laRegione
17.12.19 - 06:20

Vendita dell’autorimessa Arl a Viganello, la Stan ricorre

La pubblicazione della domanda di costruzione presentata da Artisa scade oggi e la Società ticinese per l’arte e la natura presenterà opposizione

vendita-dell-autorimessa-arl-a-viganello-la-stan-ricorre
Lo stabile Arl a Viganello (Foto Ti-Press)

«Sì, facciamo opposizione perché ci sono tante concause preoccupanti». Si allunga, per non dire complica, il percorso della domanda di costruzione inoltrata da Artisa per edificare un nuovo complesso multifunzionale sul sedime dell’autorimessa delle Autolinee regionali luganesi (Arl). L’istanza – la cui pubblicazione scade oggi – trova infatti sul proprio cammino l’opposizione della Società ticinese per l’arte e la natura (Stan), come confermatoci da Antonio Pisoni. Si tratta per ora dell’unico ricorso inoltrato contro la domanda; anzi al momento non ne sono pervenuti in quanto la Stan invierà oggi le proprie censure.

«Prima ancora di entrare nel merito, abbiamo esaminato la Legge edilizia cantonale e il Regolamento di applicazione comunale – spiega l’architetto –, e abbiamo visto che c’è una base legale per rispondere a quest’insensata corsa all’edificazione di alloggi». In particolare, il Piano regolatore mirerebbe «a regolare lo sviluppo edilizio nel limite della prevedibile evoluzione demografica ed economica, favorendo una prudente densificazione del tessuto urbanistico esistente. Sappiamo però che negli ultimi anni questo trend si è invertito e la popolazione è in calo. Non c’è uno sviluppo che giustifichi nuove costruzioni». Il progetto di Artisa, prevede però oltre a un centinaio di appartamenti a pigione moderata anche spazi pubblici e un hotel a tre stelle. «Riteniamo che in questo momento non ci sia l’esigenza per ulteriori contenuti alberghieri: andrebbero motivati».

Oltre a quelli giuridici, e altri ancor più tecnici, la Stan pone naturalmente l’accento su aspetti già sollevati da altri contrari al progetto. «Nel sedime c’era la stazione della vecchia ferrovia Lugano-Cadro-Dino. Ha un valore storico, identitario e architettonico importante. Dovremmo tutelarla: piuttosto che costruire un palazzo dalla dubbia qualità di vita per i futuri inquilini, vista anche la posizione su un’arteria molto trafficata, si potrebbe fare un uso intelligente di questi depositi per farne degli spazi pubblici».

La petizione? Quasi 1’400 firme

In attesa che l’iter giuridico e quello politico – ci sono due atti parlamentari a firma Plr pendenti – facciano il loro corso, la petizione online (su www.change.org) lanciata dal consigliere comunale Giovanni Albertini ha già raggiunto quasi le 1’400 sottoscrizioni a salvaguardia dello storico stabile.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
2 ore
‘Appalti internazionali, si chieda il certificato anti-mafia’
Con una mozione Ermotti-Lepori e altri deputati invitano il Consiglio di Stato a modificare il regolamento della legge sulle commesse pubbliche
Luganese
2 ore
Lugano, crisi in vista: nel 2023 -20% di reddito disponibile
Un rapporto della Statistica urbana prevede tempi duri per i cittadini di Lugano qualora l’attuale crisi perdurasse con la stessa intensità
Luganese
3 ore
Manno, datore di lavoro a processo per omicidio colposo
I fatti riguardano la morte di un suo dipendente nel 2017, caduto da circa 6 metri di altezza mentre lavorava. Secondo la difesa è colpa della vittima
Ticino
3 ore
Ffs, aumentano i passeggeri e i treni in transito in Ticino
Roberta Cattaneo: ‘Alle 70mila persone sui Tilo dobbiamo aggiungere le molte che usano Ir e Ic’. Zali: ‘Traffico passeggeri incrementato del 15%’
Ticino
4 ore
‘È una risposta concreta ai bisogni degli anziani’
La commissione parlamentare Sanità e sicurezza sociale firma il rapporto di Lorenzo Jelmini favorevole alla Pianificazione integrata
Ticino
4 ore
Malattie trasmissibili: esclusione da centri diurni e colonie
La nuova direttiva del medico cantonale estende il campo di applicazione. Giorgio Merlani: ‘Chiediamo il massimo scrupolo’
Mendrisiotto
5 ore
Oggi il punto di riferimento è l’Ente regionale per lo sport
A un anno dal varo si è già risposto ai bisogni del territorio. A cominciare dalla logistica. Lurati: ‘Il 2023 sarà il vero Anno zero’
Mendrisiotto
5 ore
Con ‘Gnammaggio e l’ApeRitivo’ alla scoperta della Val di Spinee
Pubblicato il quinto racconto per bambini scritto da Moreno Colombo. L’opera contiene anche dei disegni da colorare
Locarnese
6 ore
Locarnese: ‘Periferie e agglomerato, parti dello stesso albero’
Presentati i risultati di uno studio sulla demografia e il parco immobiliare di Onsernone, Verzasca, Vallemaggia e Centovalli. Con proposte di rilancio
Ticino
8 ore
I formaggi ticinesi premiati in Svizzera e nel mondo
Il ‘Merlottino’ della Lati ha ottenuto la medaglia di bronzo ai ‘World Cheese Awards’. Diversi premi anche a livello nazionale
© Regiopress, All rights reserved