laRegione
11.03.20 - 14:44
Aggiornamento: 21.10.20 - 17:23

Moltiplicatore a Lugano, chi paga le spese giudiziarie?

Patrick Pizzagalli scrive a Città e Cantone suggerendo di porre a carico i 1'800 franchi ai capogruppo Plr e Ppd ed eventualmente a chi votò la riduzione

moltiplicatore-a-lugano-chi-paga-le-spese-giudiziarie
Palazzo civico, Lugano (Ti-Press)

Chi pagherà le spese giudiziarie legate alla sentenza del Tribunale amministrativo cantonale (Tram) che ha annullato la risoluzione del Consiglio comunale del novembre 2017 di riduzione del moltiplicatore d’imposta a Lugano dall’80 al 78%. A porre la questione è Patrick Pizzagalli a cui spettano 1’800 franchi di ripetibili. Lo stesso ricorrente ha scritto al Municipio di Lugano e al Consiglio di Stato una lettera esprimendo la propria perplessità considerando ingiusto il fatto che siano i contribuenti di Lugano a dover pagare i costi della procedura causata dalla negligenza grave del Consiglio comunale, in particolare da parte dei proponenti: i capigruppo Ppd Michel Tricarico e Karin Valenzano Rossi (Plr)”.

Decide il Consiglio di Stato

Perciò, Pizzagalli ha suggerito al Consiglio di Stato, a cui spetta la decisione che è inappellabile, di valutare l’avvio della cause nei confronti due capigruppo ed eventualmente di estenderla ai commissari della Gestione favorevoli e ai consiglieri comunali che hanno votato l’abbassamento del moltiplicatore. Difficile che il Consiglio di Stato possa avviare questo genere di procedura. Si è trattato di una decisione politica e se dovesse chiamare alla cassa chi non ha tenuto conto di un passaggio formale, aprirebbe una strada che potrebbe condurre ad ingolfare il funzionamento dello stesso Stato, sebbene le perplessità di Pizzagalli si possano capire. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
49 min
Trasporto di 712 grammi di eroina, l’incarto torna al Ministero
La droga è stata intercettata a Coldrerio. La Corte delle Assise criminali non ha approvato l’atto d’accusa emesso nei confronti di un 49enne svizzero
Ticino
3 ore
Le liste per Consiglio di Stato e Gran Consiglio hanno un numero
Sorteggiato l’ordine di apparizione sulla scheda delle prossime elezioni Cantonali del 2 aprile 2023. Domani la pubblicazione delle liste complete
Locarnese
4 ore
Cani liberi all’ex aerodromo di Ascona: le multe non piacciono
Municipio e Polizia replicano: ‘La legge parla chiaro: guinzaglio obbligatorio. Noi interveniamo su segnalazione di cittadini che reclamano’
Mendrisiotto
4 ore
Pozzo Polenta, l’inchiesta amministrativa si allarga
Adesso al tavolo dell’autorità cantonale ci sono entrambe le società petrolifere che hanno gestito la stazione di servizio
Mendrisiotto
7 ore
‘Io oggi sogno un Mendrisiotto unito’
Abbiamo parlato di aggregazione con Giorgio Fonio. E il consigliere comunale di Chiasso e gran consigliere ha una sua visione per il futuro
Gallery
Bellinzonese
7 ore
I terreni abbandonati ora profumano di lavanda
L’associazione Stregaverde ridà vita ai sedimi trascurati piantando fiori e spezie. Coltivata un’area vicino a Sasso Corbaro. Si cercano volontari e fondi
Locarnese
7 ore
Sébastien Peter alla guida dei servizi culturali cittadini
La scelta del Municipio di Locarno è caduta sul 38enne attivo nel campo della promozione culturale a Bienne. Inizierà il suo mandato in primavera
Ticino
7 ore
Unitas, ex membri di comitato: ‘Non sono denunce per ripicca’
Le testimonianze: ‘Siamo bersaglio di ostilità per aver portato alla luce gli abusi. Ci accusano di aver agito perché estromessi. O troppo tardi. È falso’
Luganese
14 ore
Plan B continua a dividere Lugano
Dalla discussione generale in Consiglio comunale, critiche più o meno velate da Ps, Verdi e Centro, mentre Udc, Lega e Plr lodano l’operazione
Bellinzonese
14 ore
Rubano materiale da hockey ad Arbedo: bottino di 300mila franchi
Il furto di pattini, bastoni e macchinari specializzati sarebbe avvenuto, stando alla Rsi, lo scorso fine settimana
© Regiopress, All rights reserved