laRegione
Luganese
20.03.20 - 16:59

I ripari 'definitivi' per la frana del San Salvatore

Varato un maxi progetto di premunizione: 24 milioni di franchi, la metà saranno spesi dalle Ffs

i-ripari-definitivi-per-la-frana-del-san-salvatore
Ti-press

"È vero che nei tempi passati ci sono già stati degli interventi: questo speriamo che sia l'ultimo. Se è definitivo? Penso di sì nel senso che raggiungeremo quella che viene definita la 'sicurezza accettabile" Secondo il geologo Andrea Pedrazzini, da noi interpellato, potrebbe essere la volta buona per fermare le croniche frane di massi sulla strada cantonale del Capo San Martino, e sulla sottostante linea ferroviaria. È infatti sulla rampa di lancio una grande opera di premunizione, dal costo preventivato in quasi 24 milioni di franchi, per circa la metà sovvenzionato dalle Ferrovie federali, promotrici del progetto e interessate a mettere in sicurezza la propria linea, destinata ad accogliere un crescente traffico di treni grazie ai nuovi trafori di Alptransit.

Il messaggio governativo

Il Consiglio di Stato da parte sua ha licenziato il messaggio all'indirizzo del Gran consiglio, che chiede lo stanziamento di un credito complessivo di 11 milioni 365 mila franchi, di cui un milione e 136mila franchi quale sussidio cantonale e 10 milioni e 228’500  quale sussidio federale. Lo scopo principale è appunto la messa in sicurezza della linea ferroviaria ai piedi del San Salvatore tra Paradiso e Melide (km 184.1 – km 185.7), in territorio dei Comuni di Lugano e Melide. Chiaramente della protezione accresciuta godrà anche la sovrastante strada cantonale che corre quasi parallela ai binari, pochi metri a monte.

Reti distrutte 

Negli anni questa situazione di franosità ha reso la parete  est della montagna tra Paradiso e Melide, una specie di 'Duomo di Milano' costantemente oggetto di lavori di posa e di pulizia delle reti, a volte rivelatasi insufficienti, con la caduta di massi sia sulla strada (dove provocarono un grave incidente) sia sui binari. "Il problema è la velocità molto elevata con cui i massi arrivano sulle reti, siccome vi sono cadute anche da 400 metri - ci spiega ancora Andrea Pedrazzini -. È già successo che delle reti paramassi venissero distrutte perché non erano dimensionate per urti simili. D'altra parte la montagna è molto friabile, composta di dolomia, vulcanite e materiale calcareo".

Il dipartimento del territorio ricorda che questa particolare situazione è stata causa negli anni di diversi eventi di crollo che hanno toccato le vie di transito (linea FFS e strada cantonale) con la conseguente messa in pericolo degli utenti, fortunatamente senza esiti letali. "L’evento più recente con un crollo di roccia di circa 50 mc avvenuto nella zona di progetto risale al 14 settembre 2015, in questa occasione la maggiore parte del materiale si è arrestato naturalmente sulla parte bassa del pendio mentre un masso di 2 mc ha raggiunto la strada cantonale assieme ad altri detriti rocciosi di minore pezzatura per un totale di circa 8 mc. Altro materiale ha oltrepassato la strada cantonale e si è arrestato a ridosso di una rete paramassi posata a protezione della linea ferroviaria. Dopo questo evento, sono stati attuati degli interventi urgenti di messa in sicurezza nell’attesa del presente progetto. Gli interventi di premunizione prevedono la posa di 1'278 m di nuove reti paramassi, il rinforzo di circa 505 m di reti esistenti e la realizzazione di 319 m di nuovi terrapieni di protezione. Inoltre sono previste delle misure “fiancheggiatrici” quali la sorveglianza dell’apertura di fessure e misure geodetiche di speroni e lastre rocciose di dubbia stabilità. Il progetto prevede pure diversi interventi di carattere naturalistico e paesaggistico che avranno lo scopo di minimizzare e compensare gli impatti generati dalle opere. In particolare sono previste delle piantagioni e dei rimboschimenti, come pure delle misure di lotta contro le specie neofite invasive. Si prevede inoltre di eliminare alcuni vecchi manufatti, depositi di materiale o aree ruderali dismesse, migliorando di conseguenza l'aspetto paesaggistico e naturalistico di questo importante comprensorio".

Un quarto dell'opera già realizzata

Circa un quarto dell'intervento previsto è già stato realizzato d'urgenza, nella zona tra Capo San Martino e Paradiso. Sono previste misure di sicurezza pre gli addetti che dovranno mettere in opera i nuovi ripari. "Verranno realizzati dei camminamenti" ci risponde Roland David capo della Sezione forestale. "È un terreno molto ripido, complicato, ci andrà personale già abituato a interventi in luoghi scoscesi". Per maggiore sicurezza, verranno create delle reti paramassi provvisorie, proprio per proteggere i lavoratori.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
6 min
La Castello Bene conquista il Nebiopoli 2023
Il corteo mascherato ‘cattura’ 20mila spettatori. Per gli organizzatori del Carnevale chiassese è l’edizione dei record
Luganese
2 ore
Auto contro moto a Novaggio, grave il motociclista
L’incidente sulla strada verso Miglieglia. Il giovane è stato sbalzato a terra dall’impatto frontale
Mendrisiotto
2 ore
Il Corteo di Nebiopoli fa il pieno di satira e pubblico
La sfilata mascherata si riappropria del centro cittadino tra guggen, gruppi e carri (venuti anche da fuori) e le cannonate di coriandoli da Sion
Luganese
3 ore
Scontro auto-moto a Manno, ferito il motociclista
L’incidente intorno alle 15:45 in via Cantonale. Non sono note le condizioni del ferito, portato in ospedale dopo i primi soccorsi sul posto
Luganese
6 ore
A Lugano incendio in una discarica in zona Stampa
Un grosso incendio si è sviluppato questa mattina provocando molto fumo e un odore sgradevole. Una persona in ospedale per intossicazione
Locarno
8 ore
Solduno, un poliziotto di prossimità gentile e apprezzato
Dopo 37 anni di servizio va in pensione il sergente maggiore Fabrizio Arizzoli. L’Associazione di quartiere esprime la sua gratitudine
Mendrisiotto
11 ore
“Nei paesini la gente è solidale, ma in città...”
Non sembra essere un periodo facile per il volontariato, che dopo la pandemia sembra aver perso drasticamente attrattiva
Ticino
15 ore
Caso Unitas, Mps e Noi (Verdi) tornano alla carica
Nuove interpellanze: ’Le risposte scritte del Consiglio di Stato sollevano altri interrogativi’
Luganese
15 ore
La comunità cripto trova casa in centro città
L’Hub s’insedierà nell’edificio che ospitava il Sayuri e una banca, tra via Motta e Contrada Sassello. Lunedì discussione generale in Consiglio comunale
Locarnese
15 ore
Scintille tra Gordola e la Sopracenerina sulle tariffe
Nuova lettera dal Municipio al CdA della Ses per fare chiarezza sui costi di produzione e i prezzi applicati. Dividendi? ’Si può rinunciare’
© Regiopress, All rights reserved