creare assembramenti, la distribuzione avverrà in modo alfabetico, come segue: 14 – 14.20 cognomi dall’A alla C; 14.21 – 14.40 cognomi dalla D alla G; 14.41 – 15.00 cognomi dall’H alla L; 15.01 – 15.20 cognomi dalla M alla P; 15.21 – 15.40 cognomi dalla Q alla T; 15.41 – 16.00 cognomi dalla U alla Z. 

Gli utenti sono pregati di indicare il numero delle persone che rappresentano. Le distribuzioni avverranno con il sistema del franchetto simbolico alla consegna del cibo e sono riservate esclusivamente a persone in comprovata indigenza finanziaria, in assistenza o in disoccupazione. Verranno eseguiti dei controlli. La continuità di queste distribuzioni dipenderà fortemente dalla collaborazione degli aventi diritto che sono pregati vivamente di attenersi alle disposizioni dei nostri volontari. 

In questo senso si cercano donatori di merce, grossisti, agricoltori, enti ecc., per cibo a media e lunga conservazione, come pure frutta e verdura che non sottostà alla catena del freddo. Per ulteriori informazioni si può contattare lo 079 3313505 oppure lo 079 5338584. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 min
‘Il nostro sistema democratico sta vivendo un momento di crisi’
La capacità di affrontare i cambiamenti e coinvolgere la popolazione è stato il tema del quarto Simposio tra Cantone e comuni
Bellinzonese
5 min
La valorizzazione della Sponda Sinistra si fa professionale
La Fondazione Valle Morobbia ha assunto Sabrina Bornatico per stimolare e coordinare progetti e iniziative della zona collinare del Comune di Bellinzona
Locarnese
52 min
‘Sfruttare la luce per illuminare anche le zone d’ombra’
È l’obiettivo che la Città di Locarno vuole raggiungere grazie alle indicazioni evidenziate nel rapporto della speciale Commissione municipale economia
Mendrisiotto
1 ora
No alla violenza, il Nebiopoli incontra gli allievi di 4ª media
‘È stato interessante. Ora faremo più attenzione’. Con la visita, i giovani hanno potuto scoprire l’apparato organizzativo e di sicurezza del Carnevale
Locarnese
2 ore
Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti
Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
Ticino
4 ore
Sedicenni in discoteca, ‘ci adeguiamo al resto della Svizzera’
La reazione a caldo di Daniel Perri, gerente di varie discoteche del Locarnese, come il Vanilla, la Rotonda e il Pix: ‘È importante per il turismo’
Mendrisiotto
4 ore
Il Plr ticinese è con la Sezione di Mendrisio
Il partito cantonale prende atto del ‘caso Cerutti’ e dichiara ‘piena fiducia’ ai suoi esponenti locali. Si ‘guarda avanti’
Bosco Gurin
5 ore
Metrò alpino, ‘un’apertura per tutta la Valle’
L’Associazione dei Comuni valmaggesi (Ascovam) scrive al direttore del Dipartimento del territorio per perorare la causa del collegamento con la Formazza
Ticino
7 ore
In discoteca a 16 anni, più flessibilità su orari e capacità
Al via la consultazione sulla proposta di revisione totale della Legge su esercizi alberghieri e ristorazione. Stop all’obbligo di presenza per il gerente
Ticino
8 ore
In Ticino la Legge sul salario minimo è rispettata al 97%
Solo il 2,9% delle aziende controllate, in tutto 122 su oltre 4’000, ha commesso infrazioni, in buona parte per errori di calcolo o di valutazione
© Regiopress, All rights reserved